0 6 minuti 2 mesi

Pubblicato:

Martedì Hamas ha affermato che la proposta israeliana di cessate il fuoco nella guerra a Gaza non soddisfa le richieste delle fazioni militanti palestinesi, ma studierà ulteriormente l’offerta e fornirà la sua risposta ai mediatori.

La proposta è stata consegnata alle milizie palestinesi dai mediatori egiziani e del Qatar durante i colloqui al Cairo che mirano a trovare una via d’uscita dalla devastante guerra nella Striscia di Gaza, giunta al suo settimo mese.

Per tutti gli ultimi titoli segui il nostro canale Google News online o tramite l’app.

I residenti hanno detto che martedì le forze israeliane hanno continuato gli attacchi aerei su Deir Al-Balah nel centro di Gaza e su Rafah sul confine meridionale dell’enclave. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ripetutamente segnalato piani per un attacco via terra a Rafah, dove sono rintanati più di un milione di civili sfollati, nonostante le richieste internazionali di moderazione.

I colloqui al Cairo, ai quali ha partecipato anche il direttore della Central Intelligence Agency statunitense William Burns, non sono finora riusciti a raggiungere una svolta verso la sospensione della guerra.

“Il movimento (Hamas) è interessato a raggiungere un accordo che metta fine alle aggressioni contro il nostro popolo. Nonostante ciò, la posizione israeliana rimane intransigente e non ha soddisfatto nessuna delle richieste del nostro popolo e della nostra resistenza”, ha affermato Hamas in una dichiarazione successiva all’ultima proposta di cessate il fuoco.

Ha detto che esaminerà ulteriormente la proposta e tornerà ai mediatori con la sua risposta.

Hamas vuole qualsiasi accordo per garantire la fine dell’offensiva militare israeliana, il ritiro delle forze israeliane da Gaza e per consentire agli sfollati di tornare alle loro case nella piccola enclave densamente popolata.

L’obiettivo immediato di Israele è quello di garantire il rilascio degli ostaggi sequestrati da Hamas durante la furia transfrontaliera del 7 ottobre che ha scatenato il conflitto. Dice che non porrà fine alla guerra finché non avrà annientato Hamas, che governa Gaza dal 2007.

Gli Stati Uniti stanno spingendo forte per un cessate il fuoco, dopo aver detto al loro alleato Israele di fare di più per proteggere i civili a Gaza e di concedere più aiuti per prevenire una carestia.

A Washington, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha detto che 400 camion di aiuti erano stati autorizzati ad entrare a Gaza il giorno precedente, descrivendolo come il numero massimo dall’inizio della guerra sei mesi fa. Ha detto che è stata presentata ad Hamas una buona offerta di cessate il fuoco, che dovrebbe accettarla.

Israele afferma che gli aiuti si stanno spostando a Gaza più rapidamente dopo le pressioni internazionali per aumentare l’accesso, ma l’importo è controverso e le Nazioni Unite affermano che è ancora molto inferiore al minimo indispensabile per soddisfare i bisogni umanitari.

Invasione di Rafah

Israele ha ritirato la maggior parte delle sue forze di terra dal sud di Gaza questa settimana dopo mesi di combattimenti, ma afferma ancora di voler lanciare un assalto a Rafah, al confine meridionale di Gaza con l’Egitto, dove si sta ora rifugiando più della metà degli abitanti di Gaza.

In uno dei primi segni di preparativi concreti per un attacco di terra, i media israeliani hanno riferito martedì che il ministero della Difesa israeliano stava acquistando 40.000 tende prima dell’evacuazione della città.

Gli Stati Uniti hanno avvertito Israele di non assaltare Rafah a causa dell’alto rischio di vittime civili e funzionari statunitensi e israeliani si incontreranno di persona tra un paio di settimane per discutere la questione, ha detto martedì la Casa Bianca.

“Non prevedo che venga intrapresa alcuna azione prima di questi colloqui, e del resto non vedo nulla di imminente… Resta nostra convinzione che importanti operazioni militari a Rafah sarebbero estremamente pericolose per i civili che si troverebbero in pericolo”. modo”, ha detto Blinken ai giornalisti a Washington.

Dei 253 ostaggi sequestrati da Hamas nel raid del 7 ottobre, 133 rimangono prigionieri. I negoziatori hanno parlato di circa 40 persone liberate nella prima fase dell’accordo.

Secondo i conteggi israeliani, i combattenti di Hamas hanno ucciso 1.200 persone nel sud di Israele nel fulmineo attacco del 7 ottobre. Almeno 33.360 palestinesi sono stati confermati uccisi in sei mesi di guerra, ha detto martedì il ministero della Sanità di Gaza in un aggiornamento, con altre migliaia di morti che si teme non siano stati ritrovati tra le macerie.

La maggior parte dei 2,3 milioni di persone dell’enclave sono senza casa e molti sono a rischio di carestia.

Squadre di emergenza palestinesi, sostenute da organizzazioni internazionali, hanno raschiato le macerie dell’ospedale Al-Shifa a Gaza City e della città distrutta di Khan Younis, nel sud, in seguito al ritiro delle truppe israeliane.

Finora le squadre hanno recuperato 409 corpi di palestinesi uccisi nell’ospedale, nei quartieri circostanti e a Khan Younis, secondo Mahmoud Basal, portavoce del Servizio civile di emergenza di Gaza gestito da Hamas. Israele ha detto che Al-Shifa è stata utilizzata come base militante, cosa che Hamas nega.

Un attacco aereo israeliano contro un edificio municipale nel campo di Al-Maghazi, nel centro di Gaza, ha ucciso il capo del suo consiglio, Hatem Al-Ghamri, e altri quattro civili, hanno detto l’ufficio stampa del governo e medici.

L’esercito israeliano ha affermato di aver eliminato Ghamri, che ha descritto come un agente militare del battaglione Maghazi di Hamas coinvolto nei lanci di razzi contro Israele.

Sorgente: Hamas sostiene che la proposta israeliana non è riuscita a soddisfare le richieste palestinesi, ma è ancora in fase di revisione