0 5 minuti 2 mesi

(Foto)Tania von Uslar-Gleichen (a sinistra), direttore generale degli affari giuridici per la Germania, partecipa all’udienza del secondo giorno di udienze presso la Corte internazionale di giustizia (ICJ) nella causa intentata dal Nicaragua contro la Germania riguardante gli aiuti finanziari e militari forniti dal paese europeo a Israele e la cessazione delle sovvenzioni all’organizzazione umanitaria UNRWA all’Aia, Paesi Bassi, il 9 aprile 2024 [Mouneb Taim – Anadolu Agency]

pulsante di condivisione di Facebook
pulsante di condivisione su Twitter
pulsante di condivisione di Reddit
pulsante di condivisione di whatsapp
pulsante di condivisione e-mail
condividi questo pulsante di condivisione

Può diventare più affollato? La Corte internazionale di giustizia, ovvero la Corte mondiale, è stata inondata di denunce che accusano di genocidio. Il luogo di interesse resta la Striscia di Gaza, oggetto del massacro incessante di Israele dal 7 ottobre dello scorso anno e dell’incursione oltre confine di Hamas. La ritorsione di Israele ha mostrato una ferocia così brutale da attirare l’attenzione di numerosi stati, compresi quelli non direttamente collegati alla questione.

Dato che il genocidio è un crimine di giurisdizione universale aborrito dal diritto internazionale, e data l’ampia applicazione della Convenzione delle Nazioni Unite sul genocidio intesa a prevenirlo e punirlo, i paesi normalmente non associati al rapporto tormentato e intriso di sangue tra Israele e i palestinesi hanno preso un vivo interesse. Il Sudafrica ha dato una scossa alla situazione con la sua presentazione di dicembre all’ICJ cercando di accertare che Israele stava commettendo atti di genocidio nella Striscia di Gaza.

Da allora, Pretoria ha convinto la corte a emettere due ordinanze provvisorie, una il 26 gennaio e l’altra il 28 marzo. Mentre la corte deve ancora decidere sulla questione se Israele sia colpevole del genocidio a Gaza, gli ordini vincolanti provvisori richiedono la revoca delle restrizioni sugli aiuti umanitari, la prevenzione della fame e della carestia e il rispetto della Convenzione sul genocidio delle Nazioni Unite. Tutto ciò allude fortemente alla condotta inconcepibile da parte delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) contro i civili palestinesi.

LEGGI: ​​Il ministro israeliano minaccia di rovesciare Netanyahu se Rafah non verrà attaccata

Le implicazioni di tali scoperte colpiscono anche gli alleati di Israele che sono ancora desiderosi di fornirgli armi, parti di armi e altro supporto di natura militare-industriale.

La Germania è stata la più importante in questo senso. Nel 2023, il 30% degli acquisti di attrezzature militari da parte di Israele, per un totale di 326 milioni di dollari, provenivano da Berlino. Anche il governo Scholz è stato un convinto sostenitore pubblico dell’offensiva israeliana. “C’è solo un posto per la Germania in questo momento”, ha detto il cancelliere tedesco al suo paese; legislatori il 12 ottobre, “cioè dalla parte di Israele”. Il ministro degli Esteri Annalena Baerbock ha aggiunto seccamente che “non è compito dei politici dire alle armi di stare zitte”.

Il commento di Baerbock è stato ancora più stridente se si considera una dichiarazione del 2006 di Frank-Walter Steinmeier, uno dei suoi predecessori nel ruolo. Con grande sicurezza, affermò allora che europei e tedeschi avevano svolto un ruolo determinante nel porre fine al conflitto tra Israele e Hezbollah in Libano “mettendo a tacere le armi”.

Consapevole di tale posizione, il Nicaragua sta ora portando avanti il ​​precedente sudafricano sostenendo che la Germania è complice del genocidio. Anche se il suo primato in materia di diritti umani è tutt’altro che ineccepibile – il governo di Daniel Ortega vanta un primato che comprende, tra le altre cose, l’ uccisione di manifestanti – il Nicaragua ha una posizione di rilievo presso la Corte Internazionale di Giustizia. Quarant’anni fa portò gli Stati Uniti davanti alla Corte Mondiale per aver assistito i Contras controrivoluzionari nel loro tentativo di rovesciare il governo sandinista.

La sua dichiarazione di 43 pagine alla Corte insiste sul fatto che la Germania è responsabile delle “gravi violazioni delle norme perentorie del diritto internazionale che hanno luogo” a Gaza per la sua incapacità di prevenire il genocidio “contro il popolo palestinese” e “ha contribuito” alla sua commissione violando le norme Convenzione sul genocidio. Si sostiene inoltre che la Germania non abbia rispettato i principi di diritto umanitario derivati ​​dalle Convenzioni di Ginevra del 1949, i suoi protocolli del 1977 e i “principi inviolabili del diritto internazionale” non riuscendo a “assicurare il rispetto di queste norme fondamentali in tutte le circostanze”.

La richiesta identifica inoltre l’attacco di Israele a Gaza con la “continua occupazione militare della Palestina”, contestando la presunta “prestazione di aiuto o assistenza” da parte della Germania nel mantenimento dello status quo nei territori occupati, mentre “presta aiuto o assistenza e non impedisce il regime illegale di apartheid e la negazione del diritto all’autodeterminazione del popolo palestinese”.

Sorgente: Germania, Gaza e la Corte Mondiale: ampliare la portata del genocidio – Middle East Monitor