0 5 minuti 1 mese

L'inviato delle Nazioni Unite afferma che le accuse di violenza sessuale commesse contro ostaggi israeliani non giustificano gli attacchi a Gaza
Pramila Patten, a destra, Rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la violenza sessuale nei conflitti, parla alla riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla guerra a Gaza presso la sede delle Nazioni Unite. (AP)
URL breve
Seguire
  • “In effetti, crea un imperativo morale per un cessate il fuoco umanitario per porre fine alle indicibili sofferenze imposte ai civili palestinesi a Gaza”, afferma Pramila Patten.
  • Patten stava parlando al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, dove era seduto ad ascoltare anche il ministro degli Esteri israeliano

NEW YORK: L’inviato delle Nazioni Unite   sulla violenza sessuale nei conflitti ha avvertito lunedì Israele che il reperimento di “informazioni chiare e convincenti” secondo cui alcuni ostaggi presi da Hamas durante l’attacco del 7 ottobre nel sud di Israele sono stati vittima di violenza sessuale “non un fatto  che può in alcun modo legittimare ulteriori ostilità”.
“In effetti, crea un imperativo morale per un cessate il fuoco umanitario per porre fine alle indicibili sofferenze imposte ai civili palestinesi a Gaza e ottenere il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi”, ha detto Pramila Patten al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, dove era presente anche il ministro degli Esteri israeliano. seduto e ascoltando.
“La continuazione delle ostilità non può in alcun modo proteggerli”, ha affermato. “Può solo esporli a ulteriori rischi di violenza, inclusa la violenza sessuale”.
Patten è intervenuta in una riunione del consiglio voluta da Israele e invitata da Stati Uniti, Regno Unito e Francia a concentrarsi sul suo recente rapporto, che ha anche trovato “fondati motivi” per credere che Hamas abbia commesso stupri, torture sessuali e altri atti crudeli e disumani. contro le donne durante l’attacco del 7 ottobre che ha ucciso circa 1.200 persone e ha portato alla presa in ostaggio di altre 250 persone.
Ha detto al consiglio che i 134 ostaggi ancora prigionieri e gli oltre 2 milioni di civili a Gaza “condividono un destino comune. Per il loro bene comune, è necessario che ci sia un cessate il fuoco umanitario adesso”. Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, l’offensiva in corso di Israele contro Hamas ha ucciso oltre 30.000 persone, due terzi delle quali donne e bambini.
Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha detto di essere venuto al consiglio “per protestare più forte che posso contro i crimini contro l’umanità” commessi da Hamas allo scopo di scoraggiare e spaventare la società israeliana.
Ha criticato fortemente il fallimento del Consiglio di Sicurezza in oltre 40 riunioni a partire dal 7 ottobre nel condannare le azioni di Hamas, affermando che l’organismo più potente delle Nazioni Unite dovrebbe dichiarare il gruppo estremista un’organizzazione terroristica e fare pressione su di esso affinché rilasci immediatamente gli ostaggi.
In una dichiarazione che ha sorpreso alcuni diplomatici, Katz ha osservato che lunedì era l’inizio del mese sacro musulmano del Ramadan e ha detto: “Permettetemi di cogliere questa opportunità per benedire i nostri fratelli musulmani: Ramadan Kareem”. Ciò significa trascorrere un Ramadan benedetto e generoso.
“Hamas non parla a nome del mondo musulmano”, ha detto Katz, “e vi chiediamo di condannare i crimini di violenza sessuale che questi barbari hanno commesso in nome della religione musulmana”.
Riyad Mansour, l’ambasciatore palestinese all’ONU, ha detto al consiglio che i musulmani di tutto il mondo stanno celebrando il Ramadan ma “a Gaza, morte e sofferenza si possono trovare ovunque. Cibo e speranza non si trovano da nessuna parte”.
Ha detto al consiglio che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu non vuole un cessate il fuoco perché la sua “sopravvivenza politica richiede che l’assalto continui”.
L’obiettivo di Israele, ha detto Mansour, “resta lo sfollamento forzato del nostro popolo rendendo Gaza invivibile”.
Ha espresso la speranza che il Consiglio di Sicurezza, che ha mostrato una reazione “senza precedenti” al rapporto di Patten convocando una riunione entro una settimana, risponda allo stesso modo alle denunce di aggressioni sessuali contro donne e ragazze, uomini e ragazzi palestinesi.

Sorgente: UN envoy says allegations of sexual violence committed against Israeli hostages do not justify attacks on Gaza

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20