0 6 minuti 3 mesi

Non smetteremo di denunciare le sofferenze di Gaza: non esiste giustizia climatica senza diritti umani
di Greta Thunberg e Fridays For Future Sweden
da The Guardian 5 dicembre
Più di 15.000 persone , di cui almeno 6.000 bambini. Questo è il numero di persone che Israele avrebbe ucciso nella Striscia di Gaza nel giro di poche settimane – e questi numeri sono ancora in aumento. Israele ha bombardato le infrastrutture sociali di base e obiettivi civili come ospedali, scuole, rifugi e campi profughi . Israele ha imposto un assedio, impedendo che cibo, medicine, acqua e carburante raggiungano i 2,3 milioni di palestinesi intrappolati nella Striscia di Gaza occupata, portando Oxfam ad accusare Israele di utilizzare “ la fame come arma di guerra”.
Decine di esperti delle Nazioni Unite hanno descritto la situazione come “un genocidio in divenire”, centinaia di studiosi internazionali hanno messo in guardia contro un genocidio in corso e l’eminente esperto israeliano di genocidio Raz Segal lo ha definito “un caso di genocidio da manuale”. Ma la maggior parte del mondo, in particolare il cosiddetto Nord globale, guarda dall’altra parte.
Nonostante questi orrori, alcuni hanno scelto di focalizzare il dibattito pubblico sui tentativi di delegittimare le dichiarazioni su Gaza fatte dai giovani del movimento per la giustizia climatica. Contrariamente a quanto molti hanno affermato, Fridays for Future non si è “radicalizzato” né “è diventato politico”. Siamo sempre stati politici, perché siamo sempre stati un movimento per la giustizia. Per noi la solidarietà con i palestinesi e con tutti i civili colpiti non è mai stata in discussione.
La difesa della giustizia climatica nasce fondamentalmente dall’attenzione per le persone e i loro diritti umani. Questo significa parlare quando le persone soffrono, sono costrette a fuggire dalle loro case o vengono uccise, indipendentemente dalla causa. È lo stesso motivo per cui abbiamo sempre organizzato scioperi in solidarietà con i gruppi emarginati – compresi quelli di Sápmi, del Kurdistan, dell’Ucraina e di molti altri luoghi – e le loro lotte per la giustizia contro l’imperialismo e l’oppressione. La nostra solidarietà con la Palestina non è diversa e ci rifiutiamo di lasciare che l’attenzione dell’opinione pubblica si sposti dalle terribili sofferenze umane che i palestinesi stanno attualmente affrontando.
A causa della quantità di attenzione mal indirizzata su di noi, nonché del numero di interpretazioni errate della nostra posizione , vorremmo chiarire ancora una volta la nostra posizione. Tutti i gruppi Fridays for Future sono autonomi e questo articolo non rappresenta il punto di vista di nessuno tranne che di FFF Sweden.
Gli orribili omicidi di civili israeliani da parte di Hamas non possono in alcun modo legittimare i crimini di guerra in corso in Israele. Il genocidio non è legittima difesa, né è in alcun modo una risposta proporzionata . Inoltre, non si può ignorare che ciò rientra nel contesto più ampio in cui i palestinesi hanno vissuto per decenni sotto un’oppressione soffocante, in quello che Amnesty International ha definito un regime di apartheid. Anche se tutto questo da solo sarebbe una ragione sufficiente per commentare la situazione, come movimento svedese, abbiamo anche la responsabilità di parlare apertamente a causa della cooperazione militare svedese con le compagnie di armi israeliane, che rende la Svezia complice dell’occupazione e delle uccisioni di massa di Israele.
Stiamo assistendo a un forte aumento di dichiarazioni, azioni e crimini d’odio antisemiti e islamofobici in Svezia e nel mondo. Il leader del più grande membro del blocco governativo di destra svedese parla di demolizione delle moschee , e la bandiera israeliana è stata bruciata davanti alla sinagoga di Malmö. Questo è inaccettabile. Condanniamo senza riserve ogni forma di discriminazione, compresi l’antisemitismo e l’islamofobia. Chiunque parli di questa crisi ha la responsabilità di distinguere tra Hamas, musulmani e palestinesi; e tra lo Stato di Israele, il popolo ebraico e gli israeliani.
Siamo addolorati per le vite perse nelle ultime settimane e siamo sconvolti dal fatto che a questi numeri sia stato permesso di continuare ad aumentare. Il tasso di mortalità nella Striscia di Gaza è ai massimi storici , con migliaia di bambini uccisi in poche settimane . Questa quantità di sofferenza è incomprensibile e non si può permettere che continui. Quando gli esperti delle Nazioni Unite chiedono al mondo di agire per prevenire un genocidio , come esseri umani, abbiamo la responsabilità di parlare apertamente.
Chiedere la fine di questa violenza ingiustificabile è una questione di umanità fondamentale e invitiamo tutti coloro che possono a farlo. Il silenzio è complicità. Non si può essere neutrali in un genocidio in corso.
Questo articolo è stato scritto da:
Greta Thunberg (lei/lei), attivista svedese che ha ispirato Fridays for Future, un movimento di scioperi scolastici contro l’inazione globale sul clima
Alde Nilsson, studentessa di sviluppo globale e attivista per la giustizia climatica con Fridays for Future Sweden
Jamie Mater, ricercatore e attivista per la giustizia climatica con Fridays for Future Sweden
Raquel Frescia, scrittrice/ricercatrice e attivista per la giustizia climatica con Fridays for Future Sweden
traduzione dalla pagina di Maurizio Acerbo

Sorgente: Maurizio Acerbo – UN ARTICOLO DI GRETA THUNBERG SU GAZA DA LEGGERE… | Facebook