0 6 minuti 3 mesi

01/12/2023

Signor Presidente, Illustri delegati,

 

Senzatomica condivide la dichiarazione di ICAN sull’universalizzazione e desidera fare alcune osservazioni aggiuntive riguardo agli sforzi per promuovere il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari TPNW negli Stati della NATO.

In molte occasioni, anche durante questo incontro, i membri della NATO hanno affermato di non poter aderire al TPNW perché sarebbe in conflitto con i loro obblighi verso la NATO. Ma che dire dei loro obblighi verso le Nazioni Unite? E verso i loro cittadini?

La decisione di firmare e ratificare questo Trattato, come qualsiasi altro Trattato, deve essere presa su base nazionale, in modo libero e indipendente, e non dettata da un’istituzione sovranazionale o dai suoi membri dotati di armi nucleari.

Il documento costitutivo della NATO, il Trattato Nord Atlantico, non menziona le armi nucleari. Anzi, parla dell’importanza della democrazia e dello Stato di diritto. La NATO riconosce da tempo che il controllo degli armamenti e il disarmo svolgono un ruolo importante nella promozione della pace nella regione euro-atlantica. Eppure, oggi l’Alleanza sta scoraggiando i suoi membri dall’aderire al TPNW. Questa situazione deve finire. È tempo che i membri della NATO dimostrino una leadership di principio sul disarmo nucleare, come alcuni hanno fatto in passato.

Gli sforzi del Canada per il disarmo negli anni ’70 e l’iniziativa umanitaria della Norvegia sulle armi nucleari del 2013 hanno creato dei precedenti per una simile leadership.

Di fronte all’intensificarsi del rischio di uso di armi nucleari, il ruolo di leadership dei Paesi della NATO è particolarmente cruciale, in quanto ci spinge verso un’azione necessaria.

Gli Stati della NATO non hanno alcun impedimento legale a diventare Stati parti del TPNW. Questo è stato confermato da istituzioni accademiche e autorità governative di diversi Stati della NATO. Il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari offre a questi Stati un mezzo pratico per rinvigorire il perseguimento dell’obiettivo dichiarato dalla NATO di ridurre ed eliminare la minaccia rappresentata dalle armi nucleari.

Aderendo al TPNW, gli Stati della NATO possono contribuire a costruire e consolidare una nuova e solida norma globale contro le armi nucleari, rafforzando le barriere contro la proliferazione, diminuendo la pressione per la corsa agli armamenti nucleari e aprendo percorsi per il disarmo. Ciò dimostrerà il loro genuino impegno ad adempiere agli obblighi di disarmo previsti dall’articolo VI del Trattato di non proliferazione. Come ha dichiarato la Norvegia, “non ci sono motivi per affermare che il [TPNW] sia contrario alle disposizioni del TNP sul disarmo secondo il diritto internazionale”.

In quanto Stati firmatari del TPNW, i membri della NATO potrebbero lavorare con gli altri Stati firmatari per garantire che il regime del Trattato si sviluppi in modo da offrire le migliori possibilità di assicurare l’eventuale adesione di tutti gli Stati dotati di armi nucleari. Potrebbero inoltre contribuire in modo significativo agli sforzi compiuti nell’ambito del TPNW per l’assistenza alle vittime e la bonifica dell’ambiente.

È tempo che i membri della NATO superino le restrizioni di un pensiero impulsivo e a breve termine sulle armi nucleari e riabbraccino una visione di disarmo nucleare. Un impegno positivo e costruttivo con l’ambito del TPNW – compresa l’adesione al Trattato per quei membri della NATO disposti e pronti a farlo – sarebbe un punto di partenza logico. La pressione dell’opinione pubblica per un’azione di questo tipo sta aumentando. I governi non possono ignorare indefinitamente la volontà democratica dei loro popoli.

Più di mille parlamentari degli Stati della NATO si sono impegnati a lavorare per la ratifica del TPNW da parte dei rispettivi governi, tra cui il primo ministro dell’Islanda, il vice primo ministro del Belgio e i ministri degli Esteri di Germania e Slovenia.

Più di 400 città e paesi della NATO si sono uniti al coro di sostegno al Trattato TPNW, tra cui Parigi, Berlino, Lussemburgo, Amsterdam, Oslo e Washington D.C.

Nel 2020, più di 50 ex presidenti, primi ministri, ministri degli Esteri e ministri della Difesa di 20 Stati della NATO – tra cui due che hanno ricoperto la carica di segretario generale della NATO – hanno firmato una lettera aperta a sostegno del TPNW. In quel documento scrivevano:

“Non possiamo permetterci di esitare di fronte a questa minaccia esistenziale per l’umanità. Dobbiamo mostrare coraggio e audacia – e unirci al [TPNW]… Dato l’ampio sostegno popolare nei nostri Paesi per il disarmo, questa sarebbe una mossa incontestabile e molto apprezzata”.

In questo contesto, la posizione dell’Italia è fondamentale. La presenza di armi nucleari statunitensi sul territorio italiano rappresenta un paradosso per l’aspirazione collettiva a un mondo libero dalle armi nucleari sostenuta da movimenti come Senzatomica e Rete Italiana Pace e Disarmo. Il percorso dell’Italia, influenzato dalla visione di Senzatomica, potrebbe indirizzare la nazione verso l’approvazione del TPNW, allineando così la sua posizione internazionale alla crescente richiesta interna di disarmo e di adesione ai trattati internazionali dedicati alla dignità umana e alla sicurezza globale.

Esortiamo gli attuali leader degli Stati della NATO, tra cui l’Italia, a dare ascolto a questo appello collettivo.

Grazie.

Sorgente: New York, la dichiarazione di Senzatomica al 2° meeting sul TPNW | Senzatomica