0 11 minuti 3 mesi

Rinchiudere i bambini e minacciare le loro famiglie di punizione se mostrano la minima emozione è la tattica terroristica più sporca.

Nonostante i tentativi sistematici dei media occidentali di normalizzare il terrorismo di stato israeliano, è inevitabilmente evidente, anche dalla loro lente distorta, quanto sia malvagio il regime di Netanyahu.

Tutti i palestinesi rilasciati finora nel quadro dello scambio di ostaggi da parte del regime israeliano sono donne e bambini. Donne e bambini! Perché erano in detenzione, in primo luogo? Che razza di regime dispotico fa questo?

Un’economia sostenuta fino in fondo, militarmente e diplomaticamente, dagli Stati Uniti e da altri governi occidentali. Questo per quanto riguarda i “valori occidentali”.

E nonostante tutti i loro coraggiosi tentativi di coprire crimini di guerra oltraggiosi, i media occidentali possono solo essere visti come spregevoli lavanderie a gettoni che lavano via il sangue. Sono complici di questo disgustoso genocidio quanto lo sono i governi statunitense ed europeo. La BBC e la CNN, ecc., sono le fonti di notizie più affidabili, secondo la loro pubblicità. Sì, le più fidate per farti vomitare.

Agli spettatori viene detto che gli “ostaggi” israeliani vengono scambiati con “prigionieri” palestinesi. L’implicazione offensiva è che gli israeliani detenuti dai militanti di Hamas sono più innocenti dei palestinesi detenuti dallo Stato israeliano.

Più di 7.200 palestinesi sono attualmente nelle carceri israeliane. Nelle ultime sei settimane, dagli attacchi mortali di Hamas del 7 ottobre, quando furono uccisi più di 1.100 israeliani (un terzo dei quali soldati e molte vittime civili uccise dalle forze di difesa israeliane con un’eccessiva potenza di fuoco letale), si sono verificati più di 3.000 arresti di palestinesi della Cisgiordania e di Gerusalemme Est gettati nei centri di detenzione.

I palestinesi vengono rinchiusi a un ritmo più elevato che mai. Per ogni palestinese rilasciato la scorsa settimana, più di dieci sono stati messi in detenzione. Ciò si fa beffe dei cosiddetti scambi di ostaggi di cui parlano i media occidentali.

Nel frattempo, un’ondata di violenza da parte delle forze statali israeliane e dei gruppi di coloni vigilanti ha ucciso oltre 240 palestinesi in Cisgiordania, tra cui quasi 60 bambini. Le ultime vittime sono due ragazzi, di 9 e 15 anni, uccisi a colpi d’arma da fuoco nella città di Jenin dagli assaltatori dell’IDF.

Il massiccio bombardamento di Gaza ha ucciso almeno 15.000 persone e quasi la metà del bilancio delle vittime è dovuto ai bambini. Altri 7.000 risultano dispersi e si ritiene che quasi la metà siano bambini.

Nei massacri episodici che il regime israeliano ha inflitto ai palestinesi nel corso dei 75 anni della sua esistenza, l’ultimo genocidio è grottescamente differenziato dall’enorme percentuale di bambini che vengono assassinati, imprigionati e torturati.

I media occidentali forniscono ritratti stucchevolmente emotivi degli israeliani rilasciati da Hamas. Le condizioni della loro prigionia a Gaza dal 7 ottobre sono descritte come traumatiche e infernali, anche se i pochi resoconti degli ostaggi pubblicati confermano che sono stati trattati relativamente bene e non hanno subito abusi. Sembra che lo Stato israeliano stia limitando qualsiasi intervista agli ex ostaggi proprio perché teme ciò che potrebbero dire, come alcuni hanno già rivelato, vale a dire che i militanti di Hamas li hanno trattati umanamente e anche che i carri armati dell’IDF hanno ucciso molti dei loro stessi cittadini con una potenza di fuoco sfrenata e sconsiderata. .

Prigionieri palestinesi rilasciati (sul fondo) ritornano co i loro cari

Per i palestinesi rilasciati, al contrario, i media occidentali danno una copertura trascurabile della loro esperienza di detenzione israeliana. Quali sono i loro nomi? Perché sono stati detenuti? Come sono stati trattati durante la detenzione? Il vuoto informativo disumanizza le vittime e maschera i carnefici.

Fortunatamente, Al Jazeera e altri media arabi e iraniani hanno lodevolmente riportato i palestinesi rilasciati in modo normale e umano.

Un servizio penetrante di Al Jazeera proveniva dall’angusta casa di Ahmad Saleimi (14 anni) a Gerusalemme est. Il giovane era tra i circa 210 palestinesi che sono stati finora rilasciati dagli israeliani in cambio dei prigionieri tenuti da Hamas. Era il detenuto più giovane.

Tutti i palestinesi rilasciati finora sono donne e bambini. Alcuni minori hanno trascorso anni nella cosiddetta detenzione amministrativa senza accusa né processo, altri in isolamento. Cioè, sotto tortura psicologica indefinita.

Al momento del suo rilascio, come per altri palestinesi, la famiglia di Ahmad Saleimi è stata severamente ammonita dal ministero degli interni israeliano di non festeggiare il suo ricongiungimento. Ahmad è stato minacciato di essere immediatamente nuovamente arrestato se la sua famiglia non avesse rispettato l’ordine. C’erano immagini strazianti della madre e del padre che baciavano il figlio in modo attenuato e represso. Senza dubbio temevano che qualsiasi segno di gioia potesse suscitare l’ira del regime. Quella che avrebbe dovuto essere un’occasione preziosa è stata rovinata dalla paura e dalla tensione di ritorsioni da parte degli israeliani.

Che crudeltà vendicativa! Centinaia di bambini come Ahmad vengono rapiti dalle loro case dai raid dell’IDF e gettati nelle segrete. Vengono picchiati, torturati e persino uccisi durante la detenzione. Sono accusati di lancio di pietre o di qualche altro atto di insurrezione, senza prove né giusto processo.

Bambini palestinesi detenuti in Israele

Il regime israeliano ha attualmente più di 7.000 ostaggi palestinesi, molti dei quali donne e bambini. Quando saranno tutti liberati? La cifra cumulativa nel corso degli anni ammonta a decine di migliaia. Alcuni bambini sono stati detenuti più volte e alcuni sono diventati adulti durante la detenzione.

oltraggiosi, i media occidentali possono solo essere visti come spregevoli lavanderie a gettoni che lavano via il sangue. Sono complici di questo disgustoso genocidio quanto lo sono i governi statunitense ed europeo. La BBC e la CNN, ecc., sono le fonti di notizie più affidabili, secondo la loro pubblicità. Sì, le più fidate per farti vomitare.

Agli spettatori viene detto che gli “ostaggi” israeliani vengono scambiati con “prigionieri” palestinesi. L’implicazione offensiva è che gli israeliani detenuti dai militanti di Hamas sono più innocenti dei palestinesi detenuti dallo Stato israeliano.

Più di 7.200 palestinesi sono attualmente nelle carceri israeliane. Nelle ultime sei settimane, dagli attacchi mortali di Hamas del 7 ottobre, quando furono uccisi più di 1.100 israeliani (un terzo dei quali soldati e molte vittime civili uccise dalle forze di difesa israeliane con un’eccessiva potenza di fuoco letale), si sono verificati più di 3.000 arresti di palestinesi della Cisgiordania e di Gerusalemme Est gettati nei centri di detenzione.

 

processo, altri in isolamento. Cioè, sotto tortura psicologica indefinita.

Al momento del suo rilascio, come per altri palestinesi, la famiglia di Ahmad Saleimi è stata severamente ammonita dal ministero degli interni israeliano di non festeggiare il suo ricongiungimento. Ahmad è stato minacciato di essere immediatamente nuovamente arrestato se la sua famiglia non avesse rispettato l’ordine. C’erano immagini strazianti della madre e del padre che baciavano il figlio in modo attenuato e represso. Senza dubbio temevano che qualsiasi segno di gioia potesse suscitare l’ira del regime. Quella che avrebbe dovuto essere un’occasione preziosa è stata rovinata dalla paura e dalla tensione di ritorsioni da parte degli israeliani.

Al momento del rilascio, vengono minacciati di non mostrare alcuna emozione nel momento in cui verranno accolti dalle madri, dai padri o dai fratelli più piccoli. Riesci a immaginare l’angoscia, la gioia, il dolore e l’ansia di essere ributtati in prigione per un capriccio del regime israeliano?

Questo ci parla della perversa barbarie del regime di occupazione sionista che Washington e i suoi alleati europei sostengono ampiamente con armi militari e copertura diplomatica e mediatica.

Dopo più di sei settimane di bombardamenti omicidi e incursioni dell’IDF negli ospedali dove i bambini prematuri muoiono in incubatrici defunte e fredde, tuttavia, nonostante tutto il suo feroce terrorismo criminale, il regime israeliano non ha sconfitto i combattenti armati di Hamas e altri gruppi di resistenza palestinese.

In effetti, il fatto che Hamas sia riuscito a rilasciare illesi quasi 100 civili israeliani dopo settimane di devastanti bombardamenti aerei, dimostra che il regime israeliano sostenuto dagli Stati Uniti ha fallito nel suo obiettivo dichiarato di distruggere Hamas. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e i suoi ministri dovrebbero essere licenziati per il miserabile fallimento e per le morti inutili, le distruzioni e i mostruosi crimini di guerra trascinati davanti a un tribunale internazionale per crimini di guerra – insieme a Joe Biden e altri politici occidentali.

Sembra che il regime di Netanyahu sia così disperato nel voler sconfiggere la popolazione palestinese che ha mostrato la più incredibile resilienza che questo spregevole regime sta ricorrendo a prendere di mira i bambini in ogni modo abominevole immaginabile. Bombardarli, sparargli, imprigionarli e torturarli. Mantenere la minaccia di una nuova incarcerazione è l’arma terroristica definitiva per intimidire e sopprimere le famiglie palestinesi. Quale genitore non sarebbe terrorizzato per il bene dei propri figli e non sarebbe tentato di placare i tormentatori per un po’ di pietà?

Rinchiudere i bambini e minacciare le loro famiglie di punizione se mostrano la minima emozione è la tattica terroristica più sporca per un regime israeliano psicotico nel suo storico diabolico fallimento.

Fonte: Strategic culture

Traduzione: Luciano Lago

Sorgente: Incapace di sconfiggere la resistenza palestinese, il regime israeliano intensifica le uccisioni e le torture sui bambini – controinformazione.info