0 4 minuti 5 mesi

 

Alleanza militare multinazionale sotto la guida di Washington per proteggere le rotte marittime nel Mar Rosso. Gli Ansarollah vogliono continuare gli attacchi.

Di Jörg Kronauer – Junge Welt

Gli Stati Uniti creano un’alleanza militare per proteggere le rotte marittime del Mar Rosso. La decisione è stata presa in seguito agli attacchi degli Ansarollah yemeniti (“Huthis”) alle navi mercantili che viaggiavano al largo delle coste dello Yemen. Finora, le navi da guerra di Stati Uniti e Regno Unito avevano cercato di abbattere il più possibile i droni e i missili in avvicinamento. Ora Washington vuole estendere questa azione a più Paesi e ha formato un’alleanza chiamata “Prosperity Guardian”. Finora sono coinvolti dieci Paesi: oltre a Stati Uniti e Regno Unito, altri cinque Paesi europei    (Francia, Italia, Spagna, Paesi Bassi e Norvegia), Canada, Seychelles e Bahrein. Come primo passo, sono previsti pattugliamenti congiunti al largo delle coste dello Yemen, cioè nel sud del Mar Rosso e nel Golfo di Aden.

Gli Ansarollah hanno risposto all’annuncio degli Stati Uniti affermando che continueranno i loro attacchi fino a quando Israele non fermerà la sua offensiva nella Striscia di Gaza. “Ogni escalation a Gaza è un’escalation nel Mar Rosso, e ogni calma a Gaza è considerata una calma nel Mar Rosso”, ha dichiarato Jusuf Al-Madani, un alto ufficiale militare degli Ansarollah. Si opporranno anche alla nuova alleanza militare guidata dagli Stati Uniti, ha affermato Mohammed Al-Bukhaiti, membro dell’ufficio politico degli Ansarollah. Secondo Al-Buchaiti, gli Stati Uniti avevano già preso contatti indiretti con la sua organizzazione per convincerla a cessare gli attacchi, ma invano.

Nel frattempo, ogni genere di cose è ancora in sospeso nel Prosperity Guardian. Ad esempio, non è chiaro quali Stati partecipanti siano disposti e in grado di abbattere droni e missili in avvicinamento. È anche incerto quali Stati aderiranno nei prossimi giorni. Il governo tedesco sta valutando la partecipazione; Agnieszka Brugger, politico militare del Partito Verde, ha chiesto martedì, in modo profetico, che Berlino non “rifiuti di riflesso una missione in nessuna circostanza”. Secondo un rapporto di Al-Jazeera, si ritiene possibile anche il coinvolgimento di Giordania ed Egitto. L’Egitto non vuole ostacolare la richiesta di Ansarollah di fermare l’offensiva militare israeliana, ha spiegato l’emittente qatariota. Tuttavia, dipende finanziariamente dal libero passaggio attraverso il Canale di Suez e quindi anche attraverso il Mar Rosso. L’Arabia Saudita, invece, è probabilmente vicina a un accordo di pace con gli Ansarollah e non vuole metterlo a rischio partecipando all’alleanza militare statunitense.

Il livello relativamente basso di partecipazione finora – il Segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin aveva lanciato un appello a più di 40 Paesi affinché sostenessero il “Prosperity Guardian” – è una battuta d’arresto per gli Stati Uniti, così come il fatto che, a partire da martedì, solo un Paese arabo sta partecipando.

Nel frattempo, si stanno chiaramente delineando gravi danni economici. Almeno dodici compagnie di navigazione hanno cancellato i loro viaggi attraverso il Mar Rosso, tra cui le quattro maggiori compagnie di navigazione del mondo e la BP, la prima compagnia petrolifera a farlo. Le lunghe deviazioni intorno al continente africano costano molto denaro e tempo. Secondo gli ambienti economici, i ritardi si ripercuoteranno sulle catene di approvvigionamento al più tardi a partire da gennaio. Quando nel marzo 2021 una nave da carico trasversale bloccò il Canale di Suez per sette giorni, il danno fu stimato in almeno un miliardo di dollari abbondante.

Sorgente: Gli Stati Uniti stanno formando un’alleanza militare nel Mar Rosso