0 6 minuti 3 mesi

di Max Blumenthal* – The Gray Zone

 

Fondato da uno stupratore seriale noto come il “Jeffrey Epstein degli Haredi”, il gruppo di soccorso ultraortodosso israeliano ZAKA è responsabile di alcune tra le più oscene falsificazioni delle atrocità del dopo il 7 ottobre, dai bambini decapitati allo “stupro di massa”, fino al feto strappato alla madre.

Il Segretario di Stato Tony Blinken e il Presidente Joseph Biden hanno fatto eco a testimonianze ZAKA palesemente false sulle atrocità di Hamas.

Accusata di frode finanziaria, ZAKA sta sfruttando la notorietà del 7 ottobre per raccogliere somme di denaro senza precedenti.

Il rivale, United Hatzalah, ha raccontato storie false di bambini bruciati nei forni mentre si avvicina al traguardo di 50 milioni di dollari di raccolta fondi.

Durante un’udienza del 31 ottobre al Senato sulla guerra di Israele a Gaza, il Segretario di Stato Antony Blinken ha esposto le sue ragioni per rifiutare un cessate il fuoco. Esibendo tutta l’emozione possibile per un tetro funzionario del Partito Democratico, Blinken ha evocato una scena raccapricciante per illustrare la ferocia di Hamas e l’impossibilità di negoziare con una simile organizzazione: “Un bambino e una bambina, di 6 e 8 anni, e i loro genitori intorno al tavolo della colazione”, ha raccontato Blinken. “”Al padre è stato cavato un occhio davanti ai suoi figli. Il seno della madre tagliato, il piede della bambina amputato, le dita del ragazzo tagliate prima dell’esecuzione”.

Il Segretario di Stato ha concluso: “Ecco con cosa ha a che fare questa società [israeliana]”.

Sebbene Blinken non abbia specificato la fonte della sua inquietante affermazione – e se non è stato spinto a farlo da qualche senatore – essa corrisponde alla testimonianza di Yossi Landau, il responsabile delle operazioni per la regione meridionale di Israele di un’organizzazione religiosa di “identificazione delle vittime di disastri” chiamata ZAKA. In effetti, Landau ha ripetuto in varie forme la storia a cui Blinken ha fatto riferimento dal 12 ottobre, descrivendo come i miliziani di Hamas abbiano ferocemente mutilato e ucciso un bambino di 6 e 8 anni e i loro genitori nel Kibbutz Beeri prima di pranzare nella loro casa.

Nonostante la presenza di diversi potenziali testimoni all’interno di Beeri prima che ZAKA arrivasse a raccogliere i cadaveri, non sono ancora emerse testimonianze indipendenti che confermino le affermazioni di Landau. Inoltre, non sono stati registrati decessi di fratelli e sorelle di età compresa tra i 6 e gli 8 anni a Beeri il 7 ottobre. Anche la documentazione relativa a un bambino ucciso nel modo descritto da Landau è inesistente, così come le foto della famiglia assassinata da lui descritta. In effetti, gli unici fratelli vicini a questa fascia d’età che sono morti nella comunità quel giorno, due gemelli di 12 anni, Liel e Yanai Hetrzroni, sono stati uccisi dai bombardamenti dei carri armati israeliani.

La storia di Landau – e, per estensione, la testimonianza di Blinken davanti al Senato – sembra quindi essere stata inventata di sana pianta; una cinica montatura volta a drammatizzare la presunta barbarie di Hamas al fine di ampliare lo spazio politico per la furia di Israele nella Striscia di Gaza. Come dimostrerà questa inchiesta, il racconto di Landau è stato solo una delle tante frottole inventate da una ristretta cerchia di personaggi ambigui che sono riusciti a plasmare la narrazione ufficiale del 7 ottobre nei media occidentali.

Sebbene i funzionari israeliani abbiano svolto un ruolo centrale nella campagna di disinformazione di Tel Aviv sugli eventi del 7 ottobre – sostenendo falsamente, ad esempio, che i corpi di bambini ebrei morti sono stati trovati penzolanti da un filo del bucato in un kibbutz – le accuse più scottanti sono emerse da un insieme di organizzazioni di volontari ultraortodossi come ZAKA. Sebbene ZAKA sia specializzata “nella raccolta e nello smaltimento dei cadaveri”, il gruppo non ha credenziali scientifiche e si avvale di una massa di volontari scarsamente addestrati.

Dalla “conferma” della storia fraudolenta di bambini decapitati trovati in un kibbutz alla sfacciata invenzione di altre storie di combattenti di Hamas che asportano feti dal corpo di donne incinte, recidono il braccio di una bambina e bruciano un bambino in un forno, ZAKA e i gruppi rivali hanno dimostrato un notevole talento nell’alimentare i media con racconti sconvolgenti di presunte brutalità di Hamas. Così facendo, hanno armato leader occidentali come Blinken e il presidente Joe Biden con la narrativa che avrebbero usato come arma per bloccare le proposte di cessate il fuoco e riarmare un esercito che ha ucciso oltre 15.000 civili a Gaza in meno di due mesi.

Sorgente: 7 ottobre, la vera storia del “gruppo di soccorso” israeliano fonte delle principali fake news – GUERRE E IMPERIALISMO – L’Antidiplomatico