0 3 minuti 4 mesi

Da quando Hamas ha attaccato Israele il 7 ottobre, il presidente Biden si è presentato come uno statista umiliato e illuminato dai passi falsi del suo paese dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001. “Mentre sentite quella rabbia”, ha consigliato agli israeliani,  non non esserne consumato.

Il signor Biden intendeva offrire più della semplice terapia. I funzionari della Casa Bianca hanno presto rivelato di essere profondamente preoccupati per i piani israeliani di invadere la Striscia di Gaza. Temevano che l’operazione non sarebbe riuscita a sradicare Hamas, avrebbe ucciso e ferito ingiustamente civili palestinesi e avrebbe potenzialmente scatenato una guerra più ampia. Ma questi funzionari lo hanno detto in modo anonimo. In pubblico, Biden ha dichiarato un convinto sostegno all’azione militare israeliana, esortando allo stesso tempo Israele a rispettare le leggi di guerra. Apparentemente pensava che l’alleato dell’America abbracciasse l’orso , era il modo più sicuro per trattenerlo – o l’unico modo in cui era disposto a provare.

Eppure quella mossa è fallita. Israele ha portato avanti un’offensiva di terra: le sue forze hanno raggiunto Gaza City tra continui bombardamenti aerei e il blocco dell’enclave. Questo per quanto riguarda l’abbraccio restrittivo del signor Biden. Difficilmente ci si poteva aspettare che i leader israeliani, scossi da un odioso assalto, prestassero ascolto alle semplici parole di Washington. Dopo l’11 settembre, gli Stati Uniti avrebbero cambiato la loro condotta in ossequio al gentile consiglio di una potenza esterna?

È Biden che non ha imparato dagli errori dell’America, gettandosi a capofitto nell’ultima guerra. Sostenendo Israele incondizionatamente e non difendendo anche i diritti dei palestinesi, ha reso gli Stati Uniti complici di qualunque cosa Israele abbia fatto successivamente. I costi, in termini di prestigio e potere americano, si sono già rivelati notevoli. E potrebbero andare molto peggio.

Sorgente: Opinion | America Hugged Israel Close. Maybe It Shouldn’t Have. – The New York Times