0 3 minuti 3 mesi

Hamas ha confermato una proroga di due giorni della tregua con Israele, come annunciato dal Qatar. In una nota, il Movimento palestinese ha fatto sapere che il cessate il fuoco proseguirà alle stesse condizioni della precedente tregua in vigore fino ad oggi. Da venerdì, in base a questo accordo, sono stati rilasciati 39 ostaggi palestinesi e 117 prigionieri.

Altri 24 ostaggi, per lo più thailandesi che lavoravano in Israele, sono stati rilasciati al di fuori dell’accordo tra Hamas ed Israele in quanto riconosciuti estranei al conflitto che oppone palestinesi e israeliani.

Anche il portavoce del governo israeliano Eylon Levy ha dichiarato di aver proposto ad Hamas un’”opzione per un’estensione” della tregua nella Striscia di Gaza. “Vogliamo ricevere altri 50 ostaggi oltre questa notte per riportare tutti a casa“, ha dichiarato Levy ai giornalisti annunciando la mossa.

Un portavoce del governo israeliano ha fatto sapere che il numero totale degli ostaggi ancora detenuti a Gaza ammonta a 184, inclusi 14 stranieri e 80 israeliani con doppia nazionalità.

Ma Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu continua ad essere ambiguo sulla questione. “Ipotizzare il rilascio di altri dieci ostaggi ogni giorno è una benedizione. Ma dopo l’accordo torneremo al nostro obiettivo: eliminare Hamas“.

Akiva Eldar, giornalista di Haaretz, ha dichiarato ad Al Jazeera che la mancanza di informazioni sugli ostaggi israeliani liberati potrebbe essere dovuta in parte al desiderio delle autorità di Tel Aviv di negare ad Hamas qualsiasi pubblicità positiva.

Stiamo assistendo a una campagna mediatica, una campagna pubblica. Le autorità israeliane stanno facendo del loro meglio per non mostrare alcuna compassione ai palestinesi“, ha detto il collaboratore di Haaretz.

Parlando di Yocheved Lifshitz, 85 anni, liberata da Hamas prima dell’inizio della tregua, ha detto che “l’ospedale che ha curato uno dei primi ostaggi… è stato criticato per aver offerto accesso ai media“.

Alcuni hanno persino criticato la Lifshitz per aver espresso dichiarazioni pubbliche positive su Hamas per averla trattata con una condotta umana“, ha detto Eldar.

Israele vuole evitare che ciò si ripeta, ha proseguito. “I prigionieri che vengono rilasciati e raccontano storie positive sul modo in cui Hamas li ha trattati, non rendono un grande servizio alla campagna mediatica israeliana“.

Sorgente: Gaza. Prosegue la tregua. Ostaggi rilasciati motivo di imbarazzo per il governo – Contropiano