5 March 2024
0 4 minuti 5 mesi

Famiglia palestinese di cinque persone uccisa a colpi di arma da fuoco in Israele mentre l’ondata di omicidi persiste
27 settembre 2023
Cinque membri di una famiglia palestinese sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco nella loro casa in Israele – l’ultimo di un’ondata di omicidi legati alla criminalità nelle comunità palestinesi del paese che ha raggiunto un nuovo picco quest’anno.
I palestinesi costituiscono circa un quinto della popolazione israeliana [Daniel Rolider/Getty-archive]

Cinque membri di una famiglia palestinese sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco nella loro casa in Israele , ha detto la polizia mercoledì, nell’ultima di un’ondata di omicidi legati alla criminalità nelle comunità palestinesi del paese che ha raggiunto un nuovo picco quest’anno.

La sparatoria contro i cinque, tra cui una donna e due adolescenti, nella città beduina di Basmat Tab’un ha fatto seguito a un altro incidente in cui un uomo di 50 anni è stato ucciso mercoledì.

Più di 180 cittadini palestinesi in Israele sono stati uccisi in violenze legate alla criminalità da gennaio – un numero record in sette anni – in un’ondata di omicidi che è continuata incontrollata, suscitando accuse secondo cui il governo nazionalista religioso del primo ministro Benjamin Netanyahu stava ignorando lo spargimento di sangue.

“Israele ha le capacità, il governo israeliano capisce cosa deve essere fatto, tutti capiscono cosa deve essere fatto, semplicemente non c’è né volontà né leadership”, ha detto Mansour Abbas, leader di uno dei partiti che rappresenta la minoranza palestinese di Israele.

I sindaci palestinesi hanno accusato il governo e la polizia di trascurare deliberatamente le loro comunità e di consentire ai criminali di agire impunemente. Si sono rifiutati di collaborare con il ministro della Sicurezza Nazionale di estrema destra Itamar Ben-Gvir , che ha precedenti condanne per sostegno al terrorismo e incitamento anti-arabo, e hanno chiesto invece che Netanyahu intervenisse.

Mentre Israele si trova ad affrontare la peggiore crisi politica degli ultimi decenni, a causa della spinta di Netanyahu a portare avanti una revisione controversa del sistema giudiziario, i cittadini palestinesi affermano che il crollo della sicurezza personale nelle loro comunità deve ricevere maggiore attenzione da parte del governo.

Ben-Gvir, che non ha commentato immediatamente l’incidente di mercoledì, ha respinto le accuse di inerzia. Ha affermato che la lotta alla criminalità è una delle sue priorità e che la polizia ha intensificato l’attività di repressione del crimine, compreso il sequestro di armi e fondi ai gruppi criminali.

“Come polizia, faremo di tutto per arrivare agli assassini”, ha detto il portavoce della polizia Eli Levi ai giornalisti sulla scena del crimine di mercoledì.

La maggior parte dei cittadini arabi di Israele discendono dai palestinesi sopravvissuti alla pulizia etnica e allo sfollamento di massa da parte delle milizie sioniste che accompagnarono la fondazione dello Stato israeliano nel 1948. Costituiscono circa un quinto della popolazione israeliana.

Per decenni hanno dovuto far fronte ad alti tassi di povertà, scuole con scarsi finanziamenti e città sovraffollate e prive di servizi, e affermano di essere trattati come cittadini di seconda classe rispetto agli altri cittadini israeliani.

Sorgente: Palestinian family of five shot dead at home in Israel

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot