0 3 minuti 11 mesi

Il giornalista statunitense Tucker Carlson, noto conduttore recentemente licenziato da Fox News, ha intervistato in quel di Budapest il Primo Ministro ungherese Viktor Orbán. Durante questa chiacchierata Orbán ha condiviso le sue opinioni e preoccupazioni riguardo alla situazione in Ucraina, alle relazioni tra Stati Uniti e Russia, e alla politica estera, con osservazioni argute e una posizione audace su questioni internazionali scottanti. La conversazione offre uno sguardo differenti sulle prospettive e le valutazioni di uno dei leader più influenti dell’Europa orientale.

Questa la traduzione della sintesi proposta dal portale ZeroHedge:

Durante la recente visita di Tucker Carlson a Budapest, dove ha tenuto un discorso scusandosi per il “ripugnante” comportamento dell’Ambasciatore degli Stati Uniti in Ungheria, l’ex presentatore di Fox News ha conversato con il Primo Ministro ungherese Viktor Orbán.

Orbán, il più longevo Primo Ministro dell’Ungheria, sa qualcosa riguardo a Russia e Ucraina (una nazione con cui condivide un confine), quindi Tucker ha discusso con lui per chiedergli – cosa sta succedendo esattamente in Ucraina in questo momento (dato l’oscurità propagandistica delle notizie negli USA).

“Non è solo un fraintendimento, è una menzogna”, inizia Orbán, quando gli viene chiesto il motivo per cui i media statunitensi continuino a sostenere che ‘l’Ucraina stia vincendo’ la guerra.

Il leader ungherese suggerisce che l’amministrazione Biden non comprende la Russia e che cercare di rimuovere Putin potrebbe portare a una pericolosa instabilità.

“Capire i russi è una cosa difficile, specialmente se hai un oceano tra te e la Russia”.

Orbán sottolinea che le conversazioni politiche occidentali spesso ruotano attorno alla libertà, mentre le conversazioni russe si concentrano sulla tenuta del paese unito, e mette in guardia contro le pericolose implicazioni della strategia degli Stati Uniti, in particolare per paesi come l’Ungheria che sono geograficamente più vicini al conflitto.

“Non fraintendeteli i russi. Non si stancheranno di Putin e non lo cacceranno, dai, è una barzelletta”.

Critica il vicepresidente Kamala Harris per aver suggerito che l’Ucraina potesse unirsi alla NATO, definendola una proposta irrealistica che ha acuito le tensioni.

Invece, il Primo Ministro ungherese invoca una nuova architettura della sicurezza che rispetti la sovranità dell’Ucraina ma che non includa l’appartenenza alla NATO.

Sorgente: Viktor Orban lancia l’allarme: “La terza guerra mondiale sta bussando alla porta” – WORLD AFFAIRS – L’Antidiplomatico


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.