0 4 minuti 10 mesi

6 luglio 2023 alle 8:05 |

Una vista della strada distrutta e delle infrastrutture danneggiate dopo gli attacchi israeliani a Jenin, in Cisgiordania, il 4 luglio 2023 [Issam Rimawi/Anadolu Agency]

(Foto) Una vista della strada distrutta e delle infrastrutture danneggiate dopo gli attacchi israeliani a Jenin, in Cisgiordania, il 4 luglio 2023 [Issam Rimawi/Anadolu Agency]
condividi questo pulsante di condivisione

Jenin sta parlando molto delle notizie in questi giorni, in particolare il suo campo profughi noto semplicemente come Jenin Camp. La città si trova nell’estremo nord della Cisgiordania occupata da Israele, con profonde radici nella terra di Palestina che risalgono a molto prima che lo Stato di Israele nascesse.

Il campo profughi, però, è nato solo nel 1953. È un piccolo pezzo di terra, a circa un chilometro a ovest del centro di Jenin, costruito su un’area di meno di mezzo chilometro quadrato, eppure ospita quasi 18.000 palestinesi . È uno dei luoghi più densamente popolati al mondo, con una stima di 33.000 persone per kmq.

Quando è stato fondato 70 anni fa, come la maggior parte dei campi profughi palestinesi, doveva essere una casa temporanea per poche centinaia di persone sfollate con la forza quando Israele è stato creato nel 1948. L’età media della popolazione attuale è inferiore ai 20 anni, il che significa che sono la terza e la quarta generazione di palestinesi sfollati provenienti da diverse parti della loro patria occupata.

LEGGI: ​​L’80% delle case a Jenin danneggiate nel raid israeliano

Nel 1967, Israele in continua espansione occupò l’intera Cisgiordania, inclusa Jenin, sfollando per la seconda volta molti dei residenti del campo. Dopo i famigerati Accordi di Oslo del 1993 che istituirono l’Autorità Palestinese, l’area che includeva il campo passò sotto il suo dominio apparente. Ciò non è cambiato molto per le persone che vivono lì. Il campo di Jenin, come gli altri 52 campi profughi della Cisgiordania, è privo di servizi di base e ha il più alto tasso di disoccupazione della regione.

Il campo è diventato un mal di testa per l’esercito israeliano e l’establishment della sicurezza, in particolare durante la seconda intifada palestinese. Nel 2002 gli israeliani hanno combattuto una sanguinosa battaglia di dieci giorni a Jenin, distruggendo case e uccidendo e sfollando altri civili. Da allora il luogo è stato associato alla feroce resistenza contro l’occupazione israeliana. I palestinesi la soprannominano la capitale dei martiri e Israele crede che oltre la metà delle legittime operazioni di resistenza contro il suo esercito e le orde di coloni illegali nell’ultimo decennio abbiano avuto origine a Jenin. L’emergere più recentemente delle Brigate Jenin come gruppo di combattimento unito sembra aver alterato il modo in cui i palestinesi combattono contro l’occupazione israeliana.

In tal caso, si potrebbe pensare che la soluzione più saggia per porre fine alla violenza a Jenin e ovunque nella Palestina occupata sia semplice: lasciare che il popolo palestinese torni alle proprie case e alla propria terra, come è loro diritto ai sensi del diritto internazionale. I campi profughi e le questioni associate scomparirebbero più o meno dall’oggi al domani.

Sorgente: Jenin refugees: displaced yesterday, but fighting back today and tomorrow – Middle East Monitor

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20