0 7 mesi
Lavoratori in un porto petrolifero in Libia il 24 settembre 2020 [AFP/Getty Images]

Lavoratori in un porto petrolifero in Libia il 24 settembre 2020 [AFP/Getty Images]
pulsante di condivisione facebook
pulsante di condivisione di TwitterIl petrolio è sempre stato al centro della crisi libica sin da quando è scoppiata nel 2011, e rimane un fattore decisivo in qualsiasi accordo a lungo termine per il paese in difficoltà. I proventi del petrolio sono la principale fonte di reddito della Libia, dove quasi tutti i cittadini ricevono denaro dal governo in un modo o nell’altro.

I pesanti sussidi governativi per quasi tutti i prodotti si sono quasi prosciugati dal rovesciamento del governo di Gheddafi nel 2011, ma i soldi del petrolio sono ancora la fonte degli stipendi del settore pubblico e dei sussidi per il carburante a beneficio di quasi tutti i libici. Secondo i dati ufficiali , i sussidi per il carburante nei primi cinque mesi del 2022 ammontavano a circa 700 milioni di dollari.

Il controllo sul flusso di denaro e su come viene speso rende la compartecipazione alle entrate petrolifere un fattore importante nelle dinamiche politiche del paese, portando in molte occasioni ad armare il flusso di petrolio stesso bloccandolo. La Libia è anche un paese cronicamente corrotto dove la spesa dispendiosa è stata il denominatore comune dei governi che si sono succeduti dal 2011. Si stima che solo negli ultimi due anni il tesoro nazionale abbia perso circa 42 miliardi di dollari, la maggior parte dei quali è andata a milizie, signori della guerra, funzionari corrotti e, soprattutto, uso improprio di fondi pubblici.

LEGGI:  ​​Le Nazioni Unite potrebbero iniziare a rimuovere il petrolio questa settimana dalla decadente petroliera dello Yemen

Lo stallo politico e la mancanza di qualsiasi soluzione politica alle crisi del paese nel prossimo futuro hanno recentemente portato alla ribalta la questione dei soldi del petrolio. Il generale Khalifa Haftar, la potenza dominante nella Libia orientale, ha minacciato la guerra se non si trova una soluzione e non si frenano le spese dispendiose e la corruzione. Parlando davanti ai suoi massimi comandanti nella Libia orientale il 3 luglio, Haftar ha intensificato le sue pressioni sul governo di unità nazionale con sede a Tripoli affinché escogiti un’altra formula per condividere i soldi del petrolio. Accusando il governo di corruzione e sprechi di spesa ha affermato che il “saccheggio di denaro pubblico” è inimmaginabile mentre “la supervisione e la magistratura” non sono in grado di fermarlo.

Affermando di aver ricevuto centinaia di messaggi da persone che chiedevano un’equa distribuzione dei soldi del petrolio, ha chiesto che sia istituito un comitato di alto livello per allocare i fondi in “maniera equa” tra le tre regioni della Libia: sud, est e ovest. Se un tale comitato non si assumerà l’assegnazione dei fondi “equamente per tutti i libici”, ha avvertito Haftar, i libici saranno pronti a “rivendicare i loro legittimi diritti”.

Ha dato tempo fino alla fine di agosto al governo di Tripoli di Abdul Hamid Dbeibeh per istituire il comitato e iniziare a lavorare, altrimenti le forze armate dovrebbero essere pronte a “adempiere al proprio dovere” al momento opportuno.

Paradossalmente, lo stesso Haftar è accusato di corruzione. Non ha detto se intende andare in guerra se le sue richieste non saranno soddisfatte. E non ha nemmeno offerto alcun modo chiaro per come i soldi del petrolio dovrebbero essere allocati in primo luogo.

Il Consiglio presidenziale ha avvertito il pericolo e ha agito piuttosto rapidamente per istituire il comitato richiesto da Haftar. L’organismo di 17 membri dovrebbe sovrintendere alla spesa pubblica e allo stanziamento di denaro pubblico. Soprattutto, deve controllare le entrate statali. Deve ancora iniziare a lavorare e non è chiaro quanto sia legale un’entità del genere e quanto siano legittimi i suoi poteri perché la legislazione necessaria per questo non è ancora in vigore.

Sorgente: Could oil revenue sharing trigger another war in Libya? – Middle East Monitor