0 9 minuti 11 mesi

Traduciamo l’articolo scritto da Amjad Iraqi e pubblicato nel +972 Magazine1, giornale indipendente che si occupa di fornire rapporti approfonditi, analisi e opinioni sulla situazione in Palestina.

L’articolo è uscito il 30 giugno, quindi qualche giorno prima rispetto all’invasione di Jenin da parte delle forze armate israeliane che è stata la più imponente da oltre vent’anni.

Infatti, già da qualche tempo si poteva intravedere un cambiamento in corso in Cisgiordania verso “una fase pericolosa nell’evoluzione dell’occupazione israeliana” il cui obiettivo finale potrebbe essere “la Gazaficazione”, ossia la totale chiusura di alcune aree (tra cui Jenin e Nablus) come già avviene nella Striscia di Gaza dal 2007.

Quest’analisi assume ancora maggior rilievo dopo l’invasione del campo profughi di Jenin del 3 luglio che ha provocato la morte di 12 palestinesi (dei quali almeno sei teenagers), più di 100 feriti e danni a tutte la struttura civile, e dopo la quale Netanyahu ha dichiarato che ne potranno seguire altre.

Il governo più fascista che Israele abbia avuto potrebbe quindi star portando avanti un salto di livello nell’apartheid e nella pulizia etnica del popolo palestinese in corso da 75 anni.

Davanti a ciò non si può che dar voce a queste analisi e aggiornamenti, totalmente taciuti dai maggiori organi di stampe, e continuare a sostenere la solidarietà internazionalista che da subito si sta mobilitando al fianco della Resistenza palestinese.

*****

I palestinesi nelle città della Cisgiordania stanno rapidamente scoprendo che, se la loro espulsione non sarà possibile, la Gazaficazione sarà il loro futuro

L’orribile spettacolo dei pogrom dei coloni della scorsa settimana, in cui centinaia di israeliani si sono scatenati nei villaggi palestinesi nella Cisgiordania occupata dopo una sparatoria mortale nell’insediamento di Eli, ha spinto le autorità di sicurezza israeliane in una situazione molto scomoda.

Imbarazzati dalle immagini virali di case in fiamme, veicoli carbonizzati e aziende distrutte, l’esercito, la polizia e lo Shin Bet hanno denunciato congiuntamente gli attacchi come “terrorismo nazionalista” che “contraddice ogni valore morale ed ebraico“.

L’IDF è stato particolarmente ansioso di presentarsi come un organismo responsabile che ripristinerà la legge e l’ordine, promettendo di prendere ogni misura contro coloro “che agiscono in modo violento ed estremo all’interno delle città palestinesi“.

Mettendo da parte il fatto lampante che l’esercito è una delle principali istituzioni che fornisce ai coloni le risorse, la protezione e la fiducia per portare avanti tale violenza sfrenata, c’è un’altra ragione per cui questa manovra di pubbliche relazioni dovrebbe essere invocata per la farsa che è.

Il 19 giugno, pochi giorni prima dei pogrom, un elicottero Apache israeliano ha sparato missili contro la città di Jenin, in Cisgiordania, durante una feroce battaglia tra unità dell’esercito e combattenti palestinesi, presumibilmente per “fornire copertura” per l’evacuazione dei soldati feriti; cinque palestinesi, tra cui un ragazzo di 15 anni, sono stati uccisi e 90 sono rimasti feriti.

Due giorni dopo, un drone israeliano ha sparato contro una cellula militante palestinese vicino a Jenin, che si dice abbia preso di mira uomini armati responsabili di diversi attacchi, anche a un posto di blocco.

Entrambe le operazioni sono state rapidamente oscurate nei giorni successivi dalla sparatoria di Eli e dalle violenze dei coloni che ne sono seguite.

Lungi dall’essere episodi isolati, gli assalti aerei rivelano una fase pericolosa nell’evoluzione dell’occupazione israeliana. Secondo quanto riferito, gli attacchi aerei sono i primi in Cisgiordania in due decenni, risvegliando gli incubi di molti palestinesi che sono corsi ai ripari o hanno subito ferite a causa di attacchi con elicotteri durante la Seconda Intifada.

In quel periodo, però, la guerra aerea divenne il modus operandi nella Striscia di Gaza, accelerata dal ritiro degli insediamenti da parte di Israele nel 2005 e dal blocco totale del territorio dopo la presa del potere da parte di Hamas.

Questa riconfigurazione del governo militare ha intenzionalmente prodotto una separazione fisica e psicologica tra la Cisgiordania e Gaza, favorita dalla rivalità fratricida tra Fatah e Hamas.

Man mano che quella distanza si normalizzava, i due territori divennero considerati disconnessi e incomparabili. Anche i sostenitori ben intenzionati – nella loro forte attenzione agli insediamenti e all’annessione – spesso sono caduti nella trappola di dimenticare Gaza al di fuori dell’ambito del tempo di guerra, ritenendola un’anomalia nel contesto della “realtà di uno stato”.

Ma come molti attivisti, studiosi ed esperti hanno avvertito, le strutture utilizzate per confinare e sopprimere Gaza non sono una ‘deviazione’ dalla metodologia di Israele, ma una naturale continuazione di essa. E questo è stato chiarito nei cieli di Jenin la scorsa settimana.

Come Gaza, Jenin è stata a lungo un centro della vita sociale e della resistenza politica palestinese e, come tale, un bersaglio di feroce repressione. Per oltre un anno, l’esercito israeliano ha condotto un’operazione letale e prolungata nella città, chiudendo ripetutamente la regione mentre le truppe di terra irrompono nelle case dei civili e distruggono le infrastrutture pubbliche su base quasi settimanale.

I gruppi armati palestinesi, guidati da giovani uomini che hanno conosciuto solo una vita di disperazione e morte, hanno combattuto senza sosta e hanno recentemente dimostrato di poter rendere ancora più difficile l’invasione delle truppe israeliane, un fatto che ha costretto l’esercito a rivolgersi disperatamente alla forza aerea la scorsa settimana.

Il bombardamento di un’area urbana popolata, insieme alla punizione collettiva della città, è ulteriormente giustificato dalla demonizzazione di Jenin come “fossa nera del terrorismo” che richiede un intervento costante, in sostanza, la stessa dottrina del “falciare il prato” che viene applicata nella Striscia bloccata a pochi chilometri di distanza.

In quanto tale, Gaza non è certo un’eccezione al dominio dell’apartheid israeliano. Piuttosto, è il bantustan definitivo [un bantustan era un territorio del Sudafrica o della Namibia assegnato alle etnie nere dal governo sudafricano nell’epoca dell’apartheid – n.d.r.]: il modello per controllare e indebolire una popolazione nativa in uno spazio assediato, utilizzando armi e tecnologie moderne, con i governanti locali a gestire i loro bisogni primari, a un costo minimo per la società di coloni che li circonda.

I centri della Cisgiordania come Jenin e Nablus, già soggetti a varie forme di chiusura e invasione, stanno ora intravedendo ciò che deve ancora venire.

Per molte persone lì, l’esperienza principale degli israeliani potrebbe non essere più quella di razziare le truppe o di saccheggiare i coloni, ma di jet in volo e droni ronzanti. Se l’espulsione dei palestinesi non sarà possibile, la Gazaficazione sarà il loro futuro.

Ecco perché è uno scherzo morboso ascoltare il capo di stato maggiore dell’IDF Herzl Halevi, giorni dopo i pogrom dei coloni, predicare a una cerimonia di inizio dell’esercito: “Un ufficiale che vede un cittadino israeliano, che intende lanciare una molotov contro una casa palestinese e sta pigramente a guardare, non può essere un ufficiale”.

L’esercito può fingere angoscia per i coloni che commettono “terrorismo nazionalista“, ma ordina apertamente ai suoi soldati di fare lo stesso, purché lo facciano in uniforme.

Ad ogni modo, nonostante l’affermazione di Halevi, è chiaro che un israeliano che supervisiona la brutale violenza a Gaza può facilmente trovare un percorso per diventare un generale diventato politico.

Un israeliano che incita alla stessa violenza in Cisgiordania, intanto, può ora aspirare a diventare ministro della sicurezza nazionale.

Sorgente: A Jenin, Israele sta svelando la prossima fase dell’apartheid – Contropiano