0 4 minuti 8 mesi
  •  base alle nuove regole proposte negoziate da Israele e dall’amministrazione Biden, i palestinesi-americani saranno ancora separati dagli altri cittadini statunitensi per un trattamento separato e ineguale e dovranno richiedere il permesso all’esercito di occupazione israeliano per entrare in Cisgiordania. Questo è l’esatto opposto della reciprocità e dell’uguaglianza che dovrebbero essere standard non negoziabili per l’ammissione al programma , che sanciscono il trattamento razzista di Israele nei confronti dei cittadini statunitensi di origine palestinese.
  • Il Dipartimento di Stato ha ridimensionato e abbassato le sue richieste a Israele nel tentativo di aiutarlo a qualificarsi per l’ingresso nel programma, a scapito dei diritti dei palestinesi-americani e in violazione dei requisiti statutari del programma secondo la legge statunitense .

3. Secondo il diritto internazionale, Israele non ha il diritto di impedire ai palestinesi di entrare nei territori occupati.

  • Come notato da Human Rights Watch in una dichiarazione del gennaio 2023 che condanna le nuove regole che limitano l’ingresso di stranieri nei territori palestinesi occupati:

“Mentre i paesi hanno ampia discrezionalità sull’ingresso nel loro territorio sovrano, il diritto umanitario internazionale richiede che le potenze occupanti agiscano nel migliore interesse della popolazione occupata o per mantenere la sicurezza o l’ordine pubblico. Non ci sono apparenti giustificazioni basate sulla sicurezza, l’ordine pubblico o i migliori interessi dei palestinesi per quanto in modo significativo le autorità israeliane impediscano a volontari, accademici o studenti di entrare in Cisgiordania o ai propri cari palestinesi di rimanere a lungo termine… i suoi doveri di potenza occupante le impongono di facilitare l’ingresso degli stranieri in Cisgiordania in modo ordinato”.

4. Israele consente ai cittadini statunitensi e ad altri che visitano gli insediamenti israeliani costruiti illegalmente su terra palestinese occupata di entrare liberamente.

  • Mentre i palestinesi e i loro sostenitori sono regolarmente molestati e gli viene negato l’ingresso, Israele consente ai cittadini statunitensi e ad altri stranieri che vogliono visitare gli insediamenti ebraici costruiti su terra palestinese occupata in Cisgiordania in flagrante violazione del diritto internazionale e della politica ufficiale degli Stati Uniti di andare e venire liberamente.

5. La discriminazione di Israele contro i palestinesi-americani fa parte di un sistema razzista che tutte le principali organizzazioni per i diritti umani hanno concluso equivalere all’apartheid.

“ Israele ha stabilito e mantenuto un regime istituzionalizzato di oppressione e dominio della popolazione palestinese a beneficio degli ebrei israeliani – un sistema di apartheid – ovunque abbia esercitato il controllo sulle vite dei palestinesi dal 1948… Ciò è stato integrato da un regime legale che controlla (negando) il diritto dei profughi palestinesi che risiedono fuori da Israele e dai TPO di tornare alle loro case”.

Sorgente: 5 cose da ricordare quando si copre Israele e il programma di esenzione dal visto degli Stati Uniti | IMEU

Rispondi