0 17 minuti 12 mesi

 7 LUGLIO 2023

IMEM ( Institute of Middle East Monitor )

Il Centro palestinese per i diritti umani (PCHR) : (Aggiornamento settimanale 22 giugno – 05 luglio 2023) Violazione del diritto alla vita e all’integrità fisica:

 15 palestinesi, tra cui 6 bambini, sono stati uccisi, mentre altri 144, tra cui 19 bambini, 3 donne e un giornalista, sono rimasti feriti, mentre dozzine di altri sono rimasti soffocati e hanno riportato contusioni negli attacchi delle forze di occupazione israeliane (IOF) nel territorio palestinese occupato (optare). I dettagli sono i seguenti:

Il 4 luglio 2023 , le Foi si sono ritirate dal campo profughi di Jenin dopo aver condotto un’operazione militare su vasta scala sostenuta da più di mille soldati, dozzine di veicoli militari e aerei da guerra di diverso tipo. L’operazione, durata 40 ore, ha ucciso 12 palestinesi, di cui 6 civili, tra cui 5 bambini; 2 di loro erano membri dei gruppi armati palestinesi e ne hanno feriti altri 120, tra cui 14 bambini, almeno 2 donne e 20 in gravi condizioni. Inoltre, 109 case sono state parzialmente distrutte e sono diventate inabitabili, mentre le infrastrutture sono state ampiamente distrutte, compreso il livellamento delle strade e l’interruzione di elettricità, acqua e internet, nonché l’interruzione dei servizi di comunicazione. Inoltre, circa 4000 palestinesi sono stati sfollati con la forza dalle loro case durante l’operazione [1][2] . Lo staff del PCHR continua a raccogliere informazioni e documentare le violazioni ei crimini delle Foi durante l’aggressione a Jenin.

Il 24 giugno 2023,  l’ospedale arabo specializzato Al-Arabi ha annunciato la morte di Tariq Mousa Idris (39), un membro dei gruppi armati palestinesi del campo profughi di ‘Askar a Nablus, dopo essere morto per le ferite riportate da diversi proiettili sparati dalle Foi a scontri che hanno accompagnato l’incursione delle Foi nel campo il giorno prima. Nella stessa incursione sono stati arrestati 5 palestinesi.

Lo stesso giorno, Isaac Hamdi Al-‘Ajlouni (17), del villaggio di Kafr ‘Aqab a Gerusalemme, è stato ucciso dopo che le Foi gli hanno sparato contro diversi proiettili quando ha effettuato un attacco a fuoco contro i soldati israeliani di stanza al checkpoint di Qalandia, a nord di Gerusalemme Est.

Anche Mohammad ‘Imad Abu Hassanein (21) è stato ucciso dal fuoco delle Foi durante gli scontri all’ingresso nord di Al-Biereh. (Dettagli disponibili nel comunicato stampa del PCHR ).

Nel frattempo, i feriti sono stati vittime dell’uso eccessivo della forza che ha accompagnato le incursioni delle Foi nelle città e nei villaggi, o la repressione delle proteste pacifiche organizzate dai civili palestinesi.

Il 22 giugno 2023,  una donna anziana ha riportato una ferita superficiale da arma da fuoco alla spalla dopo che le Foi hanno aperto il fuoco per proteggere un gruppo di coloni che avevano fatto irruzione e attaccato il villaggio di ‘Urif a Nablus.

Il 23 giugno 2023,  4 palestinesi, tra cui un bambino, sono stati feriti con proiettili rivestiti di gomma durante la repressione da parte delle Foi della protesta pacifica settimanale di Kafr Qaddoum nel nord di Qalqilya.

Lo stesso giorno, Khaled Akram Malalha (5 anni) è stato colpito da un proiettile nell’occhio sinistro che ne ha richiesto l’enucleazione. Il bambino è rimasto ferito dopo che le Foi di stanza a un posto di blocco temporaneo all’ingresso del villaggio di Bazariya a Nablus hanno aperto il fuoco contro un veicolo civile su cui viaggiava durante gli scontri scoppiati nell’area. 

Il 27 giugno 2023,  2 palestinesi sono stati feriti dal fuoco delle Foi durante gli scontri a Nablus. Prima del loro ritiro, le Foi hanno arrestato 6 palestinesi, tra cui il giornalista Mohammad Anwar Mona (44) del villaggio di Zawata.

Il 30 giugno 2023,  7 palestinesi, tra cui un bambino, sono stati feriti con proiettili rivestiti di gomma durante la repressione da parte delle Foi del settimanale pacifico Kafr Qaddum nel nord di Qalqilya.

Il 3 luglio 2023,  3 bambini sono stati feriti con proiettili veri durante gli scontri con le Foi all’ingresso di Beit Ummar a Hebron. Anche un altro palestinese è stato ferito con un proiettile al piede durante scontri simili vicino all’incrocio di Beit Einoun a Hebron.

Nella Striscia di Gaza, il 4 luglio 2023, 4 palestinesi, tra cui un bambino, sono stati feriti con proiettili veri e lacrimogeni sparati direttamente dalle Foi durante una manifestazione in solidarietà con Jenin, a est di Gaza. Il giornalista Fadi Shana’a è stato ferito con una bomboletta di gas nel piede, e un altro ha sparato a mangiare la sua macchina fotografica mentre copriva una manifestazione simile nella parte orientale di Khan Yunis.

Inoltre, sono state segnalate 5 sparatorie delle Foi su terreni agricoli nella parte orientale della Striscia di Gaza, mentre 2 sparatorie sono state segnalate su pescherecci al largo delle coste occidentali di Gaza.

Finora nel 2023, gli attacchi delle Foi hanno ucciso 189 palestinesi, di cui 95 civili; tra loro 33 bambini, 6 donne e un palestinese con disabilità, e il resto erano membri dei gruppi armati palestinesi, inclusi 6 bambini, 7 uccisi dai coloni e due morti nelle carceri israeliane. Nel frattempo, 962 palestinesi, tra cui 146 bambini, 29 donne e 16 giornalisti, sono rimasti feriti in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.

Razziamenti, demolizioni, sequestri e insediamenti

Il 22 giugno 2023 , i coloni iniziarono a stabilire un avamposto di insediamento nelle terre del villaggio di Derastia, a ovest di Salfit, di fronte all’insediamento di Emmanuel. I coloni, protetti dalle Foi, hanno spianato la terra, allestito tende e recinti per il bestiame e impedito ai palestinesi di raggiungere le loro terre.

Lo stesso giorno, le Foi hanno demolito due case in costruzione nella Valle del Giordano settentrionale, a est di Tubas, con il pretesto di costruzione senza licenza nell’Area (C).

Le Foi hanno anche inviato un avviso ai residenti del villaggio di Qarawet Bani Hassan a Salfit, affinché evacuino Beer Abu ‘Ammar, che è un’area ricreativa agricola del comune, a ovest del villaggio.

Il 23 giugno 2023,  le Foi hanno confiscato un escavatore mentre lavorava su una strada sterrata, a est del villaggio di Al-Dhahiriya a Hebron.

Il 26 giugno 2023,  le Foi hanno consegnato 6 avvisi per liberare terre di oltre 7 dunum, a ovest di Beit Ula a Hebron, con il pretesto di essere terre demaniali.

Il 29 giugno 2023,  i coloni, protetti dalle IOF, hanno allestito tende sulle terre palestinesi nell’area di Umm Lakhous a Masafer Yatta, a sud di Hebron, per stabilire un avamposto di insediamento, mentre le IOF hanno arrestato 4 palestinesi che hanno cercato di affrontare i coloni.

Il 3 luglio 2023,  le Foi hanno costretto ‘AbdulKareem Abu Tair ad auto-demolire parte della sua casa a Jabal Al-Mukaber a Gerusalemme Est su decisione municipale israeliana con il pretesto di costruzione senza licenza.

Dall’inizio del 2023, le Foi hanno reso senzatetto 105 famiglie, per un totale di 656 persone, di cui 139 donne e 299 bambini. Questo è stato il risultato della demolizione da parte delle IOF di 113 case; 27 sono stati autodemoliti con la forza dai loro proprietari e 13 sono stati demoliti per punizione collettiva. Le Foi hanno anche demolito altri 89 oggetti civili, raso al suolo altre proprietà e consegnato dozzine di avvisi di demolizione e cessazione della costruzione in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est.

Demolizioni per punizioni collettive

Il 22 giugno 2023,  le Foi hanno distrutto la casa familiare del detenuto Kamal Hani Jouri a Nablus come parte della politica di punizione collettiva delle Foi contro le famiglie palestinesi di coloro che sono stati accusati di aver compiuto attacchi contro le Foi e/o i coloni. Il ricercatore sul campo del PCHR ha riferito che la casa distrutta era un appartamento al secondo piano di un edificio di 7 piani.

Le Foi hanno costretto i residenti dell’edificio e altre 10 famiglie nelle case vicine ad evacuare, hanno impiantato esplosivi al secondo piano e lo hanno fatto esplodere a distanza. Di conseguenza, l’appartamento di 180 mq, che ospitava una famiglia di 5 persone, compreso un bambino, è stato distrutto. È interessante notare che le Foi hanno arrestato Kamal Jouri il 13 febbraio 2023 dopo essere stato accusato di aver partecipato a un attacco che ha ucciso un soldato israeliano l’11 ottobre 2022.

Dall’inizio dell’anno, le Foi hanno distrutto 13 case per punizioni collettive.

 Confisca di denaro e beni per punizioni collettive

Il 26 giugno 2023,  le Foi hanno fatto irruzione e perquisito 16 case appartenenti a ex detenuti nelle carceri israeliane in diversi quartieri e villaggi nella Gerusalemme est occupata e hanno sequestrato denaro, veicoli, effetti personali e gioielli appartenenti a quei detenuti e alle loro famiglie. Le Foi hanno anche consegnato ad alcuni di loro ordini di sequestro e hanno imposto loro multe elevate con il pretesto che ricevono denaro dall’Autorità palestinese (AP).

La polizia israeliana ha dichiarato in una dichiarazione che durante la sua campagna ha sequestrato 270.000 shekel, gioielli d’oro, 7 veicoli e una motocicletta, oltre a congelare 16 conti bancari.

I familiari degli ex detenuti hanno detto all’operatore sul campo del PCHR che le Foi hanno sequestrato i loro veicoli e gioielli d’oro, che sono beni personali e non hanno nulla a che fare con l’Autorità Palestinese.

Attacchi di coloni e atti di ritorsione

Il 22 giugno 2023 , i coloni israeliani, sotto la protezione delle Foi, si sono trasferiti nel villaggio di ‘Urif a Nablus, dove hanno lanciato pietre contro le case dei palestinesi e la moschea ‘Obadat al-Rahman, rompendone le finestre e strappando e incendiando copie del sacro Corano. Inoltre, hanno bruciato un’aula al primo piano della scuola secondaria per ragazzi di ‘Urif.

Il 24 giugno 2023,  sotto la protezione delle Foi, almeno 250 coloni, dall’insediamento di “ Ateret ” stabilito sulle terre di Ramallah, si sono trasferiti nel villaggio di Umm Safa, a nord-ovest di Ramallah, e hanno condotto attacchi su vasta scala. Di conseguenza, 3 case residenziali, 3 auto e circa 4 cipressi sono stati bruciati e le finestre e le porte di altre 5 case, nonché i finestrini di 5 veicoli sono stati rotti. Inoltre, molte persone sono morte soffocate dopo che le Foi hanno sparato lacrimogeni per disperdere i palestinesi che cercavano di affrontare i coloni.

Il 30 giugno 2023,  i coloni israeliani, protetti dalle IOF, hanno espulso i palestinesi dalle loro terre nell’area di Nuweitif nel villaggio di Qarawat Bani Hassan, a ovest di Salfit, con il pretesto che l’area è classificata come Area (C).

Lo stesso giorno , i coloni israeliani dell’insediamento ” Kiryat Arba “, a est di Hebron, hanno lanciato pietre contro le case dei palestinesi vicino all’insediamento e quando i residenti hanno cercato di affrontarli, un colono israeliano ha aperto il fuoco con la sua pistola contro i membri della famiglia Matariyia. Successivamente, sono arrivate ingenti forze di soldati israeliani che hanno arrestato 4 palestinesi.

Il 1° luglio 2023 , i coloni israeliani, sotto la protezione delle Foi, hanno attaccato i contadini palestinesi nel villaggio di Kafr ad-Dik, a ovest di Salfit. Inoltre, le Foi hanno arrestato un palestinese e picchiato un altro.

Il 2 luglio 2023 , due palestinesi sono rimasti feriti dopo che i coloni israeliani hanno lanciato pietre contro un veicolo palestinese vicino all’ingresso del villaggio di Yasuf, a est di Salfit.

Lo stesso giorno , i coloni israeliani hanno sradicato 35 foreste e alberi di agrumi e danneggiato le proprietà dei palestinesi nell’area di Bir Abu ‘Ammar nel villaggio di Qarawat Bani Hassan, a ovest di Salfit, osservando che il 22 giugno 2023 le Foi hanno intimato l’evacuazione dell’area.

Dall’inizio dell’anno, i coloni hanno condotto almeno 260 attacchi contro civili palestinesi e le loro proprietà. Di conseguenza, 7 palestinesi sono stati uccisi e dozzine di altri sono rimasti feriti; la maggior parte di loro dopo essere stati picchiati e lanciati con pietre. Inoltre, decine di case, veicoli e strutture civili sono state date alle fiamme.

Violazioni della libertà di culto:

Il 28 giugno 2023,  la polizia israeliana si è spostata nelle vicinanze della sala di preghiera di Bab al-Rahma prima dell’inizio della preghiera di Eid al-Adha, ne ha chiuso i battenti, ha attaccato e spintonato decine di fedeli palestinesi, arrestandone 15 dalla moschea di al-Aqsa e alle sue porte. Ciò è accaduto dopo che martedì scorso la polizia israeliana ha presentato una richiesta alla Corte magistrale israeliana di Gerusalemme chiedendo la ri-chiusura della sala di preghiera di Bab al-Rahma con il pretesto di essere un’area strategica per le fazioni palestinesi.

Il 1° luglio 2023 , le Foi hanno chiuso alcuni dei cancelli della moschea di al-Aqsa nella Gerusalemme est occupata di fronte ai fedeli palestinesi per la seconda volta in una settimana con il pretesto della presenza di pochi fedeli palestinesi e pochi agenti di polizia israeliani a guardia della moschea, in un passo senza precedenti come parte della politica dell’occupazione israeliana per cambiare lo status quo della moschea di al-Aqsa e tenta di imporre una divisione temporale e spaziale.

Secondo il vicedirettore generale del dipartimento delle dotazioni islamiche (Awqaf) a Gerusalemme, Najeh Bakirat, il secondo giorno di Eid al-Adha, il 29 giugno 2023, la polizia israeliana ha intenzionalmente chiuso Bab al-Asbat (Porta dei Leoni), una delle le porte più importanti nel lato nord-orientale della Moschea di al-Aqsa, con il pretesto dell’insufficiente numero di agenti di polizia a presidiarla e dei pochi fedeli palestinesi che vi entrano. Hanno anche chiuso Bab al-Hadeed, Bab al-Qawanmah e Bab al-Malik Faisal e altri cancelli della moschea di al-Aqsa, mentre Bab_Hutta, Bab al-Majles e Bab al-Selselah sono rimasti aperti. Bakirat ha aggiunto che sabato, quarto giorno di Eid al-Adha, la polizia israeliana ha ingiustificatamente richiuso Bab al-Asbat.

Il 02 luglio 2023 , IOF ha consegnato all’ing. Bassam ak-Hallaq, Direttore del Comitato per la Ricostruzione della Moschea di al-Aqsa del Ministero Giordano per le Dotazioni e gli Affari Islamici a Gerusalemme, un ordine che vieta completamente ai dipendenti del Comitato per la Ricostruzione di lavorare presso la Moschea di Al-Aqsa e minaccia di arrestare qualsiasi dipendente che torna a lavorare all’interno della moschea.

Incursioni IOF e arresti di civili palestinesi:

Le Foi hanno effettuato 293 incursioni in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme est occupata. Tali incursioni includevano incursioni e perquisizioni di case e strutture civili e istituzione di posti di blocco. Durante quelle incursioni   sono stati arrestati 196 palestinesi, tra cui 8 bambini e un giornalista. Il campo profughi di Jenin è stato testimone di una campagna di arresti di massa contro almeno 120 palestinesi. Nella Striscia di Gaza, le Foi hanno condotto 2 incursioni limitate nel campo profughi di Bureij orientale il 26 e 27 giugno 2023.

Finora nel 2023, le Foi hanno condotto 5.096 incursioni in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme est occupata, durante le quali sono stati arrestati 2.892 palestinesi, tra cui 26 donne e 326 bambini. Inoltre, le Foi hanno arrestato 39 palestinesi della Striscia di Gaza, inclusi 17 pescatori, 20 infiltrati in Israele e 3 viaggiatori al valico di Erez. Le Foi hanno anche condotto 19 incursioni.

Chiusura israeliana, restrizioni alla libertà di movimento e punizione collettiva:

L’occupazione israeliana mantiene la sua chiusura illegale e disumana di 16 anni sulla Striscia di Gaza. Dettagli disponibili  nell’aggiornamento mensile del PCHR  sui valichi di Gaza.

In Cisgiordania, compresa Gerusalemme est occupata, le Foi continuano a imporre restrizioni alla libertà di movimento. Oltre ai suoi 110 posti di blocco permanenti, le Foi hanno istituito  203  posti di blocco temporanei in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme est occupata, e hanno arrestato 2 palestinesi a quei posti di blocco.

Il 22 giugno 2023, le Foi hanno chiuso al movimento dei veicoli il cancello del metal detector installato sulla strada che collega il villaggio di Nahalin con il villaggio di Jab’a a Betlemme.

Sorgente: PCHR: “Israeli Human Rights Violations in the Occupied Palestinian Territory” | – IMEMC News


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.