0 12 mesi

Almeno 56 persone sono state uccise e 595 ferite negli scontri in tutto il Sudan, secondo il Comitato centrale dei medici sudanesi.

Il capo paramilitare sudanese Mohamed Hamdan Dagalo afferma di aver sequestrato la maggior parte dei siti ufficiali di Khartoum dopo che sabato sono scoppiati scontri tra il suo gruppo armato e l’esercito del paese.

“Le forze di supporto rapido controllano oltre il 90 per cento dei siti strategici a Khartoum”, ha detto Dagalo in un’intervista a Sky News Arabia, riferendosi al suo gruppo paramilitare.

Il capo militare del paese, il generale Abdel Fattah al-Burhan, ha contestato le affermazioni di Dagalo e ha affermato che i militari hanno mantenuto il controllo sui siti governativi.

Mohamed Hamdan Dagalo partecipa a una manifestazione nel villaggio di Abraq, in Sudan, il 22 giugno 2019.

In un’intervista ad Al Jazeera, Dagalo – noto anche come Hemedti – ha descritto Burhan come un “criminale”, accusandolo di aver istigato i combattimenti sabato, che hanno provocato la morte di tre civili e dozzine di feriti.

Scontri armati sono stati segnalati in tutta Khartoum, compreso il palazzo presidenziale e il quartier generale dell’esercito della capitale. Fonti mediche di un ospedale nel centro di Khartoum hanno riferito alla CNN sabato pomeriggio che l’ospedale ha ricevuto dozzine di feriti civili e personale militare nelle ultime ore.

Sorgente: Sudan: Rapid Support Force rivendica il controllo del palazzo presidenziale | Cnn

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20