0 2 minuti 1 anno

In questi anni abbiamo visto come tutte le nostre indignazioni fossero state costruite metodicamente per sostenere il binomio guerra e propaganda, con il sistema mediatico ridotto a pubblicità progresso.

Guerra e propaganda

Io credo che per tutti noi sarebbe saggio sospendere ogni giudizio sulle infinite atrocità che stanno dilagando nel mondo. Di sospenderlo perché del tutto privi di informazioni obiettive su quanto accade in Israele, in Ucraina, in Iran, in India.

La grande sconfitta di questo periodo è la verità. È il sistema mediatico ad essere collassato, ridotto a pubblicità progresso.

Il sistema mediatico punta sul sentimento, ad annullare la capacità di discernimento, a creare la spirale del silenzio per chi ha domande, mira a impedire che le crepe delle narrazioni possano essere portate alla luce.

Io sospenderei il giudizio. Non so nulla di quello che sta succedendo, non posso distinguere una rivolta di popolo da una rivoluzione arancione sponsorizzata dai soliti servizi angloamericani.

In questi anni abbiamo visto come tutte le nostre indignazioni fossero state costruite. Le fosse comuni nella ex Jugoslavia costruite dai servizi segreti inglesi, la prova di armi chimiche in mano a Saddam inventate da americani e da quel progressista di Tony Blair, gli Accordi di Minsk fatti per imbrogliare i russi e avere il tempo di riempire di armi l’ucraina.

Forse la prima richiesta, la prima esigenza, prioritaria persino alla giustizia, è il diritto a sapere in che mondo viviamo. E non lo sappiamo affatto.

Sorgente: Guerra e propaganda: la grande sconfitta del nostro tempo è la verità – Kulturjam


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.