0 3 minuti 2 anni

Complessivamente il giudizio è positivo ma con alcuni rilievi critici dicono dalla Commissione europea, tra questi la mancata riforma del fisco. Per Giorgetti è un risultato di «grande soddisfazione»

È arrivato il tanto atteso giudizio della Commisione europea sulla legge di Bilancio varata dal governo Meloni. A sintetizzare il messaggio di Bruxelles è il Commissario europeo agli Affari economici Paolo Gentiloni che ai giornalisti ha detto che il risultato è un «giudizio complessivo positivo con alcuni rilievi critici». Le criticità e i dubbi riguardano soprattutto «i pagamenti in digitale» e «l’evasione fiscale» ha detto Gentiloni.

Nello specifico quindi ci si riferisce all’innalzamento del tetto dei pagamenti in contanti fino a 5mila euro all’abolizione dell’obbligatorietà per gli esercenti di avere a disposizione il pos per i pagamenti inferiori ai 60 euro.

Tuttavia, Gentiloni ha sottolineato «la positività degli impegni di spesa degli investimenti legati alla transizione ecologica».

Dopo pochi minuti è arrivata la risposta del governo italiano tramite il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti. «La commissione ha promosso la nostra manovra giudicandola “in linea”: l’Italia è quindi inserita nella metà dei paesi europei che sono dalla parte giusta. Questo risultato è una grande soddisfazione. Abbiamo smentito i gufi nazionali: serietà e responsabilità pagano e continueranno a essere alla base  di ogni nostra decisione», ha detto il ministro.

Il messaggio della Commissione

«Le misure incluse nel documento programmatico di bilancio che non sono in linea con le raccomandazioni specifiche per paese riguardano in particolare: una disposizione che aumenta il massimale per le operazioni in contanti dagli attuali 2.000 euro a 5.000 euro nel 2023; una misura equiparata al condono fiscale che consente la cancellazione di debiti tributari pregressi relativi al periodo 2000-2015 e non superiori a 1.000 euro; la possibilità di rifiutare pagamenti elettronici inferiori a 60 euro senza e il rinnovo, con criteri di età più stringenti, nel 2023 dei piani di prepensionamento scaduti a fine 2022». È questa la valutazione della Commissione europea sul documento programmatico di bilancio italiano.

…. continua

Sorgente: Legge di Bilancio, la Commissione Ue boccia il tetto al contante, il pos e il condono fiscale


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.