Putin intende “risolvere” il conflitto nel Donbass – Austria – RT Russia ed ex Unione Sovietica

Putin intende “risolvere” il conflitto nel Donbass – Austria – RT Russia ed ex Unione Sovietica

12 Aprile 2022 0 Di ken sharo

Il cancelliere austriaco afferma che il presidente russo è determinato a difendere gli interessi della sicurezza nazionale
Putin intende "risolvere" il conflitto tra Donbass e Austria

Il cancelliere austriaco Karl Nehammer ha lasciato il suo incontro con il presidente russo Vladimir Putin lunedì convinto che le sanzioni non stiano indebolendo la determinazione del Cremlino a risolvere la crisi del Donbass prima di porre fine all’offensiva militare in Ucraina.

“Ha chiaramente confermato che le sanzioni sono dure per la Russia, ma la situazione in Donbass, come ha detto, deve essere, per così dire, risolta, nonostante le sanzioni, anche se abbastanza tangibili”, ha detto Nehammer ai giornalisti dopo l’incontro a Putin residenza fuori Mosca, come citato da TASS.

I colloqui hanno segnato il primo incontro di persona di Putin con un leader dell’UE dall’inizio dell’attacco russo all’Ucraina a febbraio. Mentre Nehammer aveva detto che sperava di “costruire ponti” viaggiando a Mosca, in seguito ha detto ai giornalisti che “generalmente non ho l’impressione ottimista di poterti riferire da questa conversazione con il presidente Putin”.

Dopo aver ritirato le sue forze da Kiev, la Russia sta preparando un’offensiva nell’Ucraina orientale “su vasta scala”, ha affermato Nehammer . Putin vede la guerra come necessaria per difendere la sicurezza nazionale russa e diffida di una comunità internazionale che considera “unilaterale”, ha detto il cancelliere.

Nehammer ha detto che l’incontro non è stato “una visita di amicizia”, ​​aggiungendo che la conversazione è stata “diretta, aperta e dura”. Ha detto di aver detto a Putin che i presunti crimini di guerra in Ucraina devono essere indagati per garantire che gli autori siano assicurati alla giustizia.

Un altro argomento discusso è stato il fatto che le sanzioni anti-Russia rimarranno in vigore e si intensificheranno “finché le persone continueranno a morire in Ucraina”, ha affermato Nehammer. Ha anche chiesto la creazione di corridoi umanitari per portare cibo e acqua alle città assediate e l’evacuazione di donne, bambini e feriti.

“Ora informerò i nostri partner europei della conversazione e discuterò ulteriori passaggi”, ha affermato il cancelliere.

La Russia ha negato di aver commesso crimini di guerra, affermando che i funzionari ucraini avevano fatto false accuse per manipolare l’opinione pubblica internazionale.

Il conflitto nel Donbass risale al rovesciamento sostenuto dall’Occidente della leadership eletta dell’Ucraina nel 2014. Le popolazioni in gran parte di lingua russa nelle aree ucraine di Donetsk e Lugansk si sono opposte al colpo di stato e hanno dichiarato la loro indipendenza da Kiev, portando a sette anni di combattimenti.

La Russia ha ufficialmente riconosciuto le Repubbliche popolari di Donetsk (DPR) e Lugansk (LPR) come nazioni sovrane a febbraio, due giorni prima di lanciare la sua offensiva militare contro l’Ucraina. Putin ha accusato Kiev di non aver attuato i termini degli accordi di Minsk, i protocolli mediati da Germania e Francia progettati per regolarizzare lo status di quelle regioni all’interno dello stato ucraino.

Kiev insiste che l’offensiva russa è stata completamente immotivata e ha negato le affermazioni che intendeva riprendere con la forza le due regioni ribelli. La Russia ha ora chiesto che l’Ucraina si dichiari ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai all’alleanza militare della NATO guidata dagli Stati Uniti.

Sorgente: Putin intende “risolvere” il conflitto nel Donbass – Austria – RT Russia ed ex Unione Sovietica