La Russia lancia un’indagine sulla “pubblicità sociale” in stile ISIS ucraino – RT Russia 

La Russia lancia un’indagine sulla “pubblicità sociale” in stile ISIS ucraino – RT Russia 

12 Aprile 2022 0 Di ken sharo

 

La Russia lancia un’indagine sulla “pubblicità sociale” in stile ISIS ucraino

Il video inquietante presenta una finta esecuzione di un soldato russo
La Russia lancia un'indagine sulla "pubblicità sociale" in stile ISIS ucraino

Lunedì il comitato investigativo russo ha avviato un’indagine penale su una pubblicità sui social media ucraini, che chiedeva violenze contro i soldati russi. L’annuncio, girato in uno stile distintivo che ricorda i video di propaganda dei terroristi dello Stato Islamico (IS, ex ISIS), presenta la finta esecuzione di un soldato russo.

Il controverso video è emerso sui social media durante il fine settimana, suscitando indignazione in Russia. La pubblicità presenta una donna, apparentemente raffigurante l’Ucraina, che pronuncia un discorso odioso contro i russi con un “prigioniero” in abiti simili all’uniforme militare russa inginocchiato al suo fianco. L’attrice accusa a lungo i “maiali” russi di deridere, opprimere e uccidere gli ucraini e afferma che la situazione è ora cambiata.

“Qualcosa di terribile ha svegliato la nazione amante della pace e coltivatrice di grano. Qualcosa che è rimasto dormiente per secoli nelle viscere delle sponde del Dnepr. Dio ucraino primordiale e antico. E ora stiamo raccogliendo un sanguinoso raccolto. La morte attende tutti voi”, afferma l’attrice, ‘tagliando’ la gola del ‘prigioniero’ con una falce.

La donna ha anche giurato vendetta per il sobborgo di Bucha, a nord-ovest di Kiev, così come per altre città ucraine che avrebbero sofferto per mano delle truppe russe. L’Ucraina ha accusato l’esercito russo di aver massacrato civili a Bucha all’inizio di aprile dopo che le truppe si erano ritirate dall’area. Mosca ha negato qualsiasi coinvolgimento nelle morti, insistendo che l’intera vicenda Bucha fosse una “provocazione” inscenata di Kiev per incastrare l’esercito del paese.

La donna che appare nel video è stata identificata come Andrianna Kurilets, una piccola attrice professionista della città di Lvov, nell’Ucraina occidentale. La discutibile “fama” e l’attenzione dei media, tuttavia, apparentemente hanno fatto poco per l’attrice, poiché ha cancellato i suoi profili sui social media durante le ricadute della premiere dell’annuncio.

Oltre all’indignazione online, il ruolo ha anche suscitato un’indagine penale da parte del Comitato investigativo russo. L’attrice ha espresso “inviti alla violenza contro gli ufficiali delle forze armate russe”, ha affermato il comitato in una dichiarazione lunedì.

“Nell’annuncio, Kurilets esprime dichiarazioni estremiste e taglia la gola a un uomo con una falce mentre sorride. Questo video è stato diffuso sui social network e contiene incitamenti all’odio esplicito, oltre a minacce”, ha aggiunto.

Nelle ultime settimane, dall’Ucraina sono emersi numerosi video grafici di vita reale, che mostrano abusi sui soldati russi che erano stati fatti prigionieri. I video inquietanti pretendono di mostrare la tortura, il pestaggio e l’esecuzione a titolo definitivo di prigionieri da parte delle truppe ucraine.

Mosca ha lanciato un assalto su larga scala alla vicina Ucraina alla fine di febbraio, in seguito alla mancata attuazione da parte di Kiev dei termini degli accordi di Minsk firmati nel 2014 e all’eventuale riconoscimento da parte della Russia delle repubbliche del Donbass di Donetsk e Lugansk.

Il protocollo di Minsk, mediato da Germania e Francia, è stato progettato per conferire alle regioni separatiste uno status speciale all’interno dello stato ucraino.

Da allora la Russia ha chiesto all’Ucraina di dichiararsi ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai all’alleanza NATO guidata dagli Stati Uniti. Kiev insiste che l’offensiva russa è stata completamente immotivata e ha negato le affermazioni che intendeva riprendere con la forza le due regioni ribelli.

Sorgente: La Russia lancia un’indagine sulla “pubblicità sociale” in stile ISIS ucraino – RT Russia ed ex Unione Sovietica