Vecchi imperi. Aggressività russa, confusione americana. Biden: lo stato della disunione –

Vecchi imperi. Aggressività russa, confusione americana. Biden: lo stato della disunione –
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

“Stretto” tra inflazione e guerra in Ucraina nel suo discorso sullo Stato dell’Unione Joe Biden finisce per scontentare tutti

Guerra in Ucraina: l’impressione più immediata è che l’Europa stia andando all’attacco su tutta la linea, quasi a testa bassa, contro Putin e la Russia. Mentre l’America, al di là delle prese di posizione e delle dichiarazioni “d’ordinanza”, nelle segrete stanze sembra meno “barricadera”. Come mai?

La crisi interna americana

Il momento per Joe Biden è terribile. Al centro di una specie di “tempesta perfetta”(iperinflazione da shock pandemico, invasione russa dell’Ucraina e fratture multiple all’interno del suo stesso partito) il Presidente Usa sta cercando di tenere la barca a galla. Complicato. Il suo discorso sullo Stato dell’Unione, secondo molti analisti, voleva essere un capolavoro di equilibrismo. Ma ha lasciato diversi dubbi. In fondo, quando vuoi accontentare tutti, finisci per non accontentare nessuno.

Strabismo tra Ucraina e inflazione

Con uno strabismo politico evidente, un occhio all’inflazione e l’altro all’Ucraina, Biden ha cercato di fare il “duro” con Putin, ma fino a un certo punto. Premere troppo sull’acceleratore delle sanzioni economiche, infatti, per gli Usa può essere un boomerang difficilmente quantificabile. Certo, non al livello dei contraccolpi economici che dovrebbe subire l’Europa, ma comunque da tenere nella dovuta considerazione. Specie se, in autunno, devi passare sulla tagliola delle elezioni di “Medio termine” e i sondaggi incominciano a crocifiggerti. Per carità, il Presidente ha detto quello che doveva dire in simili circostanze. Ma, forse non è solo ciò che dice a fare la differenza, ma anche il “come”. Insomma, non ha carisma e non convince. Manco i giornali che tradizionalmente sono a lui più vicini.

La grande stampa Usa

Il New York Times, oggi, ha dedicato il suo editoriale al nemico pubblico numero uno: che non è Putin, ma è l’inflazione. E così, più o meno, hanno finito per fare molti altri quotidiani, tv o siti web, che rappresentano la crema dei “pensatoi” Usa, come “Politico” o “Slate”. In ogni caso, lo ribadiamo, le riflessioni dei commentatori americani sulla crisi ucraina appaiano più realistiche, quasi disincantate, rispetto a quelle spesso emotive che leggiamo in Europa. Ovviamente, la durissima condanna per la catastrofica azione di Putin è unanime. Tuttavia, ci si preoccupa di più degli scenari di medio-lungo periodo.

Opportunismi politici

  • I Repubblicani hanno capito al volo le ambasce di Biden e gli sono immediatamente saltati addosso, non appena ha finito di parlare. Il “GOP” si è affidato alla Governatrice dell’Iowa, Kym Reynolds, che nel suo contrattacco è andata giù pesante. Anzi, il New York Times definisce “feroci” le sue critiche al “discorso di Biden. Sottolineando come la Reynolds abbia accusato il Presidente “di avere messo in scena un remake completo di inflazione galoppante, criminalità dilagante e furioso esercito sovietico”.
  • Durissimo su “Usa Today” è stato Scott Jennings, giudicando l’intervento di Biden “debole e da dimenticare”, in particolare sull’Ucraina. “Il Presidente sostiene delle sanzioni economiche ‘a convenienza’, perché gli Stati Uniti continuano a importare dalla Russia milioni di barili di petrolio come se niente fosse, mentre all’Europa vengono chiesti sacrifici“.
  • Addirittura, tagliente il “Wall Street Journal”, che mette a confronto Biden col Cancelliere tedesco Scholz. “Quest’ultimo ha capito la drammaticità del momento, e ha immediatamente deciso il riarmo della Germania. Biden, invece, ha perso un’opportunità storica. Sa dire solo no”.

Il non detto di Biden

Non una parola sull’aumento delle spese per la sicurezza. Non una parola per un sostegno d’emergenza ai combustibili fossili e non una parola su un’altra spinosa questione: quella della spesa pubblica che ha fatto esplodere l’inflazione. Per finire, Christian Whiton, su “Substack”, scrive che il Presidente “sapeva”, ma che Putin l’ha raggirato, facendogli credere che in Ucraina, forse, avrebbe fatto solo una piccola azione dimostrativa.

“Biden voleva fare come Kennedy a Cuba. Spaventare i russi e farli scappare solo con le minacce. Ma lui non è Kennedy”. Ce ne siamo accorti.

Sorgente: Vecchi imperi. Aggressività russa, confusione americana. Biden: lo stato della disunione –

Spread the love
seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Luna Rossa

Luna Rossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: