Cosa dovremmo pensare della sentenza dell’UE contro la Gazprom russa? | Affari ed Economia | Al Jazeera

Cosa dovremmo pensare della sentenza dell’UE contro la Gazprom russa? | Affari ed Economia | Al Jazeera

21 Dicembre 2021 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Cosa dovremmo pensare della sentenza dell’UE contro la Gazprom russa?

Il gigante del gas russo è scappato senza pagare una multa enorme all’UE. Bruxelles ha preso la decisione sbagliata?

Gazprom
Il 23 giugno 2017 il presidente russo Vladimir Putin e l’amministratore delegato di Gazprom Alexei Miller ispezionano il progetto del gasdotto Turkish Stream a bordo di una nave per la posa di gasdotti nel Mar Nero [Reuters]

In questi giorni l’ Unione Europea sta attraversando un periodo difficile. È vittima di bullismo da parte dell’amministrazione Trump sul commercio. Si trova di fronte a una Russia revisionista che diventa sempre più aggressiva nella porta accanto. Sta zoppicando da una crisi interna all’altra, preparandosi di recente ad affrontare un governo euroscettico populista in quella che era una roccaforte dell’UE: Roma.

Sono lontani i tempi in cui i politici e gli esperti di tutto il “vecchio continente” potevano avvolgersi con orgoglio nella bandiera blu costellata di stelle. Il pessimismo, una caratteristica europea consacrata dal tempo, è di nuovo in voga, a quanto pare.

Durante il ritiro dell’UE di oggi, pochi ricorderebbero quel giorno di fine settembre 2011, quando Bruxelles ha mostrato i suoi muscoli sovranazionali. Il 27 settembre, funzionari della Commissione europea hanno fatto irruzione in 20 uffici di Gazprom in 10 paesi europei, tra cui Germania e Repubblica ceca. La Commissione aveva avviato un’importante indagine per accertare se il gigante statale russo del gas stesse violando le regole antimonopolio dell’UE e sfruttando in modo sleale i consumatori europei.

Questo è successo molto prima che Vladimir Putin tornasse come presidente, prima della crisi ucraina, e prima delle sanzioni e dello scontro tra Mosca e l’Occidente. I governi di Germania, Francia e altri importanti paesi europei erano a proprio agio con l’allora presidente russo Dmitry Medvedev, così come l’amministrazione Obama.

I legami commerciali prosperarono. Gazprom controllava un terzo del mercato del gas dell’UE, con una quota che raggiungeva il 100% in alcuni ex satelliti sovietici. Gli analisti di politica estera lo considerano l’ultimo strumento geopolitico del Cremlino.

Nonostante le calde relazioni, Bruxelles ha deciso comunque di muoversi contro il pesante battitore russo. Aveva nuovi ricordi delle crisi del gas del 2006 e 2009, quando la Russia ha interrotto la fornitura di gas all’Europa attraverso l’ Ucraina a causa della sua disputa sui prezzi con Kiev.

Quasi sette anni dopo, le autorità garanti della concorrenza della Commissione europea hanno emesso la loro sentenza sul caso Gazprom. La lettura iniziale della decisione ha suscitato rabbia tra alcuni paesi dell’UE che speravano in misure più dure contro la Russia, ma l’UE ha perso andando più morbida su Gazprom?

Dipendenza dal gas russo

L’azienda russa ha abusato della sua posizione dominante: sovraccaricando i paesi consumatori, inserendo clausole che impediscono la riesportazione del suo gas nei contratti pluriennali firmati con le società di servizi nazionali, legando sconti sui prezzi al consenso degli Stati membri dell’UE a partecipare a iniziative strategiche come il gasdotto South Stream.

Tuttavia, la Commissione ha deciso di accettare l’ offerta di  transazione presentata da Gazprom nel marzo 2017 in relazione a questo caso. In altre parole, i russi hanno evitato di pagare pesanti sanzioni che avrebbero potuto raggiungere il 10% del fatturato di Gazprom.

 

In confronto, l’anno scorso Google è stata inflitta una multa record di 2,4 miliardi di euro (2,7 miliardi di dollari) per aver violato la legge antitrust dell’UE accorpando il suo sistema operativo Android utilizzato dai dispositivi mobili e le sue stesse applicazioni. Nel 2004, Microsoft ha dovuto pagare 497 milioni di euro (794 milioni di dollari) di multe per violazioni simili.

Non solo Gazprom è uscita dai guai, ma sta andando meglio sul mercato europeo. L’anno scorso ha stabilito un record storico per le sue vendite – 193,9 miliardi di metri cubi – dopo diversi anni di contrazione.

La ripresa nelle economie centrali della zona euro è chiaramente una delle ragioni dell’aumento, così come la robusta crescita in Turchia , il secondo cliente più importante di Gazprom dopo la Germania . Inoltre, stanno facendo progressi progetti strategici come il gasdotto Nord Stream 2 che scorre sotto il Mar Baltico e TurkStream che attraversa il Mar Nero.

Il governo di Berlino sta resistendo alle pressioni dell’amministrazione Trump affinché si allontani dal Nord Stream 2. Sebbene il gas naturale liquefatto (GNL) statunitense possa arrivare sul mercato tedesco, Gazprom sostiene che il gas che le sue navi passano attraverso i gasdotti rimarrà più economico e più competitivo .

I recenti viaggi del cancelliere tedesco Angela Merkel e del presidente francese Emmanuel Macron  in Russia suggeriscono che i politici di alto livello in Europa sono interessati a rianimare i legami commerciali. La francese Total ha appena concluso un accordo sul gas con Novatek, di proprietà dell’amico di Putin Gennady Timchenko, al Forum economico di San Pietroburgo titolato da Macron.

Perché la sentenza Gazprom è un traguardo importante

Tuttavia, la sentenza della Commissione europea è tutt’altro che una vittoria per la Russia. Gazprom si è piegata alle condizioni di Bruxelles. Il divieto di riesportare il gas è ormai sepolto nel passato.

I paesi possono scegliere dove viene consegnato il loro gas. Un volume destinato alla Bulgaria potrebbe essere inviato in Ungheria . Questo è un ulteriore incentivo a investire in interconnettori per collegare le reti nazionali, un obiettivo sostenuto dalla politica energetica comune dell’UE da un decennio a questa parte.

Prezzi Le tariffe di Gazprom nell’Europa centrale e orientale saranno collegate a quelle in Occidente, consentendo alle società nazionali di cercare un arbitrato contro Gazprom. La differenza nelle tariffe è sempre stata un punto dolente per i paesi che hanno la Russia come fornitore dominante o, in alcuni casi, unico fornitore.

Infine, Gazprom ha accettato di non chiedere un risarcimento alla Bulgaria per aver abbandonato il progetto South Stream nel 2014. Vale la pena ricordare che il gasdotto è stato cancellato perché non rispettava in primo luogo le regole di concorrenza dell’UE.

In sintesi, l’accordo implica che la Russia, orientata alla sovranità, ha accettato di prendere le regole e ha riconosciuto l’autorità dell’UE come legislatore. Non è un’impresa da poco.

È troppo presto per dichiarare vittoria alla ricerca dell’UE per la sicurezza energetica. Finché non ci sarà o sarà limitato l’accesso a fornitori alternativi di gas naturale nell’Europa centrale e orientale, l’Unione sarà svantaggiata. La diversificazione sta andando avanti, certo.

Il 12 giugno la Turchia inaugura il Gasdotto Transanatolico  che, nel prossimo decennio, porterà il gas dall’Azerbaigian nei Balcani e in Italia e creerà il cosiddetto “Corridoio Sud”.

L’anno scorso, la Lituania ha ricevuto la sua prima partita di GNL dagli Stati Uniti. Anche paesi come la Croazia e la Grecia stanno promuovendo piani per i terminali GNL. Ma l’impronta della Russia è ancora ampia in termini di quota di mercato.

Ecco perché l’UE è importante. Senza il suo formidabile potere normativo e la capacità di promuovere l’integrazione tra mercati nazionali precedentemente frammentati, sarebbe Mosca a dettare i termini. Quello che abbiamo oggi è molto più di una parità di condizioni.

Le opinioni espresse in questo articolo sono proprie dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.

Sorgente: Cosa dovremmo pensare della sentenza dell’UE contro la Gazprom russa? | Affari ed Economia | Al Jazeera

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot