Governi: impegnarsi per significativi tagli alle emissioni militari alla COP26 – CEOBS

Governi: impegnarsi per significativi tagli alle emissioni militari alla COP26 – CEOBS

3 Novembre 2021 0 Di ken sharo

L’accordo di Parigi del 2015 ha lasciato il taglio delle emissioni militari di gas serra (GHG) alla discrezione delle singole nazioni.

I militari sono i principali responsabili delle emissioni e non dovrebbero essere esclusi dagli obiettivi di riduzione dei gas serra. I governi devono dimostrare il loro impegno verso gli obiettivi di Parigi fissando obiettivi militari di riduzione dei gas serra alla COP26. Affinché questi impegni siano significativi, devono soddisfare i criteri indicati di seguito.

 

Emissioni militari, spese e rapporti

I militari sono grandi consumatori di energia e contribuiscono con significative emissioni di gas a effetto serra, oltre a causare impatti ambientali negativi più ampi dalla formazione, dalle attività e dalle operazioni. I militari sono in genere i maggiori consumatori di energia tra le agenzie governative, ma storicamente c’è stata una riluttanza a divulgare i dati sulle loro emissioni.

La spesa militare globale è aumentata del 2,6% nel 2020 a quasi $ 2 trilioni di dollari, nonostante un calo del PIL globale del 4,4% a causa della pandemia di COVID-19.1 Tali aumenti del rischio della spesa militare rispecchiavano l’aumento delle emissioni, oltre a distogliere i finanziamenti dallo sviluppo sostenibile e dalla mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

La Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici  obbliga i firmatari a pubblicare le emissioni annuali di gas a effetto serra, ma la comunicazione delle emissioni militari è volontaria e spesso non è inclusa . Quando riportato, è generalmente incompleto ed esclude le emissioni da apparecchiature e catene di approvvigionamento e quelle relative all’impatto delle operazioni di conflitto . Ciò può includere emissioni dovute a danni alle infrastrutture, cambiamenti ambientali legati ai conflitti e ricostruzione postbellica. 

 

Impegni significativi

I militari e le industrie che li supportano non possono più essere considerati eccezionali e devono intraprendere azioni urgenti e significative per ridurre le loro emissioni di gas serra e l’impatto ambientale. Benché il recente riconoscimento di ciò da parte della NATO sia benvenuto, il riconoscimento è solo il primo passo.

Aggiornamento: nel giugno 2021 la NATO ha deciso di ” valutare la fattibilità  del raggiungimento delle emissioni nette zero entro il 2050″, che si applicherebbe alle sue attività. Nel frattempo, gli Stati membri della NATO hanno concordato “… di ridurre significativamente le emissioni di gas serra dalle attività e dalle installazioni militari senza compromettere la sicurezza del personale, l’efficacia operativa e la nostra posizione di deterrenza e difesa”. Questo è un passo avanti positivo, ma ancora lontano da ciò che il pianeta ha bisogno di vedere. Impegni concreti e passi chiari verso la riduzione delle emissioni militari devono essere sul tavolo della COP26 di novembre.

 

I governi devono utilizzare la COP26 per impegnarsi a ridurre le emissioni militari di gas serra. Affinché questi impegni siano credibili e significativi, devono:

 

  • Stabilire obiettivi chiari di riduzione delle emissioni di gas serra per i militari che siano coerenti con l’ obiettivo di 1,5 o C specificato dall’accordo di Parigi del 2015;
  • Impegnarsi in meccanismi di segnalazione delle emissioni di GHG che siano robusti, comparabili e trasparenti, si basano sul protocollo GHG e che sono verificati in modo indipendente;
  • Fissare obiettivi chiari per l’esercito per risparmiare energia, ridurre la dipendenza dai combustibili fossili e passare a energie rinnovabili rispettose dell’ambiente; 
  • Contenere obiettivi di riduzione chiari per l’industria della tecnologia militare;
  • Dare priorità alle iniziative di riduzione dei GHG alla fonte e non fare affidamento su schemi per compensare le emissioni di GHG;
  • Pubblicare politiche, strategie e piani d’azione di riduzione dei GHG, con report annuali di follow-up sulle prestazioni;
  • Affrontare come la riduzione delle spese e degli schieramenti militari e la modifica delle posizioni militari possono ridurre le emissioni; 
  • Impegnarsi a incorporare le valutazioni climatiche e ambientali nel processo decisionale per tutti gli appalti, le attività e le missioni;
  • Evidenziare la relazione tra cambiamento climatico e degrado ambientale e dimostrare un impegno a ridurre l’impatto ambientale complessivo di tutte le attività e missioni militari;
  • Impegnarsi a ottimizzare la gestione dei terreni militari per migliorare il sequestro del carbonio e la biodiversità;
  • Impegnarsi ad aumentare la formazione climatica e ambientale per i decisori, anche su come le forze armate possono mitigare il cambiamento climatico e il degrado ambientale;
  • Dimostrare leadership, apertura e disponibilità a collaborare e scambiare informazioni sulle buone pratiche con le parti interessate non militari;
  • Impegnarsi a stanziare le risorse appropriate per garantire che tutte le politiche di protezione del clima e dell’ambiente possano essere pienamente attuate.

Sostieni questa chiamata

Se la tua organizzazione desidera supportare questa chiamata, compila il modulo sottostante. Le iscrizioni saranno accettate fino e durante la COP26. Finora è stato approvato da 208 organizzazioni.

– Seleziona il paese –AfghanistanAlbaniaAlgeriaSamoa americaneAndorraAngolaAnguillaAntartideAntigua e BarbudaArgentinaArmeniaArubaAustraliaAustriaAzerbaigianBahamasBahreinBangladeshBarbadosBielorussiaBelgioBelizeBeninBermudaBhutanBoliviaBosnia ed ErzegovinaBotswanaIsola BouvetBrasileTerritorio britannico dell’Oceano IndianoBrunei DarussalamBulgariaBurkina FasoBurundiCambogiaCamerunCanadacapo VerdeIsole CaymanSud AfricaGeorgia del Sud, Isole Sandwich MeridionaliSpagnaSri LankaSant’ElenaSt. Pierre e MiquelonSudanSurinameIsole Svalbard e Jan MayenSwazilandSveziaSvizzeraRepubblica Araba SirianaTaiwanTagikistanTanzania, Repubblica Unita diTailandiaTimor Est (Timor Est)AndareTokelauTongaTrinidad e TobagoTunisiatacchinoTurkmenistanIsole Turks e CaicosTuvaluUgandaUcrainaEmirati Arabi UnitiRegno Unitostati UnitiIsole Minori Esterne degli Stati UnitiUruguayUzbekistanVanuatuVenezuelaVietnamIsole Vergini (britanniche)Isole Vergini (USA)Isole Wallis e FutunaSahara occidentaleYemenJugoslaviaZambiaZimbabwe

Supportato da

Internazionale

  • Amnesty International
  • Croce Verde Internazionale
  • Pace verde
  • Human Rights Watch
  • Coalizione internazionale per vietare le armi all’uranio
  • International Fellowship of Reconciliation
  • Ufficio internazionale per la pace
  • Medici internazionali per la prevenzione della guerra nucleare
  • Unione Internazionale Socio-ecologica
  • Soka Gakkai Internazionale
  • Istituto Transnazionale
  • Lega Internazionale delle Donne per la Pace e la Libertà
  • Mondo oltre la guerra

Regionale

  • Ufficio europeo dell’ambiente (UE)
  • Organizzazione europea delle associazioni militari e dei sindacati (EUROMIL) (UE)
  • Consiglio quacchero per gli affari europei (UE)

Nazionale

  • 11 maart beweging (BE)
  • 2°gradi Northampton (Stati Uniti)
  • 350 Seattle (Stati Uniti)
  • 350 Silicon Valley (Stati Uniti)
  • 80000 voci (Regno Unito)
  • Abingdon Peace Group (Regno Unito)
  • Acronimo Istituto per la diplomazia del disarmo (Regno Unito)
  • Aldrig Mere Krig (DK)
  • Alleanza per la Democrazia (USA)
  • Amsterdamse Vredeswacht (NL)
  • Movimento giovanile arabo per il clima Qatar
  • Archivio Disarmo (IT)
  • Århus mod Krig og Terror (DK)
  • Fondazione Arkbound (Regno Unito)
  • Aseistakieltäytyjäliitto (Unione degli obiettori di coscienza) (FI)
  • Asociación Española de Investigación para la Paz (Associazione spagnola per la ricerca sulla pace) – Environmental Peace Group (ES)
  • Aspey Associates (Regno Unito)
  • Assemblée européenne des citoyens AEC/HCA (FR)
  • athena21 (FR)
  • Ayrshire Camoaign per il disarmo nucleare (Regno Unito)
  • Baptist Peace Fellowship (Regno Unito)
  • Campagna belga per il boicottaggio accademico e culturale di Israele (BE)
  • Belgische Coalitie Stop Uraniumwapens (BE)
  • Riunione dei quaccheri di Berkhamsted (Regno Unito)
  • Oltre l’uranio Canberra (AU)
  • Centro di conservazione della biodiversità (RU)
  • Fondazione BOCS (HU)
  • Brynviron (Regno Unito)
  • California per un mondo OLTRE la guerra (USA)
  • Campagna per il disarmo nucleare (Regno Unito)
  • Campagna per il disarmo nucleare Cymru (Regno Unito)
  • Campaña Colombiana Contra Minas (CO)
  • Canadian Friends Service Committee (Quakers) (CA)
  • Cape Downwinders (Stati Uniti)
  • Centro Delàs d’Estudis per la Pau (ES)
  • Cerice (FR)
  • Climate Action Now MA (USA)
  • Climate Action Team, Unitarian Universalist Fellowship di Corvallis (USA)
  • CODEPINK (USA)
  • Comitato dei 100 in Finlandia (FI)
  • Conejo Climate Coalition (USA)
  • Osservatorio sui conflitti e l’ambiente (Regno Unito)
  • Congregazione delle Suore di Sant’Agnese (USA)
  • Corvallis disinveste dalla guerra (USA)
  • Incontro di amici di Corvallis (Oregon) (Stati Uniti)
  • Centro per la costruzione della pace ambientale (USA)
  • Cercle Vivi Hommel asbl (LU)
  • Creatura Think & Do Tank (FI)
  • Campagna per il disarmo nucleare in Cumbria e Lancashire (Regno Unito)
  • Coalizione ceca per il clima (CZ)
  • Defense for Children International – Cechia (CZ)
  • Disarmisti esigenti (IT)
  • East Bay Peace Action (USA)
  • Campagna del Lancashire orientale per il disarmo nucleare (Regno Unito)
  • Comunità di East Midlands Iona (Regno Unito)
  • Ecojustice Ireland Community Interest Company (Regno Unito)
  • Centro di azione legale per l’ecogiustizia (Regno Unito)
  • Fondazione Ecologia Africa (ZA)
  • Centro Ecologico DRONT (RU)
  • Education for World Solutions (Stati Uniti)
  • Ambientalisti contro la guerra (USA)
  • Taskforce per la giustizia ambientale del Western NY Peace Center (USA)
  • Escola de Cultura de Pau – Universitat Autònoma de Barcelona (ES)
  • Evangelische Arbeitsgemeinschaft für Kriegsdienstverweigerung und Frieden (DE)
  • Federazione Sindacale Unitaria (FSU) (FR)
  • Fellowship of Reconciliation (Regno Unito)
  • Associazione finlandese per la pace cristiana (FI)
  • FMKK, movimento antinucleare svedese (SE)
  • Fondazione per la governance globale e la sostenibilità (BE)
  • Forbyd atomvåben (Ban the Bomb) – ICAN in Danimarca
  • Friedenswerkstatt Sophie-Hedwig (DE)
  • Amici della natura Praga (CZ)
  • Amici del Baltico (RU)
  • Amici della Terra Danimarca – NOAH (DK)
  • Amici della Terra Russia – Unione Social-Ecologica Russa (RU)
  • FundiPau (Stati Uniti)
  • Commissione GLAM della Federazione Protestante IT)
  • Glasgow Quaker Meeting della Società Religiosa degli Amici (Regno Unito)
  • Campagna globale sulla spesa militare (Regno Unito)
  • Global Justice Now (Regno Unito)
  • Global Peace Alliance BC Society (CA)
  • I grandi(m)altri agiscono per salvare il pianeta (CA)
  • Campagna per il disarmo nucleare della Greater Manchester e del distretto (Regno Unito)
  • Cristiano Verde (Regno Unito)
  • Le donne di Greenham sono ancora ovunque (Regno Unito)
  • Holly Musicians for Peace (USA)
  • Riunione di Huddersfield Quaker (Regno Unito)
  • Associazione umana ambientale per lo sviluppo (LB)
  • INTAL (BE)
  • Task Force Interreligiosa sull’America Centrale (USA)
  • IPPNW Germania
  • Just Peace Queensland Inc (AU)
  • Sinagoga della comunità di Kehilla (Stati Uniti)
  • Kingston Peace Council/CND (Regno Unito)
  • KLUG – Deutsche Allianz Klimawandel und Gesundheit eV (DE)
  • Comitato per la pace in Lapponia – Fredskämparna i Lapponia (FI)
  • Iniziativa di riforestazione del Libano (LB)
  • Lega Obiettori di Coscienza – LOC (IT)
  • Leuvense Vredesbeweging (BE)
  • Llanidloes Local Quaker Meeting (Regno Unito)
  • Campagna di Londra contro il commercio di armi (Regno Unito)
  • Maine Natural Guard (Stati Uniti)
  • Centro di Malu Aina per l’educazione e l’azione non violenta (USA)
  • Manchester e Warrington AM Quaker Peace Group (Regno Unito)
  • Associazione medica per la prevenzione della guerra (AU)
  • Borsa metodista per la pace (Regno Unito)
  • Centro di pace e giustizia di Monterey (USA)
  • Mouvement Africain pour la Justice et la Solidarité (MIS-Afrique) (TG)
  • Mouvement de la Paix (FR)
  • Movimento per l’abolizione della guerra (Regno Unito)
  • Northern Friends Peace Board (Regno Unito)
  • NVMP-Artsen voor vrede (IPPNW-Paesi Bassi) (NL)
  • NWRG-onlus (IT)
  • Medici dell’Oregon per la responsabilità sociale (USA)
  • Pacific Institute of Resource Management (NZ)
  • Rivolta di Pasifika (USA)
  • Azione per la pace Durham (Regno Unito)
  • Peace Action Maine (USA)
  • PAX (Paesi Bassi)
  • Rete di educazione e pratica alla pace (NG)
  • Pace e giustizia (Scozia) (Regno Unito)
  • Peace Pledge Union (Regno Unito)
  • Peace Quest Cape Breton (CA)
  • Medici per la responsabilità sociale (USA)
  • Medici per la responsabilità sociale AZ Chapter (USA)
  • Medici per la responsabilità sociale Colorado (USA)
  • Associazione Polacca Zero Waste (PL)
  • Religioni per la pace Canada
  • Religioni per la Paix – Québec (CA)
  • Attivisti rinnegati (AU)
  • Rete Italiana Donne in Nero (IT)
  • Rete Italiana Pace e Disarmo (IT)
  • Ringsfield Hall Eco Activity Centre (Regno Unito)
  • RootsAction.org (Stati Uniti)
  • Cieli sicuri Acqua pulita Wisconsin (USA)
  • Medici per la responsabilità sociale della baia di San Francisco (USA)
  • Scienziati per la responsabilità globale (Regno Unito)
  • Scot.E3 (Occupazione, Energia e Ambiente) (Regno Unito)
  • Campagna scozzese per il disarmo nucleare (Regno Unito)
  • Indagini sul mondo delle ombre (Regno Unito)
  • Campagna per il disarmo nucleare del distretto di South Lakeland e Lancaster (Regno Unito)
  • Hub COP26 South Pennines (Regno Unito)
  • Stand.terra (USA)
  • Stockport for Peace (Regno Unito)
  • Smetti di alimentare la guerra, Cessez d’alimenter la guerre (FR)
  • Studenti che si organizzano per la sostenibilità (Regno Unito)
  • Suomen Rauhanpuolustajat – Comitato per la pace finlandese (FI)
  • Società svedese di pace e arbitrato (SE)
  • Consiglio di pace di Siracusa (USA)
  • Tecnologia per la vita (FI)
  • The Earth Bill Network (Stati Uniti)
  • Il Centro Marjan (Regno Unito)
  • Punto di svolta nord sud (Regno Unito)
  • Borghi torre CND (UK)
  • Transizione Edimburgo (Regno Unito)
  • Transizione Sonoma Valley (Stati Uniti)
  • Centro Traprock per la pace e la giustizia (USA)
  • Vomeri Trident (Regno Unito)
  • TROD868 (TT)
  • Autorità locali antinucleari del Regno Unito e dell’Irlanda
  • Movimento pacifista ucraino (UA)
  • Unite Community Climate Justice Branch (Regno Unito)
  • Uniti per la pace e la giustizia (USA)
  • VANDU (CA)
  • Veterani per la pace 35 (USA)
  • Veterani per la pace 111 (USA)
  • Veterani per la pace | Progetto crisi climatica e militarismo (USA)
  • Veterans For Peace – Carolina del Nord occidentale (USA)
  • Veteranos Por la Paz España (ES)
  • Volontari per la Pace e l’Ambiente Verde (KE)
  • Vredesbeweging Pais (Movimento per la pace Pais) (NL)
  • Washington contro le armi nucleari (USA)
  • Fondazione legale degli Stati occidentali (USA)
  • Fellowship of Reconciliation di Washington occidentale, Seattle Chapter (USA)
  • White Rabbit Grove RDNA (Stati Uniti)
  • WIBP e. V. (DE)
  • Donne contro il nucleare – Finlandia
  • Donne per la trasparenza del commercio di armi (USA)
  • Congresso sul clima delle donne (AU)
  • Donne in nero Edimburgo (Regno Unito)
  • Donne in Black Lovanio (BE)
  • Donne per la Pace (FI)
  • Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà, Australia
  • Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà, Finlandia
  • Lega Internazionale delle Donne per la Pace e la Libertà, Italia
  • Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà, Norvegia
  • Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà, Regno Unito
  • Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà, USA
  • Lega Internazionale delle Donne per la Pace e la Libertà, Comitato per la Democrazia della Terra/USA
  • XR Bury St Edmunds (Regno Unito)
  • XR Repubblica Ceca (CZ)
  • XR Dacorum (Regno Unito)
  • XR Pace (Regno Unito)
  • Pendente XR (Regno Unito)
  • XR Wells (Regno Unito)
  • Campagna dello Yorkshire per il disarmo nucleare (Regno Unito)
  • Rete ambientale Zoï (CH)

Sorgente: Governi: impegnarsi per significativi tagli alle emissioni militari alla COP26 – CEOBS