Dichiarazione sulla repressione e la punizione del crimine di apartheid nella Palestina storica – AURDIP

Dichiarazione sulla repressione e la punizione del crimine di apartheid nella Palestina storica – AURDIP

7 Luglio 2021 0 Di marco zinno
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Dichiarazione sulla repressione e la punizione del crimine di apartheid nella Palestina storica Historic

Oltre 600 accademici, artisti e intellettuali provenienti da più di 45 paesi hanno firmato una dichiarazione che chiede lo smantellamento del regime di apartheid stabilito nel territorio della Palestina storica e l’istituzione di un ordinamento costituzionale democratico che garantisca e attui per tutti gli abitanti di questo paese hanno uguali diritti e doveri, senza alcuna discriminazione basata su razza, origine etnica, religione o sesso. Tra i firmatari ci sono molte personalità eminenti, tra cui i premi Nobel per la pace Adolfo Pérez Esquivel e Mairead Maguire, gli avvocati universitari Monique Chemillier-Gendreau e Richard Falk, gli accademici Étienne Balibar, Hagit Borer, Ivar Ekeland, Suad Joseph, Jacques Rancière, Roshdi Rashed e Gayatri Spivak, ricercatore sanitario Sir Iain Chalmers,

Dichiarazione sulla repressione e la punizione del crimine di apartheid nella Palestina storica Historic

Mentre:

1- Israele ha sottoposto il popolo palestinese per 73 anni a una catastrofe continua, conosciuta come la Nakba, un processo che ha incluso massicci sfollamenti, pulizia etnica, crimini di guerra e crimini contro l’umanità;

2- Israele ha instaurato un regime di apartheid su tutto il territorio della Palestina storica, diretto contro l’intero popolo palestinese, che ha deliberatamente frammentato; Israele non cerca più di nascondere il carattere del suo regime di apartheid, affermando la supremazia ebraica e i diritti di autodeterminazione riservati agli ebrei in tutta la Palestina storica ai sensi della nuova Legge fondamentale approvata nel 2018 dalla Knesset;

3- Il carattere di apartheid dell’attuale regime israeliano è stato confermato e ampiamente documentato da organizzazioni per i diritti umani rispettate a livello mondiale come Adalah , B’Tselem , Human Rights Watch , nonché nello studio della Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l’ Asia occidentale Nazioni Unite, che sottolinea l’importanza di definire l’apartheid Israele come esteso alle persone piuttosto che essere limitato allo spazio [”  Pratiche israeliane contro il popolo palestinese e questione dell’apartheid  ”UN ESCWA, 2017];

4- Israele scatena regolarmente una violenza massiccia con impatti devastanti sulla popolazione di Gaza, che subisce devastazioni diffuse, traumi collettivi, con molti morti e feriti, aggravati dall’imposizione di un blocco disumano e illegale per gli over 14 e dall’emergenza umanitaria creata da la pandemia di Covid;

5- Le potenze occidentali hanno facilitato e persino sovvenzionato per più di sette decenni questo sistema israeliano di colonizzazione, pulizia etnica e apartheid, e continuano a farlo diplomaticamente, economicamente e persino militarmente.

Considerando:

i- La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo che sancisce nel suo primo articolo che “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti”. E tenuto conto che il diritto inalienabile all’autodeterminazione è l’articolo 1 comune al Patto internazionale sui diritti civili e politici e al Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali e, come tale, è un diritto giuridico ed etico di tutti popoli.

ii- La Convenzione internazionale sulla repressione e la punizione del crimine di apartheid che stabilisce nel suo articolo I che “l’apartheid è un crimine contro l’umanità e che gli atti disumani risultanti dalle politiche e dalle pratiche dell’apartheid e da altre politiche e pratiche simili di segregazione razziale e la discriminazione, come definiti nell’articolo II della Convenzione, sono crimini che contrastano con le norme del diritto internazionale, in particolare con le finalità e i principi della Carta delle Nazioni Unite, e che costituiscono una grave minaccia per la pace e la sicurezza internazionale ”. Gli Stati parti della presente Convenzione si impegnano, ai sensi dell’articolo IV:

_ “(A) Prendere tutte le misure, legislative e non, necessarie per impedire che il crimine di apartheid e altre politiche segregazioniste analoghe o le loro manifestazioni siano incoraggiate in qualsiasi modo e per eliminare ogni incoraggiamento di questa natura. e punire i colpevoli di questo crimine;

_ “(B) Prendere provvedimenti legislativi, giudiziari e amministrativi per perseguire, processare e punire secondo la loro giurisdizione i responsabili o imputati degli atti definiti nell’articolo II della presente Convenzione, che risiedano o meno nel territorio di lo Stato in cui sono stati commessi tali atti e se si tratta di cittadini di tale Stato o di un altro Stato o di apolidi. “

I firmatari di questo documento:

A- Affermare il loro categorico rifiuto del regime di apartheid stabilito sul territorio della Palestina storica e imposto al popolo palestinese nella sua interezza, compresi i rifugiati e gli esuli ovunque si trovino nel mondo.

B- Appello per l’immediato smantellamento di questo regime di apartheid e l’istituzione di un ordinamento costituzionale democratico che garantisca e attui per tutti gli abitanti di questo paese uguali diritti e doveri, senza alcuna discriminazione basata su razza, etnia, religione o genere, e che rispetta e applica il diritto internazionale e le convenzioni sui diritti umani, e in particolare dà la priorità al diritto al ritorno a lungo ritardato dei rifugiati palestinesi cacciati dalle loro città e villaggi durante e dopo la creazione dello stato di Israele.

C- Esortare i loro governi a porre immediatamente fine alla loro complicità con il regime israeliano dell’apartheid, a unirsi all’appello a smantellare le strutture dell’apartheid e sostituirle con un governo egualitario e democratico che tratti ogni persona sotto la sua autorità secondo i suoi diritti e nel pieno rispetto della sua umanità , e di compiere questa transizione in modo sensibile al diritto all’autodeterminazione di cui godono i due popoli che attualmente abitano la Palestina storica.

D- Appello per l’istituzione di una Commissione nazionale per la pace, la riconciliazione e la responsabilità al fine di sostenere la transizione dall’apartheid israeliana a un processo di governo sensibile ai diritti umani e ai principi e alle pratiche democratiche. Fino a quando tale processo non sarà avviato, chiedere alla Corte penale internazionale di avviare un’indagine formale sui leader politici e sul personale di sicurezza israeliani colpevoli di perpetuare il crimine di apartheid.

* Accademici, artisti e intellettuali possono firmare questa dichiarazione compilando questo modulo .

* Firmato da 615 accademici, artisti e intellettuali al 5 luglio 2021 ( clicca qui per l’elenco completo ), incluso

  1. Ahmed Abbes, matematico, direttore della ricerca a Parigi, Francia
  2. Sinan Antoon, New York University, Stati Uniti
  3. John Avery, scrittore, Danimarca
  4. Bertrand Badie, Sciences Po Parigi, Francia
  5. Étienne Balibar, Cattedra per l’anniversario di Modern European Philosophy, Kingston University London, Regno Unito
  6. Anthony Barnett, scrittore, Regno Unito
  7. Edmond Baudoin, autore di fumetti, Francia
  8. George Bisharat, UC Hastings College of the Law / Professore, musicista, Stati Uniti
  9. Nicolas Boeglin, Professore di Diritto Internazionale Pubblico, Università del Costa Rica, Costa Rica
  10. Hagit Borer, Professore, Queen Mary University of London, Regno Unito
  11. Grazia Borrini-Feyerabend, Consiglio degli Anziani del Consorzio ICCA, Svizzera
  12. Daniel Boyarin, Taubman Professor of Talmudic Culture, UC Berkeley, Stati Uniti
  13. Anouar Brahem, musicista, compositore, Tunisia
  14. Rony Brauman, medico, scrittore, ex presidente di Medici Senza Frontiere, Francia
  15. Iain Chalmers, editore, James Lind Library, Regno Unito
  16. Hafidha Chekir, Professore Emerito di Diritto Pubblico, Università Al Manar, Tunisi; Vicepresidente della Federazione internazionale per i diritti umani, Tunisia
  17. Monique Chemillier-Gendreau, professore emerito di diritto pubblico e scienze politiche, Università Paris-Diderot, Francia
  18. David Comedi, Università Nazionale di Tucumán e Consiglio Nazionale delle Ricerche, Argentina
  19. Laurent Cugny, Professore, Università della Sorbona, Francia
  20. Eric David, Professore Emerito di Diritto Internazionale presso l’Université libre de Bruxelles, Belgio
  21. Chandler Davis, Professore Emerito di Matematica, Università di Toronto, Canada
  22. Sonia Dayan-Herzbrun, Professore Emerito presso l’Università di Parigi, Francia
  23. Herman De Ley, Professore Emerito, Università di Gand, Belgio
  24. Ivar Ekeland, professore emerito di matematica ed ex presidente, Università di Paris-Dauphine, Francia
  25. Brian Eno, Artista/Compositore, Regno Unito
  26. Adolfo Esquivel, Premio Nobel de la Paz 1980 (Premio Nobel per la pace 1980), Argentina
  27. Richard Falk, Professore di diritto internazionale, emerito, Princeton University, Stati Uniti
  28. Emmanuel Farjoun, Professore Emerito, Università Ebraica di Gerusalemme, Israele
  29. Jan Fermon, avvocato. Segretario Generale Associazione Internazionale dei Giuristi Democratici, Belgio
  30. Domenico Gallo, Presidente della Camera presso la Corte Suprema di Cassazione, Italia
  31. Irene Gendzier, Professoressa Emerita nel Dipartimento di Scienze Politiche, Università di Boston, Stati Uniti
  32. Catherine Goldstein, Direttore della ricerca, Parigi, Francia
  33. Neve Gordon, Queen Mary University of London, Regno Unito
  34. Penny Green, Queen Mary University of London, Regno Unito
  35. Sondra Hale, Professoressa Emerita, Università della California, Los Angeles, Stati Uniti
  36. Michael Harris, Professore di Matematica, Columbia University, Stati Uniti
  37. Judith Herrin, King’s College di Londra, Regno Unito
  38. Christiane Hessel-Chabry, presidente onorario dell’associazione EJE (Gaza), Francia
  39. Shir Hever, economista politico, Germania
  40. Nicholas Humphrey, Professore Emerito, London School of Economics, Regno Unito
  41. Abdeen Jabara, avvocato, past president, Comitato antidiscriminazione arabo-americano, Stati Uniti
  42. Richard Jolly, Emeritus Fellow, IDS, University of Sussex, Regno Unito
  43. Suad Joseph, Distinguished Research Professor, Università della California, Davis, Stati Uniti
  44. Mary Kaldor, London School of Economics and Political Science, Regno Unito
  45. Ronnie Kasrils, ex ministro del governo, Sudafrica
  46. Assaf Kfoury, Dipartimento di informatica, Boston University, Stati Uniti
  47. Rima Khalaf, ex segretario esecutivo dell’ESCWA delle Nazioni Unite, Giordania
  48. Daniel Kupferstein, regista, Francia
  49. Jean-Marc Lévy-Leblond, professore emerito, Università di Nizza, Francia
  50. David Lloyd, Università della California Riverside, Stati Uniti
  51. Brinton Lykes, professore e co-direttore, Boston College Center for Human Rights & International Justice, Stati Uniti
  52. Moshé Machover, matematico, KCL, Regno Unito
  53. Kate Macintosh, Architetto, Regno Unito
  54. Mairead Maguire, premio Nobel per la pace, Irlanda
  55. Dick Marty, dottor Jur. Dr. Hc, ex presidente del Comitato per i diritti umani dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, Svizzera
  56. Georg Meggle, filosofo, prof. em. all’Università di Lipsia, Germania
  57. Jan Oberg, DrHc, ricercatore per la pace e il futuro, Fondazione transnazionale, Svezia
  58. Joseph Oesterlé, professore emerito, Università della Sorbona, Francia
  59. Adi Ophir, Professore Emerito, Università di Tel Aviv; Visiting Professor, The Cogut Institute for the Humanities and the Center for Middle East Studies, Brown University, Stati Uniti
  60. Karine Parrot, professore di diritto all’Università di Cergy-Pontoise, Francia
  61. Ghislain Poissonnier, magistrato, Francia
  62. Susan Power, Responsabile della ricerca e dell’avvocatura legale, Al-Haq, Palestina
  63. Prabir Purkayastha, editore, Newsclick.in, India
  64. Jacques Rancière, Professore Emerito, Università di Parigi 8, Francia
  65. Roshdi Rashed, CNRS / Università di Parigi, Francia
  66. Steven Rose, Professore Emerito di Biologia e Neurobiologia presso la Open University e il Gresham College, Londra, Regno Unito
  67. Hilary Rose, Professoressa Emerita Sociology University of Bradfor, Regno Unito
  68. Jonathan Rosenhead, Professore Emerito di Ricerca Operativa presso la London School of Economics, Regno Unito
  69. Andrew Ross, Professore di Analisi Sociale e Culturale, New York University, Stati Uniti
  70. Alice Rothchild, medico, pensionato, assistente professore di ostetricia e ginecologia, Harvard Medical School, Stati Uniti
  71. Joan Russow, ricercatrice, progetto di ricerca sulla conformità globale, Canada
  72. Richard Seaford, Professore Emerito, Università di Exeter, Regno Unito
  73. Leila Shahid, ex ambasciatore della Palestina, Palestina
  74. Eyal Sivan, Filmmaker – Saggista, Francia
  75. John Smith, regista, professore emerito di belle arti, University of East London, Regno Unito
  76. Nirit Sommerfeld, cantante, attrice, scrittrice, Germania
  77. Ahdaf Soueif, scrittore, Egitto
  78. Gayatri Spivak, Columbia University, Stati Uniti
  79. Jonathan Steele, autore e giornalista, Regno Unito
  80. Annick Suzor-Weiner, Professore emerito, Università di Paris-Saclay, Francia
  81. Salim Tamari, Professore Emerito di Sociologia, Università di Birzeit, Palestina
  82. Virginia Tilley, Southern Illinois University Carbondale, Stati Uniti
  83. Salim Vally, Professore, Università di Johannesburg, Sudafrica
  84. Roger Waters, musicista, Regno Unito
  85. Robert Wintemute, Professore di Diritto dei Diritti Umani, King’s College di Londra, Regno Unito
  86. John Womack jr, Università di Harvard, Stati Uniti

* Le affiliazioni istituzionali sono fornite solo a scopo identificativo.

* L’elenco completo dei firmatari è disponibile qui .

* Accademici, artisti e intellettuali possono firmare la dichiarazione compilando questo modulo .

Sorgente: Dichiarazione sulla repressione e la punizione del crimine di apartheid nella Palestina storica – AURDIP

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot