Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

L’Ideologia Socialista – La vergogna europea deforma la storia

di Giandiego Marigo

Vi è una profonda ambiguità sia storica che politica nel testo di “Memoria Storica” votato dal parlamento europeo, proprio per questa sua caratteristica saliente non stupisce che il PD lo abbia votato e che Sassoli lo difenda.

Il gioco ai limiti della falsificazione storica, il non approfondimento delle specificità, la confusione sommaria fra Socialismo, Comunismo e le degenerazioni burocratiche che li hanno funestati. Lo strumentale accostamento fra stalinismo e sue conseguenze storiche con la storia del socialismo.

Tutto questo fa gioco ed è adottato dalla borghesia europea sin dai tempi della Comune di Parigi ed anche prima, quando fra alcuni gruppi calvinisti sorse un’idea di eguaglianza fra gli uomini, anche politica e sociale oltre che teologica o nel tardo medioevo quando gruppi di francescani (poi ovviamente bruciati come eretici) praticavano in Pianura Padana politiche di “comunità”.

L’adesione pedissequa di un PD senza sugo e senza idee era prevedibile … telefonata, ed infatti è puntualmente avvenuta.

Persino sullo stalinismo, che pure, storicamente, noi riteniamo un periodo oscuro le falsificazioni storiche si sprecano. È un poco come nelle fake news, che una volta divenute virali divengono verità, anche di fronte alle palesi smentite della razionalità, La verità viene relativizzata a forza, seguendo le esigenze di chi la impugna, brandendola come assoluta.

La storia, come sempre, la scrive il potere.

Un tempo l’AreA Socialista, aveva la capacità di opporre il proprio racconto, persino Guareschi che non era né Socialista ed ancor meno Comunista, nel raccontare Don Camillo e Peppone, pur nella generale democristianizzazione dell’argomento, ebbe un occhio di riguardo per la realtà storica, pur mistificandola in parte.

Oggi, mentre i testimoni oculari muoiono, resta la computazione, più o meno attenta e strumentale degli storici. I libri a sensazione abbondano riportando , nella generale confusione e mistificazione di fondo, numeri, tutto sommato a caso o peggio in un marasma che non tiene conto delle diverse cause. Nella rappresentazione di fondo degli interessi dell’occidente, e nella preventiva giustificazione delle storture che mano a mano emergono dai documenti non più segretati dei vari servizi di intelligence e spionaggio, occidentali.

Ed anche in questo le degenerazioni interne all’Occidente che originano il Trumpismo, il Salvinismo o la parabola dei vari imperatori farlocchi di ogni tempo e nazione e tutte le manifestazione moderne del Fascismo realizzano il proprio intervento arrogante, supportato da intellettuali prezzolati e servili nei confronti del potere.

Così come un tempo fece il Maccartismo oggi si prepara, anche attraverso la menzogna storica o la parzializzazione del racconto, il retroterra ideale per la messa fuori legge del dissenso … quanto meno di quello di marcatura egualitaria.

Un tempo, lo abbiamo detto, l’AreA sapeva narrare il suo racconto, il lavoro sulla storia compiuto per esempio dai “Movimenti” degli anni 60/70/80 è stato importante , anche se criminalizzato poi dall’invenzione degli “Anni di Piombo”, ma anche prima sin dalla fine dell’800 l’egualitarismo sapeva ritagliarsi uno spazio, faticoso e doloroso, ma sempre più reale nel racconto della Storia e della Realtà.

È anche per questo che tanto più grave, doloroso e triste è “il cedimento culturale e politico” (chiamiamolo così) degli eredi indegni del Partito Comunista e del Partito Socialista Italiani (quantomeno delle strutture istituzionalizzate).

Che il Parlamento Europeo facesse gli interessi della propria borghesia, ammollando ogni tanto una briciola di pane raffermo sulle questioni dei “Diritti Umani” e del “Generalismo Progressista” era, purtroppo palese e risaputo, ma che l’AreA si dimostrasse poi “così arrendevole ed impotente” di fronte ad una “mistificazione” storica, forse speravamo (o quantomeno molti si illudevano) di non doverlo vedere mai.

Abbiamo visto anche questo e il fatto che avessimo detto, in tempi non sospetti, che si stava preparando non ci consola affatto.

Sorgente: L’Ideologia Socialista – La vergogna europea deforma la storia

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing