Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

 GLI ORGANIZZATORI DELLA “RIVOLUZIONE DI COLORE” NELLE “PROTESTE” DI HONG KONG, SONO LEGATI ALLA CIA : ANALISTA

Le proteste in corso a Hong Kong vengono promosse da organizzazioni finanziate dalla Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti per istigare rivoluzioni di colore all’estero, lo afferma un analista americano.

Dennis Etler, analista politico ed ex professore di antropologia con sede in California, ha dichiarato mercoledì che le proteste delle “camicie nere” che recentemente hanno turbato la città di Hong Kong sono state sostenute e sobillate dagli Stati Uniti e dal Regno Unito.

“Le” camicie nere”, i manifestanti violenti, sono agitatori e teppisti che hanno sottoposto i residenti della città a settimane di violenza sfrenata, mettendo in pericolo la vita e l’incolumità della polizia e dei cittadini”, ha detto Etler a Press TV.

“Sono una piccola minoranza di giovani scontenti, aiutati e sostenuti dagli oligarchi anti-cinesi di Hong Kong e dagli Stati Uniti attraverso i loro sostituti sponsorizzati dalla CIA, come la National Endowment for Democracy, che, in Cina come in altri paesi, ha svolto il compito di sostenere i” dissidenti ” pro-americani per mezzo dei quali gli Stati Uniti vogliono istigare una cosiddetta” rivoluzione del colore “nell’interesse dell’imperialismo americano”, ha affermato.

Hong Kong è precipitata nelle rivolte a giugno ed è stata teatro di manifestazioni antigovernative su un disegno di legge di estradizione che avrebbe permesso alle autorità locali di trattenere e di estradare i sospetti nei tribunali della Cina continentale.

Con lo slancio delle proteste, il governo della regione gestito dalle autorità della Cina, si è effettivamente ritirato dal disegno di legge, ma le manifestazioni sono persistite e le persone in protesta più volte sono ricorse alla violenza e hanno distrutto o danneggiato gli edifici governativi. Nessun paese sopporterebbe tali manifestazioni senza reprimerle (come ad esempio sta avvenendo in Francia con i Gilet gialli).

La Cina ha accusato i paesi stranieri, principalmente Stati Uniti e Gran Bretagna, di provocare e sobillare disordini.

Sia Londra che Washington hanno chiesto a Pechino di rispettare i diritti dei manifestanti permettendo loro di rimanere in piazza.

Etler ha detto mercoledì che nessuno dei due paesi era veramente preoccupato per i diritti umani a Hong Kong ed ha usato la questione solo per fare più pressione sulla Cina.

Hong Kopng Vilenze dimostranti

L’analista sostiene che, se gli Stati Uniti avessero davvero a cuore i diritti umani, avrebbero iniziato tagliando tutti gli aiuti militari all’Arabia Saudita nel mezzo della sua guerra in corso contro lo Yemen.

“Ovviamente, gli Stati Uniti e il Regno Unito non sono realmente interessati alla vita umana o ai diritti umani”, ha affermato il professore. “Hanno armato e supportato l’Arabia Saudita nella sua guerra genocida contro il popolo yemenita, e non avevano scrupoli a fare la guerra e smembrare l’Iraq, la Libia e innumerevoli altre nazioni che non li hanno danneggiati. Quanti sono stati mutilati e uccisi dalle bombe e dai proiettili degli Stati Uniti e del Regno Unito negli ultimi decenni?

«Gli Stati Uniti e il Regno Unito pensano che se indicheranno con il marchio “prodemocrazia” un movimento antigovernativo, questo sarà automaticamente visto da un pubblico globale con simpatia “, ha aggiunto. “Ma la gente del mondo non è così ingenua e nessuno prende sul serio quello che dice la propaganda anglo USA”.

Nota: Naturalmente per i media occidentali, che riferiscono sulle rivolte di Hong Kong e in particolare per l’inviata della RAI Giovanna Botteri, si tratta sempre di proteste “spontanee” contro l’assolutismo del governo cinese che reprime brutalmente i manifestanti.

Fonte: News Kodoom

Traduzione e nota: Luciano Lago

Sorgente: controinformazione.info | GLI ORGANIZZATORI DELLA “RIVOLUZIONE DI COLORE” NELLE “PROTESTE” DI HONG KONG, SONO LEGATI ALLA CIA : ANALISTA

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing