il manifesto del 03.04.2019 con i primi articoli online

3 Aprile 2019 0 By Luna Rossa

Un gommone con 50 migranti scompare al largo della Libia. La Guardia costiera di Tripoli: «Segnalazione troppo vaga per mandare una motovedetta». Senza più le navi delle ong, ormai nel Mediterraneo si muore senza lasciare traccia. E l’Olanda blocca anche la Sea Watch

Economia

Juncker all’Italia: cambiare rotta. Conte difende la manovra

Andrea Colombo

Il presidente della Commissione attacca i «ministri bugiardi» che accusano la Ue e chiede investimenti. Ma non riapre le ostilità. Il premier difende Quota 100 e reddito: «Lo scenario concordato in dicembre non cambierà». I conti veri si faranno dopo le europee

Il governo prepara lo «sblocca porcate»

Massimo Franchi

La bozza quasi definitiva prevede l’innalzamento al 50% della soglia per i subappalti e meno controlli. La Cgil: rende più facile l’illegalità nella gestione dei bandi e peggiora i diritti degli operai

Lo scontro tra alleati lascia la Sardegna senza giunta

Costantino Cossu – Cagliari

Salinas appeso al braccio di ferro su sanità e urbanistica. Salvini sempre in tour nell’isola. Di Maio sblocca gli ammortizzatori sociali proprio mentre il leghista incontra gli operai

Per La Cassazione Mimmo Lucano non è colpevole

Silvio Messinetti

Reso noto il parere della Suprema corte sul suo ricorso: «Non appaiono sufficienti indizi». L’accusa era di aver turbato procedure di gara per dare al Comune la raccolta rifiuti

Vaccini. Cinque Stelle: «Lasciare l’obbligo solo per il morbillo»

Redazione politica

il grillino presidente della commissione sanità del senato Pierpaolo Sileri annuncia: «Siamo lavorando a una eventuale modifica dell’emendamento, mantenendo l’obbligatorietà della certificazione per la frequenza scolastica solo per il morbillo: il punto d’incontro, cioè, è che per il morbillo potrebbe essere necessario lasciare l’obbligo di vaccinazione e certificazione»

«Abbiamo iniziato a smantellare la riforma»

Massimo Franchi

Il sottosegretario leghista al lavoro Claudio Durigon «Quota 100 è una mediazione con la Ragioneria, Quota 41 è l’obiettivo futuro, anche se costa di più»

Tre anni per pochi La Fornero rimane

Massimo Franchi

Il contratto del «governo del cambiamento» diceva: «stop Fornero». In realtà Quota 100 è una finestra che favorisce solo statali e grandi aziende. Colpendo donne, precari e giovani

Europa

«La sinistra non si può sviluppare all’interno dell’Ue»

Jacopo Rosatelli

«Il vero potere legislativo è diviso fra il Consiglio e la Corte di giustizia, quindi il voto per il parlamento di Strasburgo non avrà conseguenze politiche», intervista al sociologo tedesco Wolfgang Streeck, scettico sull’Europa: «È un’istituzione tecnocratica»

Europa

Storica visita del premier Tsipras a Skopje. Ma c’è chi rema contro

Teodoro Andreadis Synghellakis, Fabio Veronica Forcella

I due paesi hanno raggiunto accordi nei settori del commercio, della difesa e dell’informatica. Ma la destra di Nuova Democrazia rema contro e vuole sfruttare la contrarietà degli abitanti della regione di Salonicco in vista delle europee e delle politiche

REPORTAGE

Umanità zero sulla frontiera

Luca Celada

Nella «Piccola Haiti» di Tijuana, tra i migranti in fuga da mali emisferici con cui gli Stati uniti, la loro meta finale, hanno molto a che vedere. Al di là del confine rischiano di finire in una gabbia metallica a El Paso. Grazie alla Casa bianca sovranista che preferisce tenere alto il livello simbolico dello scontro, anziché risolvere il problema

Editoriale

Il raìs sa già dove reagire: a Rojava

Alberto Negri

Erdogan resiste nell’Anatolia profonda, ma cede nelle grandi città. La risposta è dietro l’angolo: una nuova operazione contro i curdi. Quella che anche il rivale Chp appoggerebbe

In cammino per aprire i sensi

Tiziano Fratus

Un incontro con Davide Sapienza, in occasione del suo «Il Geopoeta. Avventure nelle terre della percezione», pubblicato per Bolis. «Il bosco è una lezione di vita: il suo spirito, la sua economia naturale, la sua bellezza, le interconnessioni tra le diverse essenze, tutto mi parla di equilibrio»

David Sylvian, malinconici chiaroscuri

Roberto Franco

Ristampati in vinile 180 grammi alcuni classici dell’ex voce dei Japan, a partire da «Brilliant Trees». Un album registrato insieme a giganti del jazz e dell’avanguardia: Wheeler, Czukay, Hassell

Il tocco vintage di Jack Savoretti

Stefano Crippa

Terzo album per l’artista di padre italiano, «Singing to strangers» è stato registrato negli studi Forum di Roma dove registrava Ennio Morricone

Un sax che scardina le regole

Nazim Comunale

Esce il nuovo lavoro di James Brandon Lewis qui in formazione da quintetto dal titolo «Un Unruly Manifesto»

Commenti

Perché l’intelligenza critica è collettiva

Marco Bascetta

La direttrice della collana «Cadre noir» della casa editrice francese “Le Seuil” ha deciso di sospendere la pubblicazione dell’ultimo libro di Cesare Battisti dopo la confessione degli omicidi commessi dall’autore una quarantina di anni fa

Disuguaglianze economiche e partiti populisti: legame da scindere

Pier Giorgio Ardeni, Mauro Gallegati

Dal voto del 4 marzo: dove i «collegi» erano più poveri, è stato premiato il M5S; dove le classi medio-basse erano più presenti, ad essere premiata è stata la Lega. È un populismo che è sbocciato dove la sinistra progressista, più della destra conservatrice, avrebbe dovuto prendere il testimone di «difendere il 99%»

In Umbria se non ti sbrighi a guarire paghi

Francesco Pallante

Il ricovero delle persone anziane malate croniche non autosufficienti nelle residenze sanitarie assistenziali (Rsa) a carico del servizio sanitario regionale è, per ragioni di costo, prefissato in massimo 90 giorni, decorsi i quali il paziente «deve rendersi pienamente disponibile alla dimissione» (così si legge nelle comunicazioni rivolte ai malati), a prescindere dalla circostanza che sia o meno guarito

Regolare la Rete, prima che la Rete regoli noi

Vincenzo Vita

Va ripreso il filo conduttore che portò le Nazioni unite a concepire nella sua struttura l’Internet governance forum (Igf) nel 2005 a Tunisi. Nel 2006 ad Atene si tenne il primo incontro, con un ruolo decisivo svolto da Stefano Rodotà. Il grande e compianto giurista ci ha lasciati e tuttavia non mancano personalità in Italia che ne potrebbero rilevare il testimone su un argomento così rilevante

Sorgente: il manifesto del 03.04.2019 | il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •