“Un interminabile viaggio all’inferno”: Israele incarcera centinaia di ragazzi palestinesi all’anno. Queste sono le loro testimonianze. – Invictapalestina

23 Marzo 2019 0 By ken sharo

Sono arrestati nel cuore della notte, bendati e ammanettati, maltrattati e picchiati per fare loro confessare crimini che non hanno commesso. Ogni anno Israele arresta quasi 1.000 minori palestinesi, alcuni dei quali non  hanno neppure 13 anni.

English version

Netta Ahituv 16 marzo 2019

Foto di copertina: Le forze israeliane  arrestano il palestinese Fevzi El-Junidi, 14 anni, a seguito di scontri nella città di Hebron in Cisgiordania, dicembre 2017. (Wisam Hashlamoun / Anadolu Agency)

Nel villaggio di Beit Ummar, in Cisgiordania, tra Betlemme e Hebron, era un pomeriggio grigio e tipicamente freddo di fine febbraio. Il tempo non scoraggiava i bambini della famiglia Abu-Ayyash dal giocare e divertirsi all’aperto. Uno di loro, in costume da Spiderman, recitava la parte saltando agilmente  da una parte all’altra.  All’improvviso, i bambini videro un gruppo di soldati israeliani che arrancavano lungo il sentiero  sterrato dall’altra parte della strada. Immediatamente le loro espressioni passarono dalla gioia al terrore e si precipitarono in casa. Non è la prima volta che reagiscono così, dice il loro padre. In realtà, è diventato un comportamento normale, da quando Omar, 10 anni, è stato arrestato  dai soldati lo scorso dicembre.

Il bambino di 10 anni è uno delle molte centinaia di bambini palestinesi che Israele arresta ogni anno: le stime vanno da 800 a 1.000. Alcuni hanno meno di 15 anni; alcuni sono persino dei preadolescenti. Una mappatura dei luoghi in cui avvengono  gli arresti rivela uno schema preciso : più un villaggio palestinese è vicino a un insediamento, più è probabile che i minori che risiedono lì si troveranno sotto custodia israeliana. Ad esempio, nella città di Azzun, a ovest dell’insediamento di Karnei Shomron, non c’è quasi una famiglia che non abbia mai avuto un arresto. I residenti dicono che negli ultimi cinque anni sono stati arrestati più di 150 alunni dell’unica scuola superiore della città.

Omar Rabua Abu Ayyash. (Meged Gozani)

In un qualsiasi momento, ci sono circa 270 adolescenti palestinesi nelle prigioni israeliane. La causa più  comune per il loro arresto, il lancio di pietre, non spiega tutta la storia. Le chiacchierate con molti giovani, così come con avvocati e attivisti per i diritti umani, compresi quelli dell’organizzazione per i diritti umani B’Tselem, rivelano un certo schema, anche se lasciano aperte molte domande: ad esempio, perché l’occupazione richiede che gli arresti siano violenti e perché è necessario minacciare i giovani.

Un certo numero di Israeliani, la cui sensibilità è ferita dagli arresti di bambini palestinesi, hanno deciso di mobilitarsi per  combattere il fenomeno. Nell’ambito di un’organizzazione chiamata Parents Against Child Detention, i suoi circa 100 membri sono attivi nei social network e organizzano eventi pubblici  “al fine di aumentare la consapevolezza sulla portata del fenomeno e sulla violazione dei diritti dei minori palestinesi, e per creare un gruppo di pressione che lavori per la sua cessazione “. Il loro target di riferimento sono altri genitori, che sperano rispondano con empatia alle storie di questi bambini.

In generale, non sembrano mancare critiche al fenomeno. Oltre a B’Tselem, che monitora regolarmente l’argomento, c’è stata anche una protesta dall’estero. Nel 2013, l’UNICEF, l’agenzia delle Nazioni Unite per i bambini, ha  denunciato”il maltrattamento dei bambini che vengono a contatto con il sistema di detenzione militare che sembra essere diffuso, sistematico e istituzionalizzato”. In un rapporto dell’anno  prima, stilato da esperti avvocati britannici, si afferma che le condizioni a cui sono sottoposti i bambini palestinesi equivalgono alla tortura, e solo cinque mesi fa l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha deplorato la politica israeliana di arrestare i minori, dichiarando: ” Deve essere posto fine a tutte le forme di abuso psicologico di bambini durante l’arresto, il transito e i periodi di attesa e durante gli interrogatori “.

L’ arresto

Circa la metà degli arresti di adolescenti palestinesi  avviene nella loro abitazione. Secondo le testimonianze, di solito i soldati delle Forze di Difesa Israeliane irrompono nella casa nel cuore della notte, afferrano il giovane ricercato e lo portano via (pochissime sono le  ragazze detenute), lasciando alla famiglia un documento che dichiara dove è stato preso e con quale accusa. Il documento è stampato  in arabo ed ebraico, ma il comandante in genere compila i dettagli solo in ebraico, quindi lo consegna ai genitori che potrebbero non essere in grado di leggerlo e quindi non sapere perché il figlio sia stato arrestato.

La procuratrice Farah Bayadsi si chiede perché sia ​​necessario arrestare i minori in questo modo, invece di convocarli per interrogarli. (I dati mostrano che solo il 12% dei giovani riceve una convocazione  per essere interrogato).

“So per esperienza che ogni volta che qualcuno viene convocato per un interrogatorio, ci va”, osserva Bayadsi. È un’avvocatessa che lavora con Defense for Children International, una ONG globale che si occupa della detenzione dei minori e della promozione dei loro diritti.

“La risposta che generalmente otteniamo”, dice, “è che viene attuato in questo modo per motivi di sicurezza. Ciò significa che è un metodo deliberato, che non è destinato a venire incontro al minorenne , ma a provocargli un trauma che dura tutta la vita.”

 “A volte le mani del minore sono troppo piccole per  essere ammanettate”.

Infatti, come l’Unità del portavoce dell’IDF ha dichiarato a Haaretz, “La maggior parte degli arresti, sia di adulti che di minori, viene eseguita di notte per ragioni operative, per non creare disordini  e per  attuare azioni specifiche ovunque sia possibile. ”

Circa il 40% dei minori è detenuto  in un ambito pubblico, di solito nel campo degli incidenti che coinvolgono i lanci di sassi contro i soldati. È stato il caso di Adham Ahsoun, di Azzun. All’epoca aveva 15 anni e stava tornando a casa da un negozio di alimentari locale. Non molto lontano, un gruppo di bambini aveva iniziato a lanciare sassi contro dei soldati, prima di scappare. Ahsoun, che non fuggì, fu arrestato e  fatto salire su di un veicolo militare; una volta dentro, fu colpito da un soldato. Alcuni bambini che videro quello che era successo, corsero a casa sua per avvisare sua madre. Prendendo  il certificato di nascita di suo figlio, la madre si precipitò all’ingresso del villaggio per dimostrare ai soldati che Adham era solo un bambino. Ma era troppo tardi; il veicolo era già partito, diretto a una base militare nelle vicinanze, dove Adham  avrebbe aspettato di essere interrogato.

Per legge, si suppone che i soldati ammanettino i bambini con le mani davanti, ma in molti casi lo si fa  con le mani dietro. Inoltre, a volte le mani del minore sono troppo piccole per  essere ammanettate,  come un soldato della brigata di fanteria Nahal ha detto alla ONG Breaking the Silence. In un’occasione, riferì, la sua unità arrestò un ragazzo “di circa 11”, ma le manette erano troppo grandi per le sue piccole mani.

La tappa successiva è il viaggio: i giovani, con gli occhi bendati, vengono portati in una base militare o in una stazione di polizia di un insediamento vicino. “Quando i tuoi occhi sono coperti, la tua immaginazione ti porta nei posti più spaventosi”, dice un avvocato che rappresenta i giovani palestinesi. Molti degli arrestati non capiscono l’ebraico, quindi una volta spinti nel veicolo dell’esercito sono completamente tagliati fuori da quello che succede intorno a loro.

Nella maggior parte dei casi,  i minori ammanettati e bendati verranno spostati da un posto all’altro prima di essere interrogati. A volte vengono lasciati fuori, all’aperto, per un po’. Oltre al disagio e allo smarrimento, i frequenti spostamenti presentano un altro problema:  molti atti di violenza, con i soldati che picchiano i detenuti, hanno luogo  senza che possano essere documentati.

Una volta alla base dell’esercito o alla stazione di polizia il minore, ancora ammanettato e bendato, viene fatto sedere per alcune ore su una sedia o sul pavimento, in genere senza ricevere nulla da mangiare. Un “interminabile viaggio  all’inferno” , come Bayadsi descrive questo iter.  Il ricordo dell’incidente, aggiunge, “rimane  anche a distanza di anni dal rilascio del ragazzo. Provoca in lui una continua mancanza di sicurezza che perdurerà per tutta la sua vita. ”

Giovani detenuti palestinesi sotto scorta. Solitamente i soldati irrompono in casa nel cuore della notte, afferrano il giovane ricercato e lasciano alla famiglia un documento che indica dove viene portato. (Breaking the Silence)

Una testimonianza rilasciata a Breaking the Silence da un sergente dello staff dell’IDF su un incidente in Cisgiordania descrive la situazione dall’altra parte: “Era la prima notte di Hanukkah del 2017. Due  minori stavano lanciando pietre sulla Highway 60, quindi li abbiamo presi e li abbiamo portati alla base. Erano bendati  e ammanettati davanti con  fettucce di plastica. Sembravano giovani, tra i 12 ei 16 anni. ”

Quando i soldati si riunirono per accendere la prima candela della festa di Hanukkah, i detenuti rimasero all’esterno. “Urlavamo  e facevamo rumore usando dei tamburi, una specie di nostro rituale”, ha ricordato il soldato, sottolineando che supponeva che i bambini non conoscessero l’ebraico, sebbene forse fossero in grado di capire le imprecazioni che sentivano. “Urlavamo sharmuta (puttana) e altre parole che probabilmente  conoscevano dall’arabo. Come potevano sapere che non stavamo parlando di loro? Probabilmente avranno  pensato  che di li a poco li avremmo cucinati. ”

L’interrogatorio

Gli ex detenuti riferiscono che l’incubo può essere di durata diversa. Da tre a otto ore dopo l’arresto, quando  i minori sono stanchi e affamati e a volte anche doloranti per essere stati picchiati, spaventati dalle minacce e non sapendo nemmeno perché sono lì, vengono sottoposti all’interrogatorio. Questa potrebbe essere la prima occasione in cui la benda viene rimossa e le mani liberate. Il processo di solito inizia con una domanda generale, ad esempio: “Perché lanci pietre ai soldati?” Il resto è più  pressante, una raffica di domande e di minacce, volte a far firmare all’adolescente una confessione. In alcuni casi, gli viene promesso che se firmerà gli verrà dato qualcosa da mangiare.

Secondo le testimonianze, le minacce degli interroganti sono dirette direttamente al ragazzo (“Passerai tutta la vita in prigione”) o alla sua famiglia (“Porterò qui  tua madre e la ucciderò davanti ai tuoi occhi”) o al sostentamento della famiglia (“Se non confessi,  toglieremo a tuo padre il permesso per lavorare in Israele. A causa tua, lui resterà senza lavoro e tutta la tua  famiglia soffrirà la fame”).

“Il sistema dimostra che qui l’intenzione è più di dimostrare il controllo, che non impegnarsi nel rafforzarlo”, suggerisce Bayadsi. “Se il ragazzo confessa, viene aperto un file; se non confessa, entra comunque nella cerchia criminale e viene seriamente intimidito “.

La reclusione

Sia che  il giovane detenuto abbia o meno  firmato una confessione, la tappa successiva è la prigione. O Megiddo, nella Bassa Galilea, o Ofer, a nord di Gerusalemme. Khaled Mahmoud Selvi aveva 15 anni quando fu imprigionato nell’ottobre 2017 e gli fu detto di spogliarsi per una perquisizione corporale (come nel 55 percento dei casi). Per 10 minuti fu costretto a stare nudo, insieme ad un altro ragazzo,  in inverno.

I mesi di detenzione in attesa di processo, e quelli che seguono, se condannati, vengono  trascorsi nell’ala giovanile delle carceri  di sicurezza. “Non parlano con le loro famiglie per  mesi e queste possono visitarli una volta al mese, attraverso un vetro”, racconta Bayadsi.

Le ragazze palestinesi vengono arrestate molto meno rispetto ai ragazzi. Ma non esiste una struttura appositamente per loro, quindi sono detenute nella prigione femminile di Sharon, insieme agli adulti.

” In alcuni casi, gli  viene promesso che se firmerà gli verrà dato qualcosa da mangiare”.

Il processo

L’aula di tribunale è solitamente il luogo in cui i genitori  rivedono per la prima volta  il loro figlio, settimane dopo il suo arresto. Le lacrime sono la reazione più comune alla vista del giovane detenuto, che indosserà l’uniforme della prigione e le manette,  mentre una nuvola di incertezza aleggia su tutto. Le guardie del servizio carcerario israeliano non permettono ai genitori di avvicinarsi ai ragazzi e li fanno sedere sulla panchina dei visitatori. La difesa è pagata dalla famiglia o dall’Autorità Palestinese.

Durante una recente udienza di rinvio per diversi detenuti, un ragazzo non smise per tutto il tempo di sorridere a sua madre, mentre un altro abbassò gli occhi, forse per nascondere le lacrime. Un altro detenuto sussurrò a sua nonna, che era venuta a fargli visita, “Non preoccuparti, dì a tutti che sto bene.” Il ragazzo successivo rimase in silenzio mentre sua madre gli sussurrava “Omari, ti amo.”

Mentre i minori  e le loro famiglie cercano di scambiarsi parole e sguardi, i procedimenti proseguono. come fossero in un universo parallelo.

L’avvocatessa Farah Bayadsi. E ‘ chiaro, dice, che l’obiettivo degli arresti  “è più dimostrare il controllo che impegnarsi nell’applicazione della legge “.

L’accordo

La stragrande maggioranza dei processi  ai minori termina con un patteggiamento: la safka in arabo, una parola che i bambini palestinesi conoscono bene. Anche se non ci sono prove concrete  che dimostrano che il ragazzo  è stato coinvolto nel lancio di pietre, spesso è l’opzione preferita. Se il detenuto non è d’accordo, il processo potrebbe durare a lungo e lui verrebbe tenuto in custodia fino alla fine del processo.

La condanna si basa quasi interamente  sulla confessione, afferma l’avvocato Gerard Horton, del British-Palestinian Military Court Watch, il cui impegno, secondo il suo sito web, implica il “monitoraggio del trattamento dei bambini nella detenzione militare israeliana”. Secondo Horton, che  vive a Gerusalemme, i minori sono più inclini a confessare se non conoscono i loro diritti, se sono spaventati e se non ricevono alcun sostegno o sollievo finché non confessano. Spesso a un detenuto che non confessa gli verrà detto che potrebbe  affrontare una serie di udienze in tribunale. Ad un certo punto, anche  i ragazzi più forti cederanno, spiega l’avvocato.

L’Unità del portavoce dell’IDF ha dichiarato in risposta: “I minori hanno il diritto di essere rappresentati da un avvocato  come qualsiasi altro imputato, e hanno il diritto di condurre la loro difesa in qualsiasi modo scelgano. A volte scelgono di ammettere la colpevolezza nel quadro di un patteggiamento, ma se si dichiarano non colpevoli, viene  aperta una procedura che include le udienze, come nei procedimenti condotti nei tribunali civili di Israele, alla cui conclusione verrà presa una decisione legale in base alle prove presentate al tribunale. Le udienze  sono  fissate in breve tempo e sono condotte in modo efficiente e salvaguardando i diritti degli accusati “.

Gestire la comunità

Secondo i dati raccolti dalla ONG britannico-palestinese, il 97% dei giovani arrestati dall’IDF vive in località relativamente piccole che distano non più di due chilometri da un insediamento. Ci sono una serie di ragioni che spiegano questo fatto. Una è il costante attrito, sia fisico che geografico, tra i Palestinesi e i soldati e i  coloni. Tuttavia, secondo Horton, c’è un altro e  non meno interessante modo di interpretare questo dato, vale a dire utilizzando il punto di vista di un comandante dell’IDF, la cui missione è quella di proteggere i coloni.

Nel caso di episodi di lancio di pietre dice, l’ipotesi del comandante è che i Palestinesi coinvolti siano giovani, di età compresa tra i 12 e i 30 anni  e che provengano dal villaggio più vicino. Spesso l’ufficiale si rivolge al collaborazionista  residente nel villaggio, che gli fornisce i nomi di alcuni ragazzi.

La mossa successiva è “entrare di notte nel villaggio e arrestarli”, continua Horton. “E sia che questi giovani siano quelli che hanno tirato le pietre o no, hai già messo paura a tutto il villaggio” ,paura  che è sempre uno “strumento efficace” per la gestione di una comunità.

“Quando così tanti minori vengono arrestati con queste modalità, è chiaro che alcuni di loro sono innocenti”, osserva. ” Ma è questo che deve sempre accadere, perché i ragazzi crescono e sulla scena  arrivano altri nuovi bambini. Ogni generazione deve sentire il  pugno duro dell’IDF “.

Secondo l’Unità del portavoce dell’IDF: “Negli ultimi anni molti minori, alcuni dei quali molto giovani, sono stati coinvolti in episodi di violenza, incitamento e persino terrorismo. In questi casi, non vi è altra alternativa che istituire misure specifiche, tra cui interrogatori, detenzioni e processi, nei limiti e secondo quanto previsto dalla legge. Come parte di queste procedure, l’IDF opera per sostenere e preservare i diritti dei minori. Nell’applicare la legge tuttavia, la loro età viene tenuta in considerazione.

“Così, dal 2014, tra le altre misure, in alcuni casi i minori sono invitati alla stazione di polizia e non vengono arrestati a casa. Inoltre, i procedimenti relativi ai minori si svolgono nel tribunale militare per i minorenni, che esamina la gravità del reato attribuito al minore e il pericolo che pone tenendo in considerazione la sua giovane età e le particolari circostanze. Ogni accusa di violenza da parte dei soldati delle IDF viene esaminata e i casi in cui le azioni dei soldati vengono giudicate errate, vengono trattati severamente “.

Il servizio di sicurezza Shin Bet ha dichiarato : “Lo Shin Bet, insieme all’IDF e alla polizia israeliana, opera contro ogni elemento che minaccia di danneggiare la sicurezza di Israele e dei suoi cittadini. Le organizzazioni terroristiche fanno ampio uso di minori e li reclutano per svolgere attività terroristiche, e c’è una tendenza generale a coinvolgere minori nelle attività terroristiche come parte di iniziative locali.

“Gli interrogatori di sospetti terroristi sono condotte dallo Shin Bet secondo la legge, e sono soggette a una supervisione e a un riesame interno ed esterno,  secondo tutti i livelli del sistema giudiziario. Gli interrogatori sui minori vengono eseguiti con maggiore sensibilità e in considerazione  della loro giovane età “.

Khaled Mahmoud Selvi (Meged Gozani)

Khaled Mahmoud Selvi, arrestato  a 14 anni (ottobre 2017).

“Sono stato arrestato quando avevo 14 anni, tutti i ragazzi della famiglia sono stati arrestati quella notte. Un anno dopo,  fui arrestato di nuovo, con mio cugino. Dissero che avevo incendiato dei peneumatici. È successo quando stavo dormendo. Mia madre mi svegliò. Pensavo fosse ora di andare a scuola, ma quando aprii gli occhi  vidi sopra di me dei soldati . Mi  dissero di vestirmi, mi ammanettarono e mi portarono fuori. Indossavo una maglietta a maniche corte e quella notte faceva freddo. Mia madre li pregò di farmi indossare una giacca, ma loro non volevano. Alla fine mia madre  mi lanciò la giacca, ma non mi permisero di infilare le braccia nelle maniche.

 “Qualcuno passò e disse che se non avessi confessato, mi avrebbero lasciato in prigione per il resto della mia vita”.

“Mi portarono nell’insediamento di Karmei Tzur con gli occhi coperti, ed ebbi la sensazione che stessero guidando in tondo. Quando scesi , c’era una buca nella strada e loro mi spinsero dentro, e caddi. Da lì mi portarono a Etzion (stazione di polizia), dove mi misero in una stanza, e i soldati continuavano a venire in ogni momento a prendermi a calci. Qualcuno passò e disse che se non avessi confessato, mi avrebbero lasciato in prigione per il resto della mia vita.

“Alle 7 di mattina, mi  dissero che l’interrogatorio stava per iniziare. Chiesi  di andare in bagno. Ero bendato, e un soldato mise una sedia di fronte a me. Inciampai. L’interrogatorio andò avanti per un’ora. Mi dissero che mi avevano  visto bruciare le gomme e che il fumo interferiva con il traffico aereo. Dissi loro che non ero stato io. Non vidi un avvocato fino al pomeriggio, e questi chiese ai soldati di portare del cibo. Era la prima volta che mangiavo da quando ero stato arrestato la sera prima.

“Alle 19:00 venni mandato nella prigione di Ofer e vi rimasi  per sei mesi. In quel periodo,  andai in tribunale più di 10 volte. Ci fu anche un altro interrogatorio, perché a un mio amico fu detto, sotto interrogatorio,  che se non mi avesse denunciato, avrebbero portato lì sua madre e le sue sorelle e avrebbero sparato loro davanti ai suoi occhi. Così  confessò e mi denunciò.. Non sono arrabbiato con lui. Era il suo primo arresto, era spaventato. ”

Khaled Shtaiwi ( Meged Gozani)

Khaled Shtaiwi, arrestato a 13 anni  (novembre 2018).

La storia di Khaled è raccontata da suo padre, Murad Shatawi: “La notte in cui  fu arrestato, venni svegliato da una telefonata di mio nipote. Mi disse che la casa era circondata dai soldati. Mi alzai e mi vestii, perché mi aspettavo che mi arrestassero, a causa delle manifestazioni nonviolente che organizzo il venerdì. Non avrei mai immaginato che avrebbero preso Khaled. Mi  chiesero il nome dei miei figli. Dissi loro Mumen e Khaled. Quando dissi  Khaled, dissero: “Sì, lui. Siamo qui per arrestarlo . “Ero sotto shock, così tanti soldati per arrestare un ragazzo di 13 anni.

“Lo ammanettarono , lo bendarono  e  lo condussero a piedi verso l’insediamento di Kedumim, insultandolo e picchiandolo. Vidi tutto dalla finestra. Mi diedero un documento che affermava che si trattava di un arresto legale e che potevo andare  alla stazione di polizia. Quando arrivai , lo vidi  attraverso un piccolo foro nella porta. Era ammanettato e bendato.

“Rimase così dal momento in cui lo avevano arrestato fino alle 15 del giorno successivo. Quella è un’immagine  che non mi lascia mai ; non so come continuerò a vivere con quella immagine nella mia testa. Fu accusato di aver lanciato pietre, ma dopo quattro giorni lo rilasciarono, perché non  confessò e non c’erano altre prove contro di lui. Durante il processo, quando il giudice voleva parlare con Khaled, doveva piegarsi in avanti per vederlo, perché Khaled era così piccolo.

“Com’è stato vederlo così? Io sono il padre. Questo dice tutto. Non ne ha parlato da quando è uscito, tre mesi fa. Questo é un problema. Ora sto organizzando un “giorno di psicologia” nel villaggio, per aiutare tutti i bambini che sono stati arrestati. Su 4.500 abitanti del villaggio, 11 bambini di età inferiore ai 18 sono stati arrestati; cinque avevano meno di 15 anni “.

Omar Rabua Abu Ayyash. (Meged Gozani)

Omar Rabua Abu Ayyash, arrestato all’età di 10 anni (dicembre 2018).

Omar sembra piccolo per la sua età. È timido e silenzioso, ed è difficile chiedergli dell’arresto, così i membri della sua famiglia raccontano gli eventi al posto suo.

La madre di Omar: “È successo alle 10 di mattina, un venerdì, quando non c’è scuola. Omar stava giocando nella zona di fronte alla casa, gettava sassolini contro gli uccelli che cinguettavano sull’albero. I soldati, che si trovavano nella torre di guardia dall’altra parte della strada, videro  ciò che stava facendo e corsero verso di lui.Lui scappò via, ma lo presero e lo fecero cadere. Iniziò a piangere, e si bagnò i pantaloni. Lo presero a calci diverse volte.

“Sua nonna, che vive qua sotto, uscì  immediatamente e cercò di liberarlo dai soldati, il che causò una lotta e delle urla. Alla fine, lo  lasciarono e lui  entrò in casa e si cambiò i pantaloni. Un quarto d’ora dopo, i soldati tornarono, questa volta con il loro comandante, il quale disse che doveva arrestare il ragazzo per aver lanciato pietre. Quando gli altri bambini della famiglia videro i soldati in casa, anche loro si bagnarono i pantaloni “.

Il padre di Omar riprende la storia: “Dissi al comandante che aveva meno di 12 anni e che dovevo accompagnarlo, così sono andato con loro nella  jeep fino alla colonia di Karmei Tzur. Lì i soldati gli dissero di non lanciare più pietre e che se avesse visto altri bambini farlo, avrebbe dovuto riferirlo. Da lì lo portarono  agli uffici dell’Autorità Palestinese a Hebron. L’intera storia richiese circa 12 ore. Durante quelle ore, gli diedero alcune banane da mangiare. Ora, ogni volta che i bambini vedono una jeep militare o dei soldati, entrano in casa. Da allora hanno smesso di giocare fuori. Prima dell’incidente, i soldati venivano qui a giocare a calcio con i bambini. Adesso non vengono più”.

Tareq Shtaiwi. (Meged Gozani)

Tareq Shtaiwi, arrestato  a 14 anni (gennaio 2019).

“Erano circa le 14. Avevo la febbre quel giorno, così papà mi aveva  mandato da mia cugina, nella casa accanto , perché quella è quasi l’unica casa  nel villaggio con il riscaldamento. All’improvviso arrivarono i soldati. Mi  videro mentre li guardavo dalla finestra, così spararono dei colpi alla porta dell’edificio, la buttarono  giù e iniziarono a salire le scale. Mi spaventai, quindi scappai dal secondo al terzo piano, ma mi fermarono e mi portarono  fuori. I soldati non mi lasciarono prendere il cappotto, anche se faceva freddo e io ero malato. Mi portarono a piedi a Kedumim, ammanettato e bendato. Mi fecero sedere su di una sedia. Sentivo porte e finestre sbattere forte, penso stessero cercando di spaventarmi.

“Dopo un po’, mi portarono da Kedumim ad Ariel, e rimasi lì per cinque-sei ore. Mi accusarono di aver lanciato pietre qualche giorno prima con un mio amico. Dissi loro che non avevo gettato pietre. La sera mi trasferirono nell’edificio di detenzione di Hawara; uno dei soldati mi disse  che non sarei mai andato via da lì. Al mattino fui trasferito nella prigione di Megiddo. Non avevano delle uniformi da prigioniero della mia taglia, quindi mi diedero dei vestiti di bambini palestinesi che erano stati lì prima e che  quando uscii li lasciai  per chi sarebbe venuto dopo . Ero il più giovane della prigione.

“Presenziai a tre udienze, e dopo 12 giorni, all’ultima udienza, mi dissero che basta, che mio padre avrebbe pagato una multa di 2.000 shekel (525 dollari ) e che avrei ottenuto una sospensione condizionale di tre anni. Il giudice mi chiese cosa intendevo fare dopo essere uscito, gli dissi che sarei tornato a scuola e che non sarei più andato al terzo piano. Dal giorno del mio arresto, mio ​​fratello minore, che ha 7 anni, ha cominciato ad avuto paura di dormire nella stanza dei bambini e dorme  con i nostri genitori “.

 

Adham Ahsoun. (Meged Gozani)

Adham Ahsoun, arrestato nell’ottobre 2018, nel giorno del suo 15 ° compleanno.

“Il giorno del mio 15 ° compleanno, andai al negozio nel centro del villaggio per comprare alcune cose. Verso le 7:30 di sera, i soldati entrarono nel villaggio e i bambini  iniziarono a lanciare pietre contro di loro. Sulla via di casa con la mia borsa, mi arrestarono. Mi portarono all’ingresso del villaggio e mi misero su una jeep. Uno dei soldati iniziò a colpirmi. Poi mi misero le fascette di plastica ai polsi e mi bendarono gli occhi e mi portarono così alla base militare di Karnei Shomron. Rimasi lì per circa un’ora. Non riuscivo a vedere nulla, ma avevo la sensazione che un cane mi stesse annusando. Avevo paura. Da lì mi portarono in un’altra base militare e mi lasciarono lì tutta  la notte. Non mi diedero niente né da mangiare né da bere.

“Al mattino, mi trasferirono nella struttura degli interrogatori di Ariel. L’interrogante mi disse che i soldati mi avevano sorpreso a lanciare sassi. Gli dissi che non avevo gettato pietre, che stavo tornando a casa dal negozio. Quindi chiamò i soldati nella stanza degli interrogatori. Dissero: “Sta mentendo, lo abbiamo visto, stava lanciando pietre”. Gli dissi che davvero non avevo  lanciato pietre, ma minacciò di arrestare mia madre e mio padre. Andai in panico. Gli chiesi : “Cosa vuoi da me?” Disse che voleva che sottoscrivessi che lanciavo sassi ai soldati, e cos ìfirmai. Per tutto il tempo non vidi né parlai con un avvocato.

“Il mio patteggiamento prevedeva che avrei confessato e avrei ottenuto una condanna a cinque mesi di prigione. In seguito,  diminuirono la pena per buona condotta. Uscii dopo tre mesi e con una multa di 2.000 shekel. In prigione  cercai di stare al passo con la scuola. Gli insegnanti mi dissero che avrebbero preso in considerazione solo i voti del secondo semestre, quindi la mia assenza non avrebbe  pregiudicato  la mia possibilità di essere accettato per gli studi di ingegneria all’università “.

Muhmen Teet. (Meged Gozani)

Muhmen Teet, arrestato a 13 anni (novembre 2017).

“Alle 3 del mattino, sentii bussare alla porta. Papà entrò nella stanza e disse che c’erano i soldati nel soggiorno e voleva che mostrassimo i documenti d’identità. L’ufficiale in comando disse a mio padre che mi stavano portando a Etzion per essere interrogato. Fuori, mi ammanettarono e mi bendarono  e mi misero in un veicolo militare. Andammo a casa di mio cugino; lo arrestarono. Da lì andammo a Karmei Tzur e ci fecero aspettare, ammanettati e bendati, fino al mattino.

 

“Al mattino, presero solo mio cugino per l’interrogatorio, non me. Dopo il suo interrogatorio, ci portarono nella prigione di Ofer. Dopo un giorno, ci riportarono ad Etzion e dissero che stavano per interrogarmi. Prima dell’interrogatorio, mi portarono in una stanza, dove c’era un soldato che mi schiaffeggiò. Dopo avermi picchiato, mi portò nella stanza degli interrogatori. L’interrogante disse che ero responsabile  di aver bruciato dei pneumatici e che per questo il bosco vicino alla casa aveva preso fuoco. Dissi che non ero stato io e firmai  un documento che l’interrogante mi diede. Il documento era stampato anche in arabo, ma l’interrogante lo compilò solo  in ebraico. Fui riportato alla prigione di Ofer.

“Ebbi sette audizioni in tribunale, perché alla prima udienza dissi che non intendevo confessare, semplicemente non avevo  capito cosa avevo  firmato e quello che avevo sottoscritto non era vero. Così mi rimandarono per un altro interrogatorio. Ancora una volta non confessai . Poi mi  interrogarono per la terza volta  e ancora non confessai . Alla fine, il mio avvocato fece un accordo con il pubblico ministero che se avessi confessato in tribunale, cosa che feci, la mia famiglia avrebbe pagato 4.000 shekel e mi avrebbero rilasciato.

“Sono un bravo studente, mi piace il calcio, sia giocarlo che guardarlo. Dall’arresto, non esco quasi più”.

Khalil Zaakiq. (Meged Gozani)

Khalil Zaakiq, arrestato all’età di 13 anni (gennaio 2019).

“Circa alle 2 di notte  qualcuno bussò alla porta. Mi svegliai e vidi che in casa c’erano molti soldati. Dissero che dovevamo sederci tutti sul divano del soggiorno e non muoverci. Il comandante  chiamò Uday, il mio fratello maggiore, gli disse di vestirsi e lo informò che era in arresto. Era la terza volta che lo arrestavano. Anche mio padre una volta  era stato arrestato. All’improvviso mi  dissero di mettermi le scarpe e di andare con loro.

“Ci  portarono fuori, ci  legarono le mani e ci bendarono. Andammo così  così a piedi fino alla base di Karmei Tzur. Lì mi  fecero sedere sul pavimento con le mani legate e gli occhi coperti per circa tre ore. Alle 5 circa., ci trasferirono a Etzion. Durante il viaggio in jeep ci colpirono e mi schiaffeggiarono. Ad Etzion,  venni mandato da un medico. Mi  chiese se fossi stato picchiato e dissi di sì. Non fece nulla, controllò solo la mia pressione sanguigna e disse che avrei potuto sopportare un interrogatorio.

“Il mio interrogatorio inizò alle 8 di mattina. Mi chiesero di dire quali bambini lanciavano pietre. Risposi che non lo sapevo, quindi l’interrogatore mi  schiaffeggiò.. L’interrogatorio andò avanti per quattro ore. Dopo, mi misero in una stanza buia per 10 minuti e poi mi riportarono  nella stanza degli interrogatori, ma mi presero solo le impronte digitali e mi misero in una cella per un’ora. Dopo un’ora, io e Uday fummo trasferiti nella prigione di Ofer. Non  firmai una confessione, né su me stesso né sugli altri.

“Uscii dopo nove giorni, perché non ero colpevole di nulla. I miei genitori  dovettero pagare 1.000 shekel di cauzione. Mio fratello minore, che ha 10 anni, da allora ha sempre molta paura. Ogni volta che qualcuno bussa alla porta, si bagna i pantaloni. ”

Netta Ahituv – Haaretz Contributor

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” – Invictapalestina.org

Sorgente: “Un interminabile viaggio all’inferno”: Israele incarcera centinaia di ragazzi palestinesi all’anno. Queste sono le loro testimonianze. – Invictapalestina

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •