Elezioni Livorno, “stop all’inceneritore e ai privati per l’ospedale”: il Pd cerca il riscatto copiando il programma del M5s – Il Fatto Quotidiano

8 Febbraio 2019 0 Di ken sharo

No all’inceneritore, no ai fondi privati per la costruzione del nuovo ospedale e sì ad un percorso di partecipazione sui temi più importanti per Livorno. Non è il programma del Movimento 5 Stelle per le Comunali del 2014, ma quello del Pd per le amministrative del 2019 dopo che cinque anni fa – alla vigilia […]

No all’inceneritore, no ai fondi privati per la costruzione del nuovo ospedale e sì ad un percorso di partecipazione sui temi più importanti per Livorno. Non è il programma del Movimento 5 Stelle per le Comunali del 2014, ma quello del Pd per le amministrative del 2019 dopo che cinque anni fa – alla vigilia della storica sconfitta del 2014 – proponeva l’esatto contrario. I democratici livornesi, infatti, allora volevano costruire una terza linea per ampliare il termovalorizzatore e spingevano per la costruzione di un nuovo polo ospedaliero, attraverso un project financing che non andasse a pesare sulle cassecomunali. Ora invece nel documento programmaticoapprovato in vista delle prossime amministrative il Pd scrive l’opposto. L’obiettivo, infatti, è avvicinare alcune forze politiche alla sua sinistra ed agevolare una possibile coalizione di centrosinistra per evitare una seconda sconfitta consecutiva (dopo 70 anni ininterrotti di governo) e soprattutto il rischio di una vittoria dellaLega, come suggeriscono alcuni sondaggi ma anche i risultati elettorali in città molto vicine, come Pisa e Cascina, quest’ultima guidata dalla salviniana Susanna Ceccardi.

.

“Hanno copiato in tutto e per tutto il nostro programma di cinque anni fa – dice il sindaco Filippo Nogarin – Peccato che siano arrivati tardi. Per questo tra qualche mese si ritroveranno ancora una volta seduti ai banchi dell’opposizione”. Alle accuse di plagio, il Pd livornese replica: “In questi cinque anni di governo i 5 Stelle hanno chiacchierato tanto ma poi non hanno fatto niente – dice il deputato e portavoce del Pd livornese Andrea Romano –. L’inceneritore continua a funzionare, i rifiuti continuano a venire da fuori e sull’ospedale gli unici finanziamenti che sono arrivati sono quelli della Regione Toscana, che guidiamo noi”. Poi Romano annuncia la strategia del Pd delle prossime settimane: “Aspettiamo la risposta dei possibili alleati e poi decideremo sul candidato – conclude – io sono più per un civico che possa mettere insieme anime molto diverse ma in caso contrario abbiamo già nomi importanti al nostro interno”. Nessuno degli schieramenti per il momento ha il nome del candidato, neanche il M5s perché il sindaco Nogarin non ha ancora sciolto la riserva sulla sua ricandidatura.

Il cambio di linea del Pd 
Il documento programmatico del Pd è di 9 pagine è stato approvato venerdì dalla direzione del Pd livornese. Si intitola “Livorno e il Partito Democratico: una scommessa sul futuro” e si articola su nove argomenti: pianificazione urbana, gestione dei rifiuti, economia del mare, sanità, welfare, turismo, programmazione e partecipazione, cultura e scuola. Dopo una lunga premessa sull’occasione “buttata via” dall’amministrazione Nogarin (“non è riuscita a dare a Livorno quel futuro di benessere e serenità che la maggioranza degli elettori aveva chiesto nel 2014”), il testo elenca i punti principali della “scommessa”.

Il primo tema divergente rispetto a cinque anni fa è il no all’inceneritore: “A Livorno dovremmo avere l’ambizione di realizzare un polo di grande di eccellenza dell’economia circolare” si legge nel report. E per questo è necessario “impostare una programmazione efficace e lungimirante, basata su robusti investimenti di risorse in impianti moderni di trattamento dei rifiuti, che permettono di aumentare la differenziata a valle del processo, e poter superare, in un arco di tempo ragionevole, il ricorso all’inceneritore”. Sull’ospedale, invece, il Pd rinuncia all’idea del project financing proposto nel 2014 (realizzare un’opera senza alcuna spesa per le casse dello Stato) portando avanti una tesi opposta: “Chiediamo la ricerca di ogni possibile strumento e canale di finanziamento per realizzare l’intervento con risorse interamente pubbliche” si legge a pagina 5. Infine, nel report si trovano molti riferimenti alla partecipazione attiva dei livornesi che assomigliano molto alle campagne in favore della democrazia diretta dei 5 Stelle. Al capitolo sulla programmazione e concertazione si legge: “Occorre creare percorsi di partecipazione, comunicazione, coinvolgimento nelle scelte determinanti per il futuro della città e riattivare tutti i percorsi di decentramento e avvicinamento delle istituzioni ai cittadini che permettono un coinvolgimento diffuso e un ruolo attivo nei processi decisionali”.

Nonostante il superamento delle discariche e il sostegno all’economia circolare siano considerati temi “di sinistra”, nel 2014 caratterizzavano solo il programma del M5s che si proponeva di superare discariche e inceneritori per il trattamento dei rifiuti: “Siamo contrari – scrivevano i grillini – perché la combustione dei rifiuti alle basse temperature porta alla produzione di diossine, mentre alle alte temperature porta alla produzione di nanoparticelle (dell’ordine dei 2,5 micron e inferiori), entrambe nocive alla salute”. “Ne faremo un pratino” aveva annunciato il sindaco Nogarin cinque anni fa. Attualmente l’inceneritore cittadino è ancora acceso ma il concordato preventivo di Aamps (la municipalizzata dei rifiuti) approvato dal tribunale di Livorno prevede il suo spegnimento entro il 2021. Sul “no” all’ospedale i grillini, invece, sono riusciti ad evitare la costruzione di un nuovo polo nella zona di Montenero (frazione collinare a sud della città) con un accordo con la Regione che prevede un ampliamento dell’attuale struttura di viale Alfieri, la cui costruzione risale agli anni Trenta.

Nogarin: “Ci stanno copiando”
Il M5s ironizza: “E’ scattato il panico tra le nostre file: abbiamo iniziato a chiamare sindaco, assessori e consiglieri per sapere se anche loro fossero stati contattati dal Rinato Partito democratico per un’alleanza di qualche tipo. Il fu Partito democratico, dopo averci raccontato per anni un’altra storia, è finalmente giunto alle nostre identiche conclusioni, prendendo spunto dalle nostre battaglie per provare a darsi una rinfrescata”. Per il sindaco Nogarin “il Pd è poco credibile non hanno un candidato, non hanno una struttura e non stanno coinvolgendo la città”. “Sono sempre i soliti – aggiunge Nogarin – Dei burocratiche lavorano nelle segrete stanze e copiano il nostro programma del 2013. Magari nel 2024 presteremo loro quello che stiamo scrivendo adesso”.

Le differenze tra i programmi 
Non ci sono solo punti in comune. Le maggiori differenze riguardano la contrarietà sugli stalli blu (i parcheggi a pagamento che la giunta Nogarin ha introdotto in buona parte del centro), la raccolta dei rifiuti porta a porta(“riorganizzazione” e “sostituzione con isole ecologiche e tipologie di raccolta più innovative ed efficienti”) e lo sviluppo del porto con la grande opera della Darsena Europa: “Il suo completamento è una delle massime priorità politiche dei prossimi 5-7 anni” per riportare Livorno “in una posizione di centralità nel mediterraneo”.

Sorgente: Elezioni Livorno, “stop all’inceneritore e ai privati per l’ospedale”: il Pd cerca il riscatto copiando il programma del M5s – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •