VIDEO. Parata per il 75° anniversario della liberazione di Leningrado: la storia dell’assedio nazista più feroce della seconda guerra mondiale-.lantidiplomatico.it

27 Gennaio 2019 0 Di ken sharo

Truppe e armi pesanti hanno sfilato attraverso l’iconica Piazza del Palazzo a San Pietroburgo per celebrare 75 anni dalla fine dell’assedio nazista di Leningrado, che durò 872 giorni e provocò centinaia di migliaia di vittime.

Nonostante il freddo gelido che ha colpito San Pietroburgo, grande folle affollava la piazza del palazzo per commemorare la fine dell’assedio di Leningrado. La sfilata di questa mattina è stata organizzata per ricordare l’evento storico e rendere omaggio alle vittime.

“L’assedio di Leningrado è una delle parti più tragiche ed eroiche della [Seconda guerra mondiale]”, ha detto il generale Aleksandr Zhuravlev, un ufficiale in comando della parata, prima di osservare un minuto di silenzio.

L’assedio di Leningrado, uno degli assedi più lunghi e sanguinosi della storia, iniziò l’8 settembre 1941, quando i tedeschi separarono l’ultima strada che conduceva alla città. Contemporaneamente, l’esercito finlandese attraversò il confine sovietico dal nord, aiutando i loro alleati nazisti a bloccare Leningrado.

I piani di Hitler per Leningrado – l’ex capitale imperiale e culla di tre rivoluzioni russe – significavano che tutti i residenti sarebbero infine morti a causa di fame, malattia o feriti a causa dei bombardamenti.

Testimoni e storici ricordano che il primo inverno del 1942 fu il più duro, con i residenti di Leningrado che dovevano sopravvivere senza riscaldamento, senza acqua, quasi senza elettricità e pochissimo cibo.

A quel tempo, ogni cittadino avrebbe ricevuto 125 grammi di pane al giorno, quasi la metà dei quali consisteva in segatura e altre miscele non commestibili.
Durante l’assedio, tutte le principali linee di rifornimento furono tagliate dalle truppe naziste. La leggendaria “Strada della vita” è stata l’unica eccezione. Attraversando il ghiaccio del lago Ladoga, permise di portare cibo, munizioni e materiale medico nella città assediata. Sulla via del ritorno, i convogli militari avrebbero evacuato civili e soldati feriti.

In qualche modo, la città sopravvisse, e la sua eroica resistenza di 872 giorni finì nel 1944, diventando un simbolo di resistenza e determinazione senza pari. Ma la rimozione del blocco è arrivata troppo tardi per molti, poiché, secondo varie stime, ha causato la morte di oltre 1,5 milioni di persone. La maggior parte di loro morì di fame, mentre altri furono uccisi dalle bombe tedesche e dai proiettili di artiglieria.

fonte
https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-video_parata_per_il_75_anniversario_della_liberazione_di_leningrado_la_storia_dellassedio_nazista_pi_feroce_della_seconda_guerra_mondiale/82_26892/?fbclid=IwAR24XlaGS9_KCbrNz2rZcHce2of835Ja7TLZMxYv3bKWvJB5jIUsiq_9ObU
Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •