0 4 minuti 1 settimana

(Foto) Una donna tiene la mano di un ragazzo ucciso in un attacco aereo israeliano contro una scuola delle Nazioni Unite che ospitava palestinesi sfollati a Nuseirat, in un ospedale a Deir el-Balah, il 6 giugno 2024 (AFP)

Giovedì un attacco israeliano contro una scuola gestita dalle Nazioni Unite ha ucciso decine di persone nel campo profughi di Nuseirat, nel centro di Gaza.

Secondo quanto riferito, la scuola, gestita dall’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, Unrwa, ospitava migliaia di sfollati, la maggior parte dei quali erano donne e bambini.

L’ufficio stampa del governo di Gaza ha affermato che almeno 40 persone sono state uccise, tra cui nove donne e 14 bambini.

L’esercito israeliano ha affermato che la scuola conteneva un complesso di Hamas e che il suo attacco ha ucciso combattenti coinvolti nell’attacco del 7 ottobre contro Israele.

Ha poi aggiunto che nella scuola erano radunati dai 20 ai 30 combattenti di Hamas e della Jihad islamica palestinese.

L’ufficio stampa di Gaza ha respinto fermamente queste affermazioni.

“L’occupazione usa la menzogna all’opinione pubblica attraverso false storie inventate per giustificare il brutale crimine commesso contro dozzine di sfollati”, ha detto a Reuters Ismail al-Thawabta, direttore dell’ufficio .

Israele insiste di aver compiuto “molti passi” per ridurre al minimo i danni alle “persone non coinvolte” prima di effettuare l’attacco.

L’attacco è avvenuto mentre Israele annunciava una nuova campagna militare nel centro di Gaza, dove da martedì gli attacchi avevano già ucciso oltre 100 palestinesi.

“Il movimento e le fazioni della resistenza affronteranno seriamente e positivamente qualsiasi accordo basato sulla fine totale dell’aggressione e sul ritiro completo e lo scambio di prigionieri”

– Ismail Hanyeh, leader di Hamas

Israele ha detto che continuerà a combattere durante i negoziati per il cessate il fuoco, che sembrano aver raggiunto complicazioni dopo che il leader politico di Hamas Ismail Haniyeh ha ribadito che il gruppo chiede un cessate il fuoco permanente e un ritiro completo delle truppe israeliane da Gaza come parte di un accordo.

“Il movimento e le fazioni della resistenza affronteranno seriamente e positivamente qualsiasi accordo basato sulla fine totale dell’aggressione e sul ritiro completo e lo scambio di prigionieri”, ha affermato.

La settimana scorsa, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato un piano di cessate il fuoco per porre fine alla guerra e liberare prigionieri e prigionieri, che secondo funzionari statunitensi era quasi identico a un piano già concordato da Hamas.

Sebbene Biden abbia presentato il piano come israeliano, Israele ha insistito che l’accordo gli avrebbe permesso di perseguire ancora il suo obiettivo di “sconfiggere Hamas”.

La guerra di Israele a Gaza ha ucciso oltre 36.000 palestinesi dal 7 ottobre, quando un attacco guidato da Hamas contro Israele uccise oltre 1.100 israeliani. Almeno 10.000 persone risultano disperse e presumibilmente morte sotto le macerie.

Da allora Israele ha distrutto gran parte delle infrastrutture civili della Striscia di Gaza e ha preso il controllo di tutti i valichi di frontiera, limitando la circolazione dei palestinesi e l’accesso agli aiuti, causando carestia in alcune aree secondo gli operatori umanitari.

Sorgente: Guerra a Gaza: l’attacco israeliano alla scuola delle Nazioni Unite uccide almeno 40 persone nel centro di Gaza | Occhio del Medio Oriente