0 4 minuti 3 settimane

Il presidente ucraino Vladimir Zelenskyj ritiene che i suoi generali gli stiano nascondendo la verità e ha iniziato a inveire contro di loro, ha affermato The Economist, citando una fonte governativa.

Presunti attacchi di rabbia presidenziale sono stati menzionati in un rapporto di lunedì sulla situazione nella regione di Kharkov, dove le forze russe hanno guadagnato terreno significativo nell’ultimo mese. Secondo il newsweekly britannico, le truppe ucraine schierate lì sono arrabbiate per questo sviluppo e hanno teorie contrastanti sulle cause.

Per saperne di più: Zelenskyj descrive dettagliatamente le richieste di armi dell’Ucraina

Alcuni incolpano gli Stati Uniti e i loro alleati per gli aiuti insufficienti e prematuri, non diversamente dallo stesso Zelenskyj, mentre altri  “sospettano che l’incompetenza, o addirittura il tradimento, abbiano giocato un ruolo più significativo”.  Ci sono anche  “teorie del complotto”  secondo cui i politici di Kiev e Washington cospirano per vendere il territorio  “in vista di un brutto accordo di pace”.

Denis Yaroslavsky, un comandante locale che ha fatto notizia a livello nazionale per essersi lamentato del fatto che le fortificazioni che avrebbero dovuto impedire l’avanzata russa in realtà non esistevano, ha detto all’Economist che Zelenskyj  “viene tenuto in un bagno caldo”  – cioè, gli vengono raccontate bugie confortanti dai suoi aiutanti.

Una fonte governativa anonima dell’Economist ha detto che il presidente si è scontrato con i generali ucraini dopo aver presumibilmente intuito che non stava ottenendo tutta la verità sulla situazione del fronte.

I rapporti tesi di Zelenskyj con la leadership militare, che secondo quanto riferito derivano dal fatto che egli antepone i suoi obiettivi politici a quelli militari, sono stati precedentemente coperti dai media ucraini e internazionali.

Per saperne di più: Zelenskyj incolpa il “mondo intero” per i fallimenti dell’Ucraina a Kharkov

A dicembre, il quotidiano Ukrainskaya Pravda affermò che il presidente stava attivamente indebolendo Valery Zaluzhny, che all’epoca era il generale più anziano dell’Ucraina, a favore di Aleksandr Syrsky.

“Sembra che Zelenskyj abbia due tipi di truppe: quelle ‘buone’ comandate da Syrsky e altri favoriti e quelle ‘cattive’ sotto Zaluzhny”,  ha detto una fonte al quotidiano.  “Ciò demoralizza [Zaluzhny] e gli impedisce di comandare l’esercito nel suo complesso”.

A febbraio, il leader ucraino licenziò Zaluzhny e nominò Syrsky come suo sostituto.

Un profilo di Zelenskyj pubblicato dalla rivista Time lo scorso novembre affermava che la spinta intransigente del presidente per una vittoria sul campo di battaglia sulla Russia era  “rasentando il messianico”  e lo aveva messo in contrasto con alcuni ufficiali.

Un ufficiale militare ha descritto come a un certo punto l’ufficio del presidente abbia impartito un ordine diretto a un’unità sul terreno di  “riprendere”  una certa città, e abbia ricevuto la risposta:  “Con cosa?”  L’unità non aveva né armi né soldati, ha spiegato la fonte.

Sorgente: Zelenskyj “urla ai generali” – The Economist – Global Village Space