0 3 minuti 3 settimane

Domenica il capo di Hamas Ismail Haniyeh ha accusato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di aver indebolito gli sforzi per raggiungere un accordo di cessate il fuoco nella Striscia di Gaza ,  ha riferito l’agenzia di stampa Anadolu  .”Hamas è ancora desideroso di raggiungere un accordo che ponga fine all’aggressione, garantisca il ritiro delle truppe israeliane e raggiunga un serio accordo sullo scambio di prigionieri”, ha detto Haniyeh in una nota.”Il mondo è diventato ostaggio di un governo estremista, che ha un gran numero di problemi politici e crimini commessi a Gaza”, ha aggiunto, riferendosi al governo di Netanyahu.Haniyeh ha accusato il premier israeliano di “inventare giustificazioni” per continuare la sua offensiva sulla Striscia di Gaza.Domenica scorsa, Netanyahu ha respinto le richieste di porre fine all’offensiva su Gaza in cambio di un accordo di scambio di ostaggi con Hamas, sostenendo che porre fine alla guerra ora manterrebbe il gruppo palestinese al potere.Hamas, che si ritiene detenga più di 130 ostaggi israeliani, domenica ha tenuto colloqui in Egitto per un cessate il fuoco a Gaza e uno scambio di ostaggi con Israele.Il canale statale egiziano Al-Qahera News, citando una fonte egiziana di alto livello, ha riferito domenica di “progressi positivi” nei colloqui per un cessate il fuoco a Gaza.Hamas chiede la fine dell’offensiva israeliana su Gaza in cambio di un accordo sugli ostaggi con Tel Aviv.Israele ha condotto un’offensiva militare mortale su Gaza dall’incursione di Hamas del 7 ottobre, che ha ucciso circa 1.200 persone.Tuttavia, da allora, Haaretz  ha rivelato  che elicotteri e carri armati dell’esercito israeliano avevano effettivamente ucciso molti dei 1.139 soldati e civili che secondo Israele erano stati uccisi dalla Resistenza palestinese.Tel Aviv, in confronto, ha ucciso più di 34.600 palestinesi e ne ha feriti altri 77.700 in mezzo alla distruzione di massa e alla carenza di beni di prima necessità nel territorio palestinese.A più di sei mesi dall’inizio della guerra israeliana, vaste aree di Gaza giacevano in rovina, spingendo l’85% della popolazione dell’enclave allo sfollamento interno oltre a un blocco paralizzante su cibo, acqua pulita e medicine, secondo le Nazioni Unite.Israele è accusato di genocidio davanti alla Corte internazionale di giustizia (ICJ) che, a gennaio, ha emesso una sentenza provvisoria che gli ha ordinato di fermare gli atti di genocidio e di adottare misure per garantire che venga fornita assistenza umanitaria ai civili a Gaza.

Sorgente: Il capo di Hamas accusa Netanyahu di Israele di ostacolare gli sforzi per raggiungere il cessate il fuoco a Gaza – Middle East Monitor