0 2 minuti 4 settimane

La Resistenza Islamica irachena ha annunciato di aver colpito un obiettivo israeliano “vitale” sulle alture di Golan in Siria, occupate da Tel Aviv, come rappresaglia per la guerra di genocidio in corso da parte del regime contro la Striscia di Gaza.

Lo ha annunciato mercoledì il gruppo antiterrorismo in un comunicato pubblicato sull’app di messaggistica Telegram.

L’attacco è avvenuto utilizzando droni, ha osservato il gruppo, confermando la sua dedizione a continuare gli attacchi contro “le roccaforti del nemico”.

La coalizione ha condotto numerosi attacchi di questo tipo contro obiettivi appartenenti al regime israeliano dallo scorso ottobre, quando quest’ultimo ha iniziato la guerra genocida.

La guerra, lanciata in seguito alla tempesta al-Aqsa, un’operazione di ritorsione dei movimenti di resistenza di Gaza, ha finora ucciso almeno 34.568 persone, la maggior parte delle quali donne, bambini e adolescenti. Oltre 77.700 palestinesi sono rimasti feriti nel brutale attacco militare, mentre migliaia di altri rimangono dispersi.

Il 20 aprile, il gruppo di resistenza iracheno aveva condotto analogamente un’operazione filo-palestinese contro un obiettivo israeliano nel Golan occupato.

Le forze antiterrorismo hanno anche colpito le basi militari degli Stati Uniti nel paese arabo e nella vicina Siria per protestare contro l’instancabile sostegno di Washington alla guerra.

Gli Stati Uniti forniscono al regime israeliano un ampio sostegno militare e di intelligence. Ha anche bloccato l’approvazione di diverse risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che sollecitavano un cessate il fuoco immediato nella campagna militare.

Sorgente: Combattenti iracheni colpiscono obiettivi israeliani “vitali” nel Golan occupato in Siria