0 3 minuti 3 settimane

Dal canale Avvocati liberi

La casa farmaceutica ha annunciato l’espansione della sua presenza in Italia con l’apertura di un nuovo ufficio a Roma, che sarà la sede centrale in Italia.

La presenza di Moderna a Roma, comunica la farmaceutica, “sosterrà la crescita dell’azienda in Italia e svolgerà un ruolo chiave nel rafforzare i legami con le Istituzioni italiane e con l’ecosistema italiano dell’innovazione e della ricerca in campo sanitario”.

Con l’approdo a Roma, la farmaceutica Moderna ha completato la sua espansione geografica nel Paese, iniziata nel novembre 2022  grazie all’affare dei “vaccini” anti covid-19, quando ha avviato una partnership chiave di fill-finish con Thermo Fisher a Monza e Ferentino per la produzione di vaccini mRna per uso nazionale e internazionale.

Tradotto in termini pratici?

Qui nessuno russa con la bolla e certamente la vicinanza ai politici, ad AIFA e all’ISS aiuterà il lobbismo ed a foraggiare chiunque serva.

Ma la risposta alla domanda è stata fornita dalla stessa società tramite il Direttore generale in Italia Jacopo Murz, che ha dichiarato nemmeno troppo implicitamente: «L’apertura odierna dei nuovi uffici a Roma rientra nella nostra strategia di continuare a costruire e consolidare le nostre attività in Italia, un Paese che rappresenta una parte fondamentale del nostro business e delle nostre operazioni in Europa. La presenza a Roma sarà particolarmente importante per sviluppare e sostenere le relazioni con gli stakeholder privati e Istituzionali locali, in quanto cerchiamo di essere un partner di riferimento per i professionisti della sanità e la comunità scientifica, a beneficio dell’ecosistema sanitario italiano in generale».

Ecco che il buisness in Italia, terminato il blitz emergenziale con farmaci imposti presi allo smorzo, ora per sopravvivere dovrà necessariamente proseguire nei palazzi della politica, ove si troverà il modo, a suon di consulenze, donazioni e incarichi, di far rientrare nelle case e nei corpi degli italiani prodotti che, sebbene nessuno si sogna più assumere, dovranno necessariamente essere commercializzati e somministrati per volere della classe politica “istruita e preparata” (per nonn dire oleata) a tal fine.

Quindi, cari politici in offerta, cari medici prezzolati, cari virostar interessati e cari giullari impupati, mettetevi in fila che si aprono i rubinetti e ce ne sarà per tutti.

Alla prima occasione buona vedremo, e pare già sia stato fissato il tempo, sarà il 2025 dicono, quando avremo una nuova emergenza per un virus che loro già sanno arriverà e che, quando succederà, sarà di nuovo un’emergenza inaspettata ed eccezionale, ma stavolta i nostri politici sapranno cosa fare.

Il punto cruciale però è se gli italiani sapranno cosa fare.

https://t.me/avvocati_liberi

Sorgente: MODERNA APRE A ROMA PER STARE PIÙ VICINO AI POLITICI – Giubbe Rosse News