0 13 minuti 1 mese

Pubblichiamo il discorso che Yanis Varoufakis avrebbe dovuto fare al congresso Sulla Palestina in Germania.

13 aprile 2024

Amici,

Congratulazioni e grazie di cuore per essere qui, nonostante le minacce, nonostante la polizia corazzata fuori da questa sede, nonostante la panoplia della stampa tedesca, nonostante lo Stato tedesco, nonostante il sistema politico tedesco che vi demonizza per essere qui.

“Perché un Congresso palestinese, signor Varoufakis?”, mi ha chiesto recentemente un giornalista tedesco? Perché, come disse una volta Hanan Ashrawi: “Non possiamo fare affidamento sul fatto che coloro che sono messi a tacere ci parlino della loro sofferenza”.

Oggi, la ragione di Ashrawi è diventata tristemente più forte: perché non possiamo contare sul fatto che coloro che vengono messi a tacere, anch’essi massacrati e affamati, ci parlino dei massacri e della fame.

Ma c’è anche un’altra ragione: perché un popolo orgoglioso e rispettabile, il popolo tedesco, viene condotto lungo una strada pericolosa verso una società senza cuore, essendo costretto ad associarsi ad un altro genocidio compiuto in suo nome, con la sua complicità.

Non sono né ebreo né palestinese. Ma sono incredibilmente orgoglioso di essere qui tra ebrei e palestinesi – per unire la mia voce per la pace e i diritti umani universali con le voci ebraiche per la pace e i diritti umani universali – con le voci palestinesi per la pace e i diritti umani universali. Stare insieme, qui, oggi, è la prova che la Coesistenza non solo è possibile – ma che è qui! Già.

“Perché non un congresso ebraico, signor Varoufakis?”, mi ha chiesto lo stesso giornalista tedesco, immaginando di fare il furbo. Ho accolto con favore la sua domanda.

Perché se un singolo ebreo viene minacciato, ovunque, solo perché è ebreo, indosserò la stella di David sul bavero e offrirò la mia solidarietà, qualunque sia il costo, qualunque sia il costo.

Quindi, cerchiamo di essere chiari: se gli ebrei fossero sotto attacco, in qualsiasi parte del mondo, sarei il primo a sollecitare un Congresso ebraico in cui registrare la nostra solidarietà.

Allo stesso modo, quando i palestinesi vengono massacrati perché sono palestinesi – secondo il dogma secondo cui per essere morti e palestinesi devono essere stati… Hamas – indosserò la mia kefiah e offrirò la mia solidarietà a qualunque costo, a qualunque costo.

I Diritti Umani Universali o sono universali oppure non significano nulla.

Con questo in mente, ho risposto alla domanda del giornalista tedesco con alcune delle mie:

  • Due milioni di ebrei israeliani, che furono cacciati dalle loro case e rinchiusi in una prigione a cielo aperto 80 anni fa, sono ancora tenuti in quella prigione a cielo aperto, senza accesso al mondo esterno, con cibo e acqua minimi, senza alcuna possibilità di una vita normale? vita, di viaggiare ovunque, bombardato periodicamente per questi 80 anni? NO.
  • Gli ebrei israeliani vengono fatti morire di fame intenzionalmente da un esercito di occupazione, mentre i loro figli si contorcono sul pavimento, urlando dalla fame? NO.
  • Ci sono migliaia di bambini ebrei feriti senza genitori sopravvissuti che strisciano tra le macerie di quelle che erano le loro case? NO.
  • Oggi gli ebrei israeliani vengono bombardati dagli aerei e dalle bombe più sofisticati del mondo? NO.
  • Gli ebrei israeliani stanno vivendo un totale ecocidio di quella piccola terra che possono ancora chiamare propria, senza un solo albero sotto il quale cercare ombra o di cui gustare i frutti? NO.
  • I bambini ebrei israeliani vengono oggi uccisi dai cecchini per ordine di uno stato membro delle Nazioni Unite? NO.
  • Oggi gli ebrei israeliani vengono cacciati dalle loro case da bande armate? NO.
  • Israele sta lottando per la propria esistenza oggi? NO.

Se la risposta a una qualsiasi di queste domande fosse sì, oggi parteciperei a un congresso sulla solidarietà ebraica.

Amici,

Oggi ci sarebbe piaciuto avere un dibattito dignitoso, democratico e reciprocamente rispettoso su come portare la pace e i diritti umani universali per tutti, ebrei e palestinesi, beduini e cristiani, dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo, con persone che la pensano diversamente. a noi.

Purtroppo l’intero sistema politico tedesco ha deciso di non permetterlo. In una dichiarazione congiunta che comprendeva non solo la CDU-CSU o la FDP, ma anche la SPD, i Verdi e, soprattutto, due leader di Die Linke, lo spettro politico tedesco ha unito le forze per garantire che un dibattito così civile, nel quale possiamo essere piacevolmente in disaccordo , non ha mai luogo in Germania.

Dico loro: volete farci tacere. Per vietarci. Per demonizzarci. Per accusarci. Pertanto, non ci lasci altra scelta se non quella di rispondere alle tue ridicole accuse con le nostre razionali accuse. Hai scelto questo. Non noi.

  • Ci accusate di odio antisemita
    • Ti accusiamo di essere il migliore amico dell’antisemita equiparando il diritto di Israele a commettere crimini di guerra con il diritto degli ebrei israeliani a difendersi.
  • Ci accusate di sostenere il terrorismo
    • Ti accusiamo di equiparare la legittima resistenza a uno Stato di apartheid alle atrocità contro i civili che ho sempre e sempre condannerò, chiunque le commetta: palestinesi, coloni ebrei, la mia stessa famiglia, chiunque.
    • Vi accusiamo di non riconoscere il dovere del popolo di Gaza di abbattere il muro della prigione a cielo aperto in cui è rinchiuso da 80 anni – e di equiparare questo atto di abbattere il Muro della Vergogna – che non è più difendibile di il Muro di Berlino è stato – con atti di terrore.
  • Ci accusate di banalizzare il terrorismo di Hamas del 7 ottobre
    • Vi accusiamo di banalizzare gli 80 anni di pulizia etnica dei palestinesi da parte di Israele e l’erezione di un ferreo sistema di apartheid in tutto Israele-Palestina.
    • La accusiamo di banalizzare il sostegno a lungo termine di Netanyahu a Hamas come mezzo per distruggere la soluzione dei due Stati che lei sostiene di favorire.
    • Vi accusiamo di banalizzare il terrore senza precedenti scatenato dall’esercito israeliano sulla popolazione di Gaza, W. Bank e E. Jerusalem.
  • Lei accusa gli organizzatori dell’odierno Congresso di non essere, cito, “non interessati a parlare di possibilità di coesistenza pacifica in Medio Oriente sullo sfondo della guerra a Gaza”. Sei serio? Hai perso la testa?
    • Vi accusiamo di sostenere uno Stato tedesco che è, dopo gli Stati Uniti, il più grande fornitore di armi che il governo Netanyahu usa per massacrare i palestinesi come parte di un grande piano per realizzare una soluzione a due Stati e una coesistenza pacifica tra ebrei e ebrei. Palestinesi, impossibile.
    • Vi accusiamo di non aver mai risposto alla domanda pertinente a cui ogni tedesco deve rispondere: quanto sangue palestinese dovrà scorrere prima che il vostro, giustificato, senso di colpa per l’Olocausto venga lavato via?

Cerchiamo quindi di essere chiari: siamo qui, a Berlino, con il nostro Congresso palestinese perché, a differenza del sistema politico tedesco e dei media tedeschi, condanniamo il genocidio e i crimini di guerra indipendentemente da chi li perpetra . Perché ci opponiamo all’apartheid nella terra di Israele-Palestina, non importa chi abbia il sopravvento – proprio come ci siamo opposti all’apartheid nel Sud americano o in Sud Africa. Perché sosteniamo i diritti umani universali, la libertà e l’uguaglianza tra ebrei, palestinesi, beduini e cristiani nell’antica terra di Palestina.

E così abbiamo ancora più chiare le domande, legittime e maligne, a cui dobbiamo essere sempre pronti a rispondere:

Condanno le atrocità di Hamas?

Condanno ogni singola atrocità, chiunque ne sia l’autore o la vittima. Ciò che non condanno è la resistenza armata al sistema di apartheid concepito come parte di un programma di pulizia etnica a combustione lenta, ma inesorabile. In altre parole, condanno ogni attacco ai civili e, allo stesso tempo, celebro chiunque rischi la propria vita per ABBATTERE IL MURO.

Israele non è forse impegnato in una guerra per la sua stessa esistenza?

No non lo è. Israele è uno stato dotato di armi nucleari con forse l’esercito tecnologicamente più avanzato del mondo e con la panoplia della macchina militare statunitense a sostenerlo. Non c’è simmetria con Hamas, un gruppo che può causare gravi danni agli israeliani ma che non ha alcuna capacità di sconfiggere l’esercito israeliano, o addirittura di impedire a Israele di continuare ad attuare il lento genocidio dei palestinesi sotto il sistema di apartheid che è stato eretto. con il sostegno di lunga data degli Stati Uniti e dell’UE.

Gli israeliani non sono forse giustificati a temere che Hamas voglia sterminarli ?

Certo che lo sono! Gli ebrei hanno subito un Olocausto preceduto da pogrom e da un radicato antisemitismo che ha permeato per secoli l’Europa e le Americhe. È naturale che gli israeliani vivano nel timore di un nuovo pogrom se l’esercito israeliano dovesse piegarsi. Tuttavia, imponendo l’apartheid ai suoi vicini, trattandoli come subumani, lo Stato israeliano sta alimentando il fuoco dell’antisemitismo, sta rafforzando palestinesi e israeliani che vogliono solo annientarsi a vicenda e, alla fine, contribuisce alla terribile insicurezza consumando gli ebrei in Israele e nella diaspora. L’apartheid contro i palestinesi è la peggiore autodifesa degli israeliani.

E l’antisemitismo?

È sempre un pericolo chiaro e presente. E deve essere sradicato, soprattutto tra le fila della sinistra globale e dei palestinesi che lottano per le libertà civili palestinesi – in tutto il mondo.

Perché i palestinesi non perseguono i loro obiettivi con mezzi pacifici?

Loro fecero. L’OLP riconobbe Israele e rinunciò alla lotta armata. E cosa hanno ottenuto in cambio? Umiliazione assoluta e pulizia etnica sistematica. Questo è ciò che ha nutrito Hamas e lo ha elevato agli occhi di molti palestinesi come l’unica alternativa a un lento genocidio sotto l’apartheid israeliano.

Cosa si dovrebbe fare adesso? Cosa potrebbe portare la pace in Israele-Palestina?

  • Un cessate il fuoco immediato.
  • Il rilascio di tutti gli ostaggi: quelli di Hamas e le migliaia detenuti da Israele.
  • Un processo di pace, sotto la guida delle Nazioni Unite, sostenuto dall’impegno della comunità internazionale a porre fine all’apartheid e a salvaguardare le pari libertà civili per tutti.
  • Per quanto riguarda ciò che dovrà sostituire l’apartheid, spetta a israeliani e palestinesi decidere tra la soluzione dei due Stati e la soluzione di un unico Stato federale laico.

Amici,

Siamo qui perché la vendetta è una forma pigra di dolore.

Siamo qui per promuovere non la vendetta ma la pace e la coesistenza in tutto Israele-Palestina.

Siamo qui per dire ai democratici tedeschi, compresi i nostri ex compagni di Die Linke, che si sono coperti di vergogna abbastanza a lungo – che due errori non fanno una cosa giusta – che permettere a Israele di farla franca con i crimini di guerra non migliorerà la situazione. eredità dei crimini della Germania contro il popolo ebraico.

Al di là del Congresso di oggi, abbiamo il dovere, in Germania, di cambiare il discorso. Abbiamo il dovere di persuadere la stragrande maggioranza dei tedeschi perbene che ciò che conta sono i diritti umani universali. Che Mai Più significa Mai Più. Per chiunque, ebreo, palestinese, ucraino, russo, yemenita, sudanese, ruandese – per tutti, ovunque.

In questo contesto, sono lieto di annunciare che il partito politico tedesco MERA25 di DiEM25 sarà sulla scheda elettorale delle elezioni del Parlamento Europeo del prossimo giugno – cercando il voto degli umanisti tedeschi che desiderano un membro del Parlamento Europeo che rappresenti la Germania e che chieda all’UE complicità nel genocidio – una complicità che è il più grande dono dell’Europa agli antisemiti in Europa e oltre.

Saluto tutti voi e suggerisco di non dimenticare mai che nessuno di noi è libero se uno di noi è in catene.

Yanis Varoufakis

Sorgente: Il mio discorso a Berlino sulla Palestina che la polizia tedesca è entrata per vietare – e la cui pubblicazione qui ha portato alla mia espulsione dalla Germania! – Yanis Varoufakis