0 5 minuti 1 mese

Sei mesi dopo la guerra a Gaza: UN Women stima che più di 10.000 donne siano state uccise, tra cui circa 6.000 madri, lasciando circa 19.000 bambini orfani.Più di un milione di donne e ragazze a Gaza soffrono per la quasi totale mancanza di cibo e acqua potabile, mentre le malattie si diffondono in condizioni di vita disumane.l’appuntamento: Martedì 16 aprile 2024Più di un milione di donne e ragazze a Gaza si trovano ad affrontare una mancanza quasi totale di cibo e acqua potabile, mentre le malattie si diffondono in condizioni di vita disumane. Foto: Donne delle Nazioni Unite/Samar Abu Al-OufNew York/Cairo, 9 aprile 2024 – UN Women ha lanciato oggi il suo ultimo bollettino di genere sulle ripercussioni della guerra a Gaza su donne e ragazze. Le sue stime indicano che sei mesi dopo l’inizio della guerra, più di 10.000 donne sono state uccise a Gaza tra loro ci sono circa 6.000 madri, lasciando circa 19.000 bambini orfani. Per quanto riguarda le donne sopravvissute ai bombardamenti israeliani e alle operazioni militari di terra, sono state costrette allo sfollamento, sono rimaste vedove e corrono il rischio di morire di fame. Queste disparate ripercussioni sulle donne di Gaza continuano a rendere la guerra a Gaza una guerra contro le donne.La serie di bollettini di genere su Gaza di UN Women fornisce un’analisi dettagliata della realtà della vita delle donne e delle ragazze nella Striscia di Gaza, documentando le terribili condizioni di vita. Il bollettino lanciato oggi, intitolato “Scarsità e paura”, si concentra sulla mancanza di accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari, vitali per la salute, la dignità, la sicurezza e la privacy delle donne.Più di un milione di donne e ragazze a Gaza affrontano una fame catastrofica, quasi senza accesso al cibo, all’acqua potabile, ai servizi igienici utilizzabili o all’acqua corrente, esponendole a rischi mortali. L’accesso all’acqua pulita è particolarmente importante per le madri che allattano e le donne incinte, che hanno bisogno di consumare più acqua e calorie ogni giorno rispetto alle altre. L’acqua pulita è essenziale anche per consentire alle donne e alle ragazze di gestire in sicurezza l’igiene mestruale. UN Women stima che ogni mese siano necessari 10 milioni di assorbenti monouso o 4 milioni di assorbenti riutilizzabili per coprire i bisogni di 690.000 donne e ragazze a Gaza.Una donna a Gaza ci ha detto: “Noi [donne] non possiamo soddisfare i nostri bisogni più semplici e basilari come mangiare bene, bere acqua sicura, accedere ai servizi igienici, procurarsi assorbenti, lavarsi…o cambiarci i vestiti…”“Finora sono state uccise diecimila donne, tra cui circa seimila madri”, ha detto Suzanne Mikhail, direttrice regionale di UN Women negli Stati arabi, durante una conferenza stampa a Ginevra. “Le donne sopravvissute ai bombardamenti soffrono la fame e le malattie e paura costante ogni giorno”. La guerra a Gaza è senza dubbio una guerra contro le donne, che stanno pagando un prezzo pesante per una guerra che non è stata loro provocata”.Solo la pace può porre fine a questa sofferenza. Pertanto, UN Women si unisce alle richieste per l’attuazione della  Risoluzione 2728 del Consiglio di Sicurezza, emessa il 25 marzo 2024 , che richiede un cessate il fuoco immediato a Gaza, il rilascio di tutti gli ostaggi e l’accesso sicuro e senza ostacoli all’assistenza umanitaria.UN Women lavora con organizzazioni e partner di donne palestinesi all’interno dei sistemi e degli spazi umanitari per difendere i diritti e i bisogni delle donne e delle ragazze e per fornire l’assistenza urgentemente necessaria. A Gaza, UN Women ha raggiunto quasi 100.000 donne e le loro famiglie, fornendo loro cibo, coperte, vestiti invernali, sapone, pannolini e kit igienici, mentre decine di migliaia di altri articoli sono rimasti ai valichi di frontiera per settimane. Questa è solo una piccola parte di ciò di cui hanno bisogno le donne e le ragazze di Gaza. Come stabilito nel documento finale concordato dalla Commissione sullo status delle donne (CSW68), recentemente convocata, le donne e le ragazze devono essere al centro della nostra risposta umanitaria collettiva.

Sorgente: Sei mesi dopo la guerra a Gaza: UN Women stima che più di 10.000 donne siano state uccise, tra cui circa 6.000 madri, lasciando circa 19.000 bambini orfani. | Nazioni Unite Donne – Paesi Arabi