0 4 minuti 2 settimane

I palestinesi nel nord di Gaza sopravvivono con meno di una lattina di fave – ovvero con una media di 245 calorie al giorno – mentre Israele continua a soffocare i flussi di aiuti nell’enclave assediata e i funzionari avvertono che la carestia ha preso piede.

L’ultima analisi dell’apporto calorico effettuata da Oxfam International indica che i palestinesi nel nord di Gaza consumano meno del 12% delle 2.100 calorie giornaliere raccomandate.

Oxfam ha anche scoperto che le consegne totali di cibo consentite a Gaza per l’intera popolazione di 2,2 milioni di abitanti ammontano in media ad appena il 41% delle calorie giornaliere necessarie a persona.

“Israele sta facendo scelte deliberate per affamare i civili. Immaginate cosa vuol dire non solo cercare di sopravvivere con 245 calorie giorno dopo giorno, ma anche dover guardare i propri figli o parenti anziani fare lo stesso”, ha detto Amitabh Behar, direttore esecutivo di Oxfam.

Oxfam ha affermato che per scongiurare la carestia, nell’enclave sarebbero necessari un “minimo assoluto” di soli 221 camion di cibo ogni giorno. Attualmente, Israele consente in media l’ingresso a Gaza solo a 105 camion di cibo, ha detto Oxfam.  

Israele ha ordinato un assedio totale di Gaza dopo gli attacchi di Hamas del 7 ottobre nel sud di Israele, ma ha negato le accuse di bloccare gli aiuti, imputando l’impossibilità alle organizzazioni umanitarie di fornire rifornimenti e “illegalità”.

Come l’attacco israeliano al convoglio umanitario di Gaza avvicina i palestinesi alla carestia

Per saperne di più “

Le organizzazioni umanitarie contestano ampiamente tale affermazione. L’attacco di Israele agli operatori umanitari è stato sottolineato martedì dopo che tre attacchi  israeliani hanno ucciso  sette lavoratori della ONG World Central Kitchen (WCK). L’organizzazione ha affermato che l’attacco è avvenuto nonostante il coordinamento con l’esercito israeliano sui suoi movimenti. Il fondatore e celebre chef della WCK, Jose Andres, ha affermato che Israele ha “sistematicamente” preso di mira gli operatori umanitari. Israele ha definito l’attacco un “grave errore”.

Israele ha anche annunciato che non collaborerà più con l’Unrwa, l’agenzia delle Nazioni Unite per i palestinesi, e la più grande organizzazione umanitaria a Gaza che distribuiva cibo prima della guerra. Ora ha bloccato il loro accesso all’enclave assediata.

Il rapporto di Oxfam arriva mentre la fame perseguita Gaza. L’ONU ha avvertito che la carestia è “imminente” nel nord dell’enclave. Venerdì, un funzionario statunitense ha affermato che la carestia è “molto probabilmente” già presente. Almeno 27 bambini sono morti di malnutrizione e disidratazione nell’enclave assediata.

La Corte Suprema delle Nazioni Unite ha ordinato a Israele di garantire la consegna “senza ostacoli” di cibo e altri aiuti a Gaza.

“Israele sta ignorando sia l’ordine della Corte Internazionale di Giustizia di prevenire il genocidio, sia le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Solo la scorsa settimana la Corte Internazionale di Giustizia ha ordinato nuove misure provvisorie, affermando che la carestia non è più incombente, ma sta “instaurandosi” a Gaza”, ha detto Behar, aggiungendo che Oxfam ha chiesto a tutti i paesi di smettere di fornire armi a Israele e di un cessate il fuoco permanente.

Sorgente: Palestinesi nel nord di Gaza vivono con meno di un barattolo di fagioli al giorno: Rapporto | Occhio del Medio Oriente

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20