0 3 minuti 2 mesi

 

Walid Daqqa è nato nel 1961 ed è stato arrestato dall’occupazione nel 1986. L’occupazione si è rifiutata di rilasciarlo per motivi di salute perché soffre di leucemia.

Recentemente, la sua salute è peggiorata perché ha contratto un raro tipo di cancro al midollo osseo.

Il trattamento di questa malattia prevede   cure utilizzando cellule staminali, cure mai eseguite in carcere.

La sua condanna doveva terminare nel 2023 ma nel 2018 ha aggiunto due anni alla sua condanna con l’accusa di aver introdotto di nascosto un telefono in prigione. Quindi la sua detenzione sarebbe dovuta finire nel 2025.

In tutte le carceri del mondo avere un telefono è un diritto del detenuto, tranne in Israele dove il telefono è un reato.

In tutte le carceri del mondo la cura è un diritto del detenuto e del responsabile la detenzione deve fornirlo a ogni prigioniero, tranne che in Israele.

Nonostante tutto ciò, Walid, che ama la vita, ha completato la sua formazione in prigione, ha pubblicato diversi libri, romanzi e racconti e ha opinioni politiche profonde e audaci.

Walid si è sposato mentre era in prigione e l’occupazione lo ha privato del diritto di stare da solo con sua moglie, che è un diritto garantito dalla legge israeliana, poiché a qualsiasi prigioniero è consentito stare con sua moglie in prigione in una stanza privata, “Ma questa legge vale solo per gli israeliani ed è vietata ai palestinesi. Cinque anni fa è riuscito a contrabbandare uno sperma e lo ha pagato. Sua moglie ha fatto un trapianto e dopo pochi mesi è nata la sua unica figlia e lui l’ha chiamata Milad. Milad.

 

ha ora 4 anni e non ha potuto vivere con suo padre, nemmeno per un giorno. Walid non poteva dormire sotto lo stesso tetto con la sua famiglia. Non poteva abbracciare sua figlia perché la finestra della prigione era tra loro. La famiglia di Walid e istituzioni fornite Diritti umani: molte petizioni della corte israeliana che richiedevano il rilascio anticipato di Walid per motivi di salute sono state tutte respinte dai tribunali di occupazione.

Ieri 8 marzo 2024 l’occupazione ha annunciato la sua morte, e l’occupazione non solo ha fatto questo, ma ha anche attaccato l’impresa di pompe funebri che la sua famiglia aveva allestito!

 

 

 

 

Sorgente: (20+) Video | Facebook