0 2 minuti 1 mese

 17 aprile 2024

L’epatite A contagia 13.902 palestinesi sfollati e provoca la morte di due di loro.

Uno dei risultati del genocidio compiuto dall’esercito di occupazione nella Striscia di Gaza è la diffusione di epidemie e malattie

“il genocidio israeliano nella Striscia di Gaza infetta 13.902 palestinesi sfollati con l’epatite A e porta alla morte di due di loro” è il titolo di una scheda informativa pubblicata dalla Commissione Indipendente, in cui si afferma che le ragioni della diffusione di tale malattia sono dovute al grave sovraffollamento dei luoghi di sfollamento e al basso livello di igiene. Questa malattia è un’infezione del fegato altamente contagiosa, causata da un virus infiammatorio, conseguente al consumo di cibi o bevande contaminati. Si trasmette tramite il contatto ravvicinato con una persona portatrice della malattia o tramite l’utilizzo degli stessi strumenti utilizzati dai portatori della malattia e non portatori della malattia Si trasmette anche dalle feci del paziente .

Il giornale aggiunge che l’occupazione ha distrutto completamente o parzialmente tutti gli ospedali e le cliniche mediche, e ha preso di mira centinaia di personale medico che gestiva o lavorava in queste strutture sanitarie civili, ferendo centinaia di loro membri e limitando la loro capacità di lavorare, trasferirsi e muoversi liberamente. tra queste strutture, oltre alla carenza di acqua e materiali, scarsità di cibo e di prodotti per la pulizia e medicinali. Tutte queste condizioni hanno contribuito a peggiorare la situazione umanitaria dei residenti della Striscia di Gaza.

Sorgente: Il genocidio israeliano nella Striscia di Gaza contagia 13.902 palestinesi sfollati

di Gaza contagia 13.902 palestinesi sfollati con l’epatite A e porta alla morte di due di loro.