0 5 minuti 1 mese
COMUNICATO CUBA MAMBI GRUPPO DI AZIONE INTERNAZIONALITA. 25 APRILE IN PIAZZA S.SPIRITO
Firenze
Per sostenere le lotte e chi pratica resistenza a Firenze come altrove. Autodeterminazione e solidarietà nella piazza degli antifascist* fiorentin*!
“Rivoluzione è consapevolezza del momento storico; è cambiare tutto quanto deve essere cambiato; è uguaglianza e libertà piene; vuol dire essere trattato e trattare gli altri come esseri umani; significa emanciparci noi stessi e con i propri sforzi; è sfidare potenti forze dominanti dentro e fuori l’ambito sociale e nazionale; è difendere i valori in cui si crede al prezzo di qualunque sacrificio; è modestia, disinteresse, altruismo, solidarietà ed eroismo; è lottare con audacia, intelligenza e realismo; è non mentire mai né violare principi etici; è convinzione profonda che non esiste forza al mondo capace di schiacciare la forza della verità e delle idee. Rivoluzione è unità, è indipendenza, è lottare per i nostri sogni di giustizia per Cuba e per il mondo che è la base del nostro patriottismo, del nostro socialismo e del nostro internazionalismo”.
Queste le parole pronunciate dal Comandante in Capo Fidel Castro Ruz nel lontano 2000. Parole più che mai attuali, perché oggi più che mai in Italia, in Europa e nel mondo è necessario rivoluzionare il sistema economico, politico e sociale e farlo in nome dell’Antifascismo. La Festa della Liberazione dal Nazifascismo non è mai morta ed ha necessariamente assunto un significato fortemente internazionalista. Di fronte all’avanzata prepotente dell’imperialismo fascista e guerrafondaio, che massacra popoli inermi in nome del possesso smisurato delle poche risorse economiche rimaste sulla terra, si affianca la lunga schiera di opportunisti e sinistrati legati al fantoccio della socialdemocrazia, che di fronte alla decadenza ed al falso benessere proclamato per decenni come alternativa al Socialismo reale, oggi si toglie la maschera e tira fuori la sua violenza, quella da sfruttatore al fianco dei grandi padroni. Quella socialdemocrazia che insieme alla destre ha fatto per decenni tagli alla sanità, all’educazione, che ha distrutto il mondo del lavoro e calpestato i diritti dei lavoratori, ha finanziato la costruzione e l’invio di armi, piegandosi vergognosamente al volere dei grandi poteri imperialisti della Nato, ovvero degli Stati Uniti e di Israele Sionista. E’ fascista chi ci ha massacrato 80 anni fa con una feroce dittatura come chi è attualmente al potere in Italia ed occupa le cariche più importanti del paese, ma è fascista e complice dell’oppressione del popolo anche chi reprime la legittima protesta popolare mondiale che denuncia unanime lo sterminio sistematico del popolo palestinese per mano di Israele sionista, o vieta l’uso della bandiere palestinesi alle manifestazioni per la Pace; lo è chi mistifica la storia e dipinge i carnefici in vittime e le vittime in carnefici, come chi finanzia l’invio di armi in Ucraina, chi dal lontano 2014 ha ignorato volontariamente il massacro della popolazione in Donbass. Lo è chi massacra il popolo curdo, chi soffoca il popolo cubano con un criminale e genocida blocco economico e finanziario, come chi accetta ogni ingerenza statunitense nel Latino America. Lo è chi trova in modo di giustificare ogni nuova forma di colonialismo in Africa. Lo è chi chiude le fabbriche per la delocalizzazione e lascia in strada 400 famiglie senza lavoro e sussistenza; chi inquina e distrugge l’ambiente con le attività delle grandi multinazionali, provocando catastrofi ambientali che pagano solo e sempre i poveri; chi uccide gli operai perché, per mero guadagno, non attua misure di sicurezza, trasformando il posto di lavoro in un campo di morte e di guerra per esseri umani, usati come merce. E’ per questo che più che mai il 25 aprile deve ricordare a tutti e tutte che non dobbiamo mai smettere di combattere contro il Fascismo globale, perché questo non è mai morto, ma è cresciuto e si è rafforzato, ha cambiato forma ma è sempre vivo e va combattuto. Dobbiamo farlo per continuare a credere e costruire un mondo migliore, per poter essere liberi e degni di essere moralmente ed eticamente definiti umani, perché l’antifascismo possa essere la vera cura ai mali che affliggono la nostra società. Per essere antifascisti bisogna essere partigiani e noi lo siamo, perché non siamo indifferenti.
ORA E SEMPRE RESISTENZA. Hasta la Victoria Siempre!

Sorgente: Cuba Mambi’ Gruppo di Azione Internazionalista | COMUNICATO CUBA MAMBI GRUPPO DI AZIONE INTERNAZIONALITA | Facebook