0 10 minuti 1 mese

Gli Stati Uniti hanno segretamente offerto una straordinaria serie di concessioni ad Ansarallah per fermare le sue operazioni navali a sostegno di Gaza – senza alcun risultato.

11 APRILE 2024

(Credito fotografico: La culla)

Siamo favorevoli ad una soluzione diplomatica. Sappiamo che non esiste una soluzione militare.

– L’inviato speciale degli Stati Uniti per lo Yemen Timothy Lenderking

In un briefing speciale del 3 aprile – quasi sei mesi dopo che lo Yemen aveva lanciato le sue operazioni navali di vasta portata per indebolire la capacità di Israele di condurre una guerra a Gaza – l’inviato speciale degli Stati Uniti per lo Yemen Timothy Lenderking ha sottolineato l’importanza di cercare  soluzioni diplomatiche nello Yemen  invece che tramite l’esercito. quelli che il suo governo sostiene a gran voce da mesi.

La posizione di Lenderking contrastava nettamente con l’annuncio di Washington   a dicembre di una coalizione multinazionale contro le forze yemenite guidate da Ansarallah, volta a salvaguardare il trasporto marittimo internazionale nel Mar Rosso e a proteggere efficacemente il commercio legato a Israele dal massiccio  blocco navale dello Yemen .

Ma mentre le tensioni aumentano e gli alleati regionali hanno  esitato ad unirsi alla coalizione USA-Regno Unito per paura di ritorsioni dirette da parte dello Yemen, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno silenziosamente cercato di invogliare Sanaa ai negoziati attraverso offerte presentate dall’Oman e da altri mediatori internazionali che mantengono legami con Il governo di fatto dello Yemen a Sanaa.

La posizione di Lenderking potrebbe, infatti, riflettere una serie sorprendente di promesse private statunitensi fatte tramite intermediari ad Ansarallah a porte chiuse – promesse che sostanzialmente soddisfano ogni casella della lista dei desideri del movimento di resistenza.

“Smettete di sostenere Gaza e vi daremo tutto”

Fonti yemenite informate rivelano a  The Cradle  che gli Stati Uniti hanno offerto a Sanaa – in cambio della sua neutralità nella guerra in corso a Gaza – “un riconoscimento della sua legittimità”.

Ciò comporterebbe una drastica riduzione del ruolo del Consiglio presidenziale guidato da Rashid al-Alimi, sostenuto dall’Arabia Saudita, e l’accelerazione della firma di una tabella di marcia con Riyadh e Abu Dhabi per porre fine all’aggressione contro lo Yemen.

Le fonti rivelano inoltre che gli americani si sono impegnati a rilasciare immediatamente gli stipendi del settore pubblico yemenita trattenuti dalla National Saudi Bank, a revocare completamente l’assedio del paese, a riaprire l’aeroporto di Sanaa, ad allentare le restrizioni sul porto di Hodeidah e a facilitare un accordo globale di scambio di prigionieri con tutti i soggetti coinvolti. partiti.

In termini di ricostruzione, le fonti dicono:

[Washington] si è impegnata a riparare i danni, a rimuovere le forze straniere da tutte le terre e le isole yemenite occupate e a rimuovere Ansarallah dalla “lista del terrorismo” del Dipartimento di Stato – non appena avranno fermato i loro attacchi a sostegno di Gaza.

Nonostante queste offerte allettanti, che sono state oggetto di trattative tra Sanaa e Riyadh per oltre due anni, gli yemeniti sono rimasti saldi. La posizione coerente del leader di Ansarallah Abdel Malik al-Houthi, come ribadito nei suoi discorsi, è stata quella di  continuare le operazioni  finché persisterà l’aggressione israeliana contro Gaza.

La “negoziazione militare” di Ansarallah

Sin dall’inizio, segnato dalla dichiarazione dello stato di guerra da parte di Israele in seguito all’operazione Al-Aqsa del 7 ottobre, Sanaa ha sostenuto la resistenza palestinese, lanciando attacchi globali con droni e missili balistici contro la città portuale di Umm al, nel sud, occupata da Israele. -Rashrash, noto come Eilat .

In risposta alle salve yemenite e ai tentativi di intercettazione da parte delle navi da guerra statunitensi, Washington ha avviato una campagna di minacce contro Sanaa, che a sua volta ha chiesto l’immediata cessazione dell’aggressione contro Gaza come precondizione per fermare le sue operazioni militari. Le loro parole esatte agli americani furono: “Non siamo nella cerchia di coloro a cui dici”.

Le cose si sono intensificate solo quando Ansarallah ha iniziato a schierare strategie navali precedentemente inutilizzate – nemmeno utilizzate contro gli aggressori dello Yemen, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, in nove anni di battaglie – con al-Houthi  che prometteva  di ostacolare le navi israeliane nel Mar Rosso.

Questa strategia fu attuata giorni dopo, il 19 novembre, quando commando navali yemeniti presero d’assalto una nave collegata a Israele, la  Galaxy Leader , e il suo equipaggio, reindirizzando la nave verso le coste yemenite.

Questa audace azione navale ha spinto gli Stati Uniti a perseguire una duplice strategia: la prima, che prevede l’intimidazione e la preparazione di una coalizione navale a sostegno di Israele, e la seconda, che incoraggia impegni diplomatici attraverso mediatori arabi e internazionali per fermare le operazioni navali di Sanaa.

La leadership di Sanaa non solo ha respinto queste aperture, ma ha ampliato il blocco navale per includere navi non israeliane in rotta verso i porti israeliani ed ha esteso il loro teatro di operazioni fino all’Oceano  Indiano  , per tagliare le spedizioni israeliane della “lunga rotta alternativa”.

Il fermo rifiuto dello Yemen di soccombere alle lusinghe o alle intimidazioni ha portato tre mesi fa gli Stati Uniti e il Regno Unito ad avviare operazioni militari aggressive contro lo stato del Golfo Persico devastato dalla guerra, con l’obiettivo di neutralizzare la minaccia yemenita e fermare gli attacchi marittimi a sostegno di Gaza con il pretesto di di tutelare la libertà della navigazione marittima.

Come contromisura, Sanaa ha intensificato la sua risposta militare espandendo le operazioni per colpire non solo le navi statunitensi e britanniche, ma anche introducendo armi avanzate nel suo arsenale.

Ciò includeva l’affondamento della nave mercantile britannica  Rubymar, l’attacco ad altre navi e l’ampliamento del teatro delle operazioni al Mar Arabico e all’Oceano Indiano – una mossa strategica per aumentare la pressione su coloro che portano avanti la brutale guerra a Gaza.

Lo scacco matto militare dello Yemen

Alla luce della situazione attuale, in cui gli Stati Uniti hanno riconosciuto l’inutilità della loro strategia militare e chiedono a gran voce di elaborare una soluzione diplomatica, Sanaa ha chiaramente dimostrato la sua rilevanza per tutti i calcoli geopolitici dell’Asia occidentale.

I suoi straordinari risultati degli ultimi sei mesi includono la capacità di Sanaa di sconvolgere l’  economia israeliana  tagliando o allungando le rotte commerciali per le importazioni essenziali di Israele. Ciò può essere visto in particolare a Eilat, dove l’interruzione operativa del porto più meridionale di Israele ha portato a significativi tagli di posti di lavoro da parte della società operativa del porto e alla totale paralisi del trasporto marittimo.

Ansarallah ha anche sventato misure di ritorsione da parte delle più celebri forze navali occidentali, si è fatto beffe della loro sgangherata “coalizione” e ha creato sfide complesse per le ambizioni egemoniche degli Stati Uniti nel Golfo Persico, sia attualmente che a lungo termine.

Inoltre, lo Yemen ha dato prova di una notevole manovrabilità politica e militare, dimostrando che un unico stato arabo risoluto può fornire alla resistenza palestinese un potente strumento negoziale.

È importante sottolineare che, attraverso le sue operazioni militari nei corsi d’acqua della regione, Sanaa ha consolidato la sua posizione all’interno dell’Asse di Resistenza, trasformandosi in una delle forze più efficaci nella   strategia di Unità dei Fronti dell’Asse. Il tutto, trascinando le risorse navali britanniche e americane in posizioni vulnerabili – e impossibili da vincere – e ostacolando con successo i collegamenti marittimi di Israele con il mondo.

Una potenza regionale in ascesa 

Secondo il conteggio più recente di al-Houthi, le numerose operazioni militari dello Yemen hanno lanciato oltre 520 missili e droni per colpire risorse navali e aree nel sud di Israele. Finora sono state prese di mira novanta navi, con 34 operazioni condotte solo tra il 4 e il 5 marzo utilizzando 125 missili balistici e alati e droni.

Al contrario, gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno lanciato quasi 500 raid da quando la loro mal concepita coalizione navale ha iniziato le operazioni, provocando il martirio di quasi quaranta yemeniti.

A sei mesi dall’inizio della guerra, lo Yemen continua a dimostrare le sue capacità strategiche sulla terra, nei corsi d’acqua regionali e persino negli oceani del mondo. I funzionari yemeniti accennano a ulteriori “sorprese” militari ancora in arrivo, che potrebbero schierare a seconda delle azioni israeliane a Gaza e nella regione più ampia, così come delle azioni del suo aiutante americano, che Sanaa considera la forza più distruttiva e destabilizzante per l’Occidente. Sicurezza e stabilità dell’Asia.

Sorgente: Gli Stati Uniti lanciano un’esca allo Yemen, ma Ansarallah non abbocca