0 6 minuti 2 mesi

 

La Polizia dell’Ecuador ha fatto irruzione venerdì sera nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vice presidente Jorge Glas, dopo pochi minuti dall’assalto, il governo ecuadoriano ha annunciato che l’ex vicepresidente è stato arrestato

In risposta all’irruzione nella propria ambasciata il governo messicano ha dichiarato di aver deciso di rompere le relazioni diplomatiche con Quito.

Quali eventi hanno portato a questa grave crisi tra i due paesi latinoamericani?

Jorge Glas, 54 anni, che è stato vicepresidente dell’Ecuador tra maggio 2013 e gennaio 2018 – durante le presidenze di Rafael Correa e Lenín Moreno , è stato condannato il 13 dicembre 2017 a 6 anni di prigione per associazione illecita nel caso Odebrecht, e a 8 anni per corruzione nel caso Sobornos. Entrambe le pene sono state unificate, quindi Glas doveva rimanere in prigione per 8 anni

Nel dicembre 2022 è uscito di prigione grazie a una misura cautelare provvisoria, fino all’elaborazione della sua pre-libertà. Tuttavia, questa misura gli è stata negata nel dicembre 2023. Pertanto, Glas avrebbe dovuto tornare in prigione, perché ha scontato solo 5 anni e 2 mesi di pena

Il 17 dicembre, Glas si è rifugiato nell’ambasciata messicana a Quito per “chiedere la sua salvaguardia, esprimendo paura per la sua sicurezza e libertà personale”. Successivamente si è saputo che Glas ha consegnato una domanda formale di asilo

Alla fine di dicembre, l’avvocato di Glas ha indicato che l’ex vicepresidente “si considera perseguitato politico” e che “la sua vita sarebbe stata in pericolo di fronte a una detenzione nelle prigioni” dell’Ecuador

A sua volta, il governo dell’Ecuador ha avvertito il Messico che agirà “con assoluta fermezza” se la nazione nordamericana decidesse di concedere l’asilo politico al ex vice presidente. Hanno inoltre affermato che non sarebbe stato rilasciato un salvacondotto affinché l’ex funzionario lasciasse il paese e hanno persino chiesto il permesso alle autorità messicane di entrare nell’ambasciata e procedere alla sua cattura, una richiesta che non è stata accettata

Il 3 aprile, il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, ha descritto come “molto strana” la sconfitta dell’aspirante progressista, Luisa González, nelle elezioni dello scorso agosto, un fatto che ha attribuito al tentativo di incriminarla nell’assassinio di Villavicencio. In risposta, il governo dell’Ecuador ha dichiarato persona ‘non grata’ l’ambasciatrice messicana, Raquel Serur Smeke, e le ha dato un termine di 72 ore per lasciare il territorio ecuadoriano

Tuttavia, López Obrador ha assicurato, in quel momento, che non avrebbe rotto le relazioni diplomatiche con l’Ecuador e non avrebbe intrapreso misure simili nei confronti dell’ambasciatore dell’Ecuador in Messico

Successivamente, il ministero degli Esteri messicano ha rilasciato una dichiarazione in cui ha confermato che il Messico ha concesso asilo a Glas. Da parte sua, la Cancelleria ecuadoriana ha definito tale atto “illecito” e ha chiesto la consegna del politico

Il segretario agli Esteri del Messico, Alicia Bárcena, ha detto che il personale diplomatico è stato ferito, dopo che la polizia ecuadoriana ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana

“In seguito alla brutale irruzione perpetrata dalla polizia ecuadoriana nell’ambasciata messicana la notte di venerdì 5 aprile, e secondo l’istruzione del presidente Andrés Manuel López Obrador, il Messico annuncia la rottura delle relazioni diplomatiche con quel paese”, ha annunciato il ministero degli Esteri messicano

Bárcena ha comunicato che il Messico farà ricorso alla Corte Internazionale di Giustizia per “denunciare la responsabilità dell’Ecuador per le violazioni del diritto internazionale”

Il governo dell’Ecuador ha sottolineato che l’assalto all’ambasciata è una misura che “difende la sovranità nazionale, e non permette a nessuno di interferirre negli affari interni del paese”. “Nessun delinquente può essere considerato perseguitato politico”, hanno osservato

Secondo la Convenzione di Vienna “i locali della missione diplomatica sono inviolabili. Gli agenti dello Stato ricevente non possono penetrarli senza il consenso del capo della missione”.

L’ex presidente dell’Ecuador Rafael Correa ha accusato l’attuale presidente, Daniel Noboa, di “distruggere il diritto internazionale” ordinando di aggredire l’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente ecuadoriano Jorge Glas.

“Noboa non solo ha distrutto il diritto internazionale, ma lo ha fatto anche con la legge ecuadoriana, articolo 482 del COIP [Codice Organico Integrale Penale]. Hanno reso l’Ecuador il paese della barbarie e dell’arbitrario”, ha scritto Correa su X.

Correa aggiunge che l’ex vicepresidente Jorge Glas durante l’arresto da parte della polizia è stato aggredito fisicamente.

“Jorge ha difficoltà a camminare perché è stato colpito. Tutto questo è pazzesco. Per quanto presuntuoso sia Noboa, è stupido credere che rimarrà impunito”, ha aggiunto.

Secondo i media locali, Glas è stato incarcerato nella prigione di massima sicurezza di La Roca, vicino a Guayaquil. In precedenza, era stato riferito che Glas era stato trasferito nelle prime ore di sabato mattina in una prigione dalla sede dell’Unità di Flagranza in un veicolo blindato delle forze armate.

Va notato che, durante l’assalto, l’ambasciatore ad interim e capo della Cancelleria e degli Affari Politici dell’ambasciata messicana a Quito, Roberto Canseco, è stato spinto a terra dagli agenti. “Sono stato colpito a terra, e fisicamente ho cercato di impedire loro di entrare, come criminali, hanno fatto irruzione nell’ambasciata messicana in Ecuador, questo non è possibile”, ha detto Canseco. (RT)

di Andrea Puccio

Sorgente: ARRESTATO L’EX VICE PRESIDENTE DELL’ECUADOR JORGE GLAS NELL’AMBASCIATA MESSICANA | OCCHI SUL MONDO