Seguiteci su Telegram https://t.me/Nuovaresistenza on Telegram
27 May 2024
0 3 minuti 2 mesi

Amina Mohammed, vicesegretaria generale delle Nazioni Unite, parla in una conferenza stampa presso la sede permanente dell’organizzazione.
Foto ONU/Loey Felipe
Amina Mohammed, vicesegretaria generale delle Nazioni Unite, parla in una conferenza stampa presso la sede permanente dell’organizzazione.

 “Abbiamo perso la nostra bussola morale nei confronti di Gaza come umanità e come comunità internazionale”, ha affermato Amina Mohammed, vicesegretaria generale delle Nazioni Unite. Sottolinea la necessità di adottare misure urgenti riguardo a questa situazione, notando il ritardo nel farlo.

In una conferenza stampa presso la sede delle Nazioni Unite a New York, durante la quale ha esaminato un rapporto sul finanziamento dello sviluppo sostenibile, Amina Mohammed ha risposto alle domande dei giornalisti: “Siamo indietro. Ci sono migliaia di bambini che stanno ancora perdendo la vita”. e vivere come amputati. 

Ha aggiunto che ci sono ancora molti ostaggi tenuti in ostaggio. Ha detto: “Conosco molto bene il problema della presa di ostaggi. Vengo da un paese (la Nigeria) dove Boko Haram tiene ancora migliaia di ostaggi che abbiamo perso e che non siamo riusciti a recuperare. È doloroso per le famiglie. Dobbiamo risolvilo adesso.” 

Amina Muhammad è stata interpellata sullo stato degli obiettivi di sviluppo sostenibile a Gaza, tra cui l’istruzione e l’eliminazione della fame, alla luce dell’attuale conflitto e ha affermato: “Quando è scoppiata la guerra in Siria, siamo tornati indietro di 40 anni per quanto riguarda il Piano di Sviluppo del Millennio. (che hanno preceduto gli Obiettivi di sviluppo sostenibile). Fino ad oggi abbiamo perso una generazione di obiettivi di sviluppo sostenibile a Gaza”. 

Ha aggiunto: “La Gaza di ieri non è la Gaza di oggi”. Ha parlato degli sforzi delle agenzie e dei dipendenti delle Nazioni Unite che hanno lavorato duramente con i loro partner a Gaza nel percorso verso il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo. Ha detto che Gaza ha visto speranza attraverso l’istruzione fornita dall’UNRWA e le attività a cui i giovani hanno partecipato attraverso le tecnologie digitali in modo che potessero far parte del mondo e vedere la possibilità di realizzare le loro aspirazioni. 

“Ma oggi no. Questi diritti ci sono stati tolti. Abbiamo perso la nostra bussola morale.” Come ha detto Amina Muhammad. Ma ha sottolineato l’adesione alla speranza, sottolineando che mancano ancora 6 anni alla data specifica per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile, poiché i leader mondiali hanno concordato di raggiungere tali obiettivi entro il 2030. 

“Forse domani si potrà raggiungere un cessate il fuoco e potremo iniziare a ricostruire”, ha detto . Ha affermato che la ricostruzione va oltre le infrastrutture, perché riguarda le persone, la storia, le comunità, la vita e le generazioni. 

Sorgente: Vice Segretario Generale: Il mondo ha perso la sua bussola morale nei confronti di Gaza Notizie delle Nazioni Unite

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot