0 5 minuti 1 mese

I rapporti di questa settimana secondo cui Israele intende costruire circa 3.500 unità abitative per i coloni a Maale Adumim, Efrat e Kedar contraddicono il diritto internazionale, ha affermato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. Ha affermato che “la creazione e la continua espansione degli insediamenti equivale al trasferimento da parte di Israele della sua popolazione civile nei territori che occupa, il che a sua volta equivale a un crimine di guerra secondo il diritto internazionale”.

L’Alto Commissario Volker Türk ha espresso il suo rammarico per le recenti azioni israeliane relative alla Cisgiordania occupata. In un rapporto presentato al Consiglio per i diritti umani, ha affermato che la grande accelerazione nella costruzione degli insediamenti esacerba modelli di oppressione, violenza e discriminazione di lunga data contro i palestinesi.

Il livello più alto

L’Alto Commissario ha riferito che la dimensione degli insediamenti israeliani esistenti è aumentata in modo significativo durante il periodo coperto dal rapporto, dal 1° novembre 2022 al 31 ottobre 2023. 

Durante questo periodo sono state costruite circa 24.300 unità abitative all’interno degli insediamenti israeliani in Cisgiordania, il livello più alto registrato dall’inizio del monitoraggio nel 2017. Ciò includeva circa 9.670 unità a Gerusalemme Est.

Il rapporto conclude che le politiche dell’attuale governo israeliano sembrano essere allineate a un livello senza precedenti con gli obiettivi del movimento degli insediamenti israeliani , che mira ad espandere il controllo a lungo termine sulla Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est, e a integrarlo costantemente. territorio occupato nello Stato di Israele.

L’Alto Commissario per i Diritti Umani ha affermato che le politiche israeliane “ contrarie alle opinioni di un’ampia gamma di stati presentate durante le udienze tenutesi appena due settimane fa presso la Corte internazionale di giustizia ” , riferendosi alle udienze che prendono in considerazione le conseguenze legali dell’azione israeliana politiche e pratiche nei territori palestinesi occupati.

Una minaccia alla possibilità di fondare uno Stato

Muhammad Abu Saif (Abu Khaled), 90 anni, parla con un dipendente dell'OCHA delle crescenti pressioni sulla sua comunità da parte dei coloni dopo il 7 ottobre.
OCHA

Il rapporto afferma che la creazione di insediamenti israeliani illegali e la continua espansione di insediamenti israeliani illegali vanno di pari passo con lo sfollamento dei palestinesi attraverso la violenza dei coloni israeliani e dello Stato, così come attraverso gli sgomberi forzati, il mancato rilascio di permessi di costruzione, la concessione di case demolizioni e restrizioni alla circolazione dei palestinesi.

Volker Türk ha sottolineato che la violenza dei coloni e le violazioni legate agli insediamenti hanno raggiunto nuovi livelli scioccanti, minacciando di eliminare ogni possibilità pratica di creare uno Stato palestinese vitale .

Il rapporto della Commissione evidenzia il drammatico aumento dell’intensità, dell’intensità e della frequenza della violenza da parte dei coloni israeliani e dello Stato israeliano contro i palestinesi nella Cisgiordania occupata, compresa Gerusalemme Est, soprattutto a partire dal 7 ottobre 2023, accelerando lo sfollamento dei palestinesi dalle loro terre .

Al 7 ottobre, gli ultimi dati delle Nazioni Unite mostrano:

603 attacchi da parte di coloni contro palestinesi. 

Lo sfollamento di 1.222 palestinesi da 19 comunità di pastori come risultato diretto della violenza dei coloni.

9 palestinesi sono stati uccisi dai coloni usando armi da fuoco. 

Altri 396 sono stati uccisi dalle forze di sicurezza israeliane e due sono stati uccisi dalle forze di sicurezza israeliane o dai coloni.

592 persone – tra cui 282 bambini – sono state sfollate in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, dopo che le loro case sono state demolite a causa della mancanza di permessi di costruzione israeliani, quasi impossibili da ottenere.

Decine di casi di coloni che indossavano uniformi totali o parziali dell’esercito israeliano e portavano fucili, per poi molestare e attaccare i palestinesi. 

Il rapporto afferma che questi sviluppi hanno aumentato la difficoltà di distinguere tra violenza dei coloni e violenza dello stato, compresa la violenza con l’intenzione dichiarata di rimuovere con la forza i palestinesi dalle loro terre.

L’Alto Commissario per i Diritti Umani ha sottolineato la necessità di fermare immediatamente le azioni di Israele contro la popolazione palestinese. Ha affermato che l’unica via da seguire è trovare una soluzione politica praticabile che ponga fine all’occupazione una volta per tutte, istituisca stati palestinesi indipendenti e garantisca i diritti fondamentali del popolo palestinese.

Sorgente: Un rapporto delle Nazioni Unite sull’espansione degli insediamenti illegali israeliani nella Cisgiordania occupata | Notizie delle Nazioni Unite

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20