0 12 minuti 1 mese

(Yair Rosenberg – The Atlantic) – Da quando Israele è stato fondato nel 1948, ha messo in campo un esercito di cittadini con la coscrizione obbligatoria degli ebrei, con un’eccezione molto notevole: gli studenti ultra-ortodossi, o Haredi, della yeshivah non prestano servizio. Questa dispensa risale a David Ben-Gurion, il primo ministro socialista ebreo laico, che vedeva gli ultraortodossi israeliani come ciò che restava di un vecchio mondo moribondo.

E quando la leadership della comunità ortodossa chiese un’esenzione dalla leva, Ben-Gurion calcolò che fosse un piccolo prezzo da pagare per il loro sostegno. A quel tempo, gli ultraortodossi costituivano circa l’1% della popolazione israeliana e l’esenzione si applicava solo a 400 giovani nei seminari religiosi.

Ieri. Oggi la comunità Haredi conta circa 1,2 milioni, più del 13% della popolazione totale di Israele. E poiché questa comunità ha il tasso di natalità più alto del paese, le sue fila non potranno che ingrossarsi. In altre parole, il gruppo in più rapida crescita nella società israeliana non presta servizio nelle sue forze armate.

Dal 7 ottobre, la questione Haredi è esplosa. Dopo che Hamas massacrò 1.200 israeliani e ne rapì altre centinaia, il paese iniziò una delle più grandi mobilitazioni della sua storia. Figli e coniugi lasciarono le famiglie per il fronte, lasciando nella loro assenza paura e incertezza. Da allora sono stati uccisi quasi 250 soldati e altre migliaia sono rimasti feriti.

Nel frattempo, la vita Haredi è continuata in gran parte come al solito, non toccata dalla guerra e dal suo prezzo. Gli studenti della Yeshiva sono stati persino fotografati mentre si godevano una vacanza sulla neve all’estero mentre i loro coetanei erano sul campo di battaglia.

Alcuni individui ultra-ortodossi prestano servizio volontariamente nell’esercito e altri agiscono come primi soccorritori, ma il loro numero è insignificante. A febbraio, la cifra record di 66.000 uomini Haredi in età militare hanno ricevuto esenzioni; appena 540 si erano arruolati dall’inizio della guerra. In altre parole, nelle Forze di Difesa Israeliane prestano servizio più arabi israeliani che ebrei ultra-ortodossi.

L’esclusione degli Haredi irrita da tempo i cittadini laici di Israele. Yair Lapid, leader dell’opposizione di centrosinistra ed ex primo ministro, è salito alla ribalta nel 2012 con una campagna che prometteva “uguaglianza di oneri”. Prima di lui, il politico di destra Avigdor Lieberman ha costruito il suo elettorato laico russo su un impegno simile. Ma ciò che è cambiato dal 7 ottobre è che questo malcontento non proviene più esclusivamente dai soliti sospetti, come il partito di sinistra Eretz Nehederet , ma dai sostenitori dell’attuale coalizione di governo, compresa la più moderna destra religiosa.

A differenza degli ultra-ortodossi, la comunità religiosa sionista di Israele è pienamente integrata nell’esercito e nell’economia del paese. In sintonia con la devozione Haredi, in genere è rimasto fuori dai dibattiti sulla coscrizione, ma ora non più. All’inizio di gennaio, un educatore religioso sionista di Gerusalemme ha pubblicato una “ Lettera aperta alle nostre sorelle Haredi ”.

In esso, implorava le madri ultra-ortodosse di incoraggiare i loro figli ad arruolarsi nell’IDF. “Questa realtà non è più tollerabile”, ha scritto. “A coloro che pensano che il loro figlio non è adatto al servizio militare, diciamo: molti dei nostri figli non sono adatti a fare il soldato. Nessuno di loro è adatto a morire in guerra. Nessuno di noi è adatto a mandare un bambino a rischiare la vita. Facciamo tutti questo perché è impossibile vivere qui senza esercito… e siamo tutti responsabili gli uni degli altri: non può essere che altri rischino e rischiano i loro figli per me, e io e i miei figli non rischiamo per loro.” La lettera ha ora quasi 1.000 firme.

La pressione di base su questo tema da parte della comunità religiosa non Haredi è aumentata al punto che Bezalel Smotrich, il politico ultranazionalista e ministro delle finanze che ha corteggiato i voti Haredi, si è unito alla campagna anti-esenzione, almeno retoricamente. “La situazione attuale è scandalosa e non può continuare”, ha detto il mese scorso. “La rivendicazione della società israeliana contro la comunità [Haredi] è giusta”. Ma questa richiesta potrebbe essere quella che Netanyahu non può soddisfare.

Molto è stato scritto sulla dipendenza di Netanyahu dall’estrema destra israeliana per rimanere al potere. Ma per molti anni la spina dorsale della sua coalizione sono stati in realtà i partiti politici ultra-ortodossi. Sono rimasti al fianco del premier dopo che è stato incriminato con l’accusa di corruzione, e si sono rifiutati di passare all’opposizione anche dopo che Netanyahu non è riuscito a formare un governo in seguito alle successive elezioni in stallo .

Oggi, l’estrema destra fornisce 14 dei 64 seggi della coalizione di Netanyahu; i partiti Haredi ne forniscono 18. Il leader israeliano ha ampiamente ricompensato questa lealtà assicurando un flusso sempre crescente di sussidi pubblici agli elettori ultraortodossi e alle loro istituzioni religiose.

Poiché gli uomini Haredi possono mantenere la loro esenzione militare solo rimanendo nei seminari fino all’età di 26 anni, raramente entrano nel mondo del lavoro fino a tarda età. Di conseguenza, quasi la metà della comunità ultra-ortodossa vive in povertà e fa affidamento sul welfare statale, un percorso economico insostenibile che è un’altra fonte perenne di angoscia israeliana.

L’opinione pubblica israeliana – e in particolare la destra israeliana – era precedentemente disposta a guardare dall’altra parte rispetto all’arruolamento degli Haredi per portare avanti altre priorità politiche. Ma ora, in un momento di percepito conflitto esistenziale, l’arruolamento degli Haredi è diventata una delle principali preoccupazioni.

Israele affronta la guerra con i rappresentanti iraniani – Hamas nel sud e Hezbollah nel nord – e ha bisogno di più soldati, non di più persone che non possono essere arruolate. Per far fronte, il Paese ha esteso il dovere di riserva per gli attuali arruolati, sottolineando ulteriormente la disparità tra la loro esperienza e quella degli ultra-ortodossi. Una faglia di vecchia data nella società israeliana ha ora prodotto un terremoto.

Recenti sondaggi mostrano che gli ebrei israeliani – compresa la maggioranza politica di destra e di centro-destra – ora si oppongono in modo schiacciante alle esenzioni generalizzate dall’Haredi. Un sondaggio di febbraio ha rilevato che un sorprendente 73% era contrario alle esenzioni, in aumento di 11 punti rispetto a novembre. Un sondaggio pubblicato questa settimana ha rilevato analogamente che il 73% degli ebrei israeliani, compresa la maggioranza delle persone che hanno votato per il governo Netanyahu, si oppongono ai sussidi di miliardi di shekel alle istituzioni Haredi che sono inclusi nell’attuale proposta di bilancio del governo.

Sfortunatamente per Netanyahu, il tempo a disposizione per risolvere questo problema sta esaurendosi, e le sue consuete tattiche di temporeggiamento potrebbero non essere sufficienti. Questo perché non solo l’opinione pubblica israeliana, ma anche la Corte Suprema israeliana ha messo la questione all’ordine del giorno. Già nel 1998, l’Alta Corte aveva stabilito che l’esenzione ultra-ortodossa violava il principio di uguaglianza davanti alla legge e ha ordinato al Parlamento di legiferare su un accordo più equo per sostituire il regime esistente.

Da allora, i governi israeliani che si sono succeduti hanno tentato, senza riuscirci, di elaborare una soluzione del genere, gettando costantemente gli ostacoli. Mesi prima della guerra, l’attuale governo fissò la scadenza del 31 marzo per approvare la propria legislazione per risolvere la questione della bozza Haredi. Si prevedeva che questo sarebbe stato l’ennesimo esercizio di equivoco, lasciando la maggior parte degli ultra-ortodossi esentati in modo da mantenere unita la coalizione, e probabilmente organizzando un’altra resa dei conti con la Corte Suprema. In altre parole, più o meno la stessa cosa.

Ma dopo il 7 ottobre la stessa cosa non è più sufficiente. Con l’opinione pubblica infuriata per quello che molti vedono come un privilegio Haredi, Netanyahu si trova ad affrontare una rivolta tra le sue fila. In particolare, il ministro della Difesa Yoav Gallant ha pubblicamente chiesto la fine delle esenzioni e ha affermato che non sosterrà alcuna legislazione in materia che non sia approvata anche da Benny Gantz, un deputato centrista dell’opposizione e rivale di Netanyahu.

Ma qualsiasi progetto di legge Haredi che soddisfi Gantz e Gallant difficilmente soddisferà i partiti Haredi, che percepiscono l’arruolamento come una minaccia al loro stile di vita ortodosso. E se non verrà approvata alcuna nuova legislazione, l’IDF dovrà iniziare a redigere la proposta ultra-ortodossa il 1° aprile.

Con l’avvicinarsi di questa scadenza, le tensioni sono esplose allo scoperto. La settimana scorsa, Yitzhak Yosef, il rabbino capo sefardita di Israele, ha dichiarato che “se ci obblighi a arruolarci nell’esercito, ci trasferiremo tutti all’estero”. L’ultimatum suscitò una diffusa condanna , anche all’interno del governo di estrema destra. “Redazione ai militari: una buona azione!” ribatté il gruppo di Smotrich.

“Il servizio militare è un enorme privilegio per un ebreo che difende se stesso nel suo Paese e una grande impresa”, ha aggiunto la fazione di estrema destra del ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir. Non è chiaro se queste visioni del mondo possano essere riconciliate e l’incapacità di colmarle potrebbe far cadere il governo.

I sondaggi mostrano che la stragrande maggioranza degli israeliani vuole che Netanyahu si dimetta, adesso o dopo la guerra; che la maggior parte degli israeliani vuole elezioni anticipate; e che l’attuale coalizione di estrema destra verrebbe schiacciata se quelle elezioni si tenessero domani. Il leader della maggioranza al Senato americano Chuck Schumer, sicuramente a conoscenza di questi sondaggi, ha chiesto ieri che Israele si rechi alle urne per scegliere la nuova leadership.

Il problema per l’opinione pubblica israeliana è che nessun meccanismo esterno obbliga Netanyahu a indire nuove elezioni, e i terribili sondaggi per la sua coalizione danno ai suoi membri ogni incentivo ad accettare le differenze e a tenere a galla il governo piuttosto che affrontare gli elettori. La coscrizione Haredi è forse l’unica questione che potrebbe mandare in frantumi questo cinico patto.

Non è mai saggio scommettere contro Netanyahu, l’ultimo sopravvissuto di Israele. Perseguirà ogni possibile strada per documentare questo problema. Ma se fallisce, i suoi alleati ultra-ortodossi potrebbero essere costretti a lasciare la coalizione, rompendola dall’interno per forzare le elezioni e congelare lo status quo fino a quando un nuovo governo non avrà prestato giuramento. E se ciò accadesse, l’altra guerra civile di Israele potrebbe rivendicare la sua fine. Prima vittima: la carriera politica di Netanyahu.

Sorgente: Il terremoto che potrebbe mandare in frantumi il governo di Netanyahu (e ristabilire la pace a Gaza) – infosannio – notizie online

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20