0 8 minuti 4 settimane

Un disegno di legge statunitense che, se approvato, obbligherebbe la vendita della piattaforma di condivisione video TikTok ha suscitato reazioni contrastanti da parte dei commentatori cinesi, con alcuni che tracciano parallelismi con la censura cinese di Internet e altri che si meravigliano dell’acceso dibattito attorno all’app.

TikTok, la cui società madre è la cinese ByteDance, ha 170 milioni di utenti americani mensili. Ha suscitato preoccupazioni in termini di sicurezza a Washington il fatto che Pechino possa utilizzare l’app per propaganda o per influenzare l’opinione pubblica americana, in particolare in vista delle elezioni presidenziali di novembre. 

 

La legislazione approvata mercoledì dalla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti vieterebbe l’app in America se ByteDance non dovesse cedere la sua partecipazione di controllo nell’app dei social media. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che firmerà il disegno di legge se sarà approvato dalla Camera alta del Senato.

 

Alcuni utenti cinesi dei social media hanno criticato la mossa, dicendo che era simile alla censura.

 

“Lì è lo stesso [come in Cina], divieti reciproci su tutto, solo che lì il processo è più complicato”, ha commentato @LLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLsm del Guangdong, riferendosi al blocco di Twitter e Facebook per gli utenti all’interno del Grande Firewall della censura di Internet .

 

“Ci sarà un’ondata di bianchi che cercheranno di superare il Grande Firewall [in Cina] adesso,” ha scherzato Hantang_Lengyue_1130 da Pechino.

 

“Dal punto di vista cinese, spero che TikTok possa continuare ad esistere negli Stati Uniti”, ha commentato un altro utente, 1_lowkey_1 del Gansu. “Da un altro punto di vista, questo mi dà una sensazione di confusione. Può davvero questa cosa rendere gli americani così dipendenti? È potente.”

 

Costretti a fornire i dati degli utenti di Pechino?

 

I legislatori che sostengono il disegno di legge affermano che TikTok è tenuto, ai sensi della legge cinese, a esporre i dati degli utenti americani a Pechino su richiesta e affermano che potrebbe essere costretto a modificare i suoi algoritmi per promuovere la propaganda cinese.

ENG_CHN_TikTokReax_03152024.2.jpg
I rappresentanti Raja Krishnamoorthi, a sinistra, e Mike Gallager parlano con i giornalisti dopo che la Camera dei Rappresentanti ha votato una legislazione da loro co-sponsorizzata che potrebbe vietare TikTok, al Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, DC, il 13 marzo 2024. (Chip Somodevilla/Getty Immagini)

TikTok ha negato qualsiasi interferenza da parte di Pechino e il ministero degli Esteri cinese ha affermato che non vi è “nessuna prova” di alcuna minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

 

“Preferirei che lo rimuovessero piuttosto che venderlo: in questo modo il popolo americano prenderebbe le armi e combatterebbe il governo degli Stati Uniti fino alla fine,” ha scritto @Golden_Annunciation_Bird_999.

 

L’utente @Xiao_Xianyu ha aggiunto da Pechino: “I redneck sono i più arrabbiati, perché la loro piattaforma principale sta per essere bloccata”.

 

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, giovedì ha accusato Washington di usare “la pura logica dei ladri per provare con ogni mezzo a strappare agli altri tutte le cose buone che hanno”.

 

Venerdì il Ministero degli Affari Esteri ha risposto ulteriormente con un commento intitolato “La verità sulla cosiddetta libertà di parola negli Stati Uniti”. 

 

Il disegno di legge TikTok “viola i diritti concessi al popolo americano dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, sopprime e danneggia la libertà di oltre 150 milioni di utenti americani di TikTok e costituisce un precedente preoccupante”, si legge nell’editoriale.

 

Tutela della libertà di parola

 

Uno studente cinese residente negli Stati Uniti, laureato in informatica, che ha chiesto di rimanere anonimo per paura di ritorsioni, ha affermato di non utilizzare la versione cinese di TikTok, Douyin, citando problemi di privacy.

 

Ma ha detto di sostenere altri che vogliono utilizzare l’equivalente dell’app negli Stati Uniti, e non sembra sostenere un’iniziativa legale contro TikTok: “I diritti garantiti dal Primo Emendamento sono molto importanti”, ha detto lo studente.

 

“Se ci sono casi individuali di divulgazione di dati, possono semplicemente multarli, come fanno con Facebook”, ha detto.

ENG_CHN_TikTokReax_03152024.3.JPG
Una donna realizza un video da pubblicare su TikTok mentre si trova a Times Square a New York City, il 13 marzo 2024. (Mike Segar/Reuters)

Nello Zhejiang, anche @The_romantic_and_talented_Mi_Duoduo pensava che la potenziale vendita forzata non fosse una buona idea.

 

“Il proibizionismo non farà altro che rendere impossibile la vita ai più poveri, e ci saranno sempre più disordini sociali”, hanno commentato.

 

“[TikTok] ha rovesciato alla radice l’imperialismo americano, insieme alla sua egemonia sull’opinione pubblica,” ha commentato @na_jia丶 da Guizhou, 

 

Nel frattempo, @not_a_thief ha aggiunto dall’Hubei: “Gli Stati Uniti sono stati fondati su una piattaforma di libertà di parola”. 

 

Un ingegnere informatico con sede a Washington che proviene dalla Cina e che ha chiesto di rimanere anonimo per paura di ritorsioni, ha detto a RFA Mandarin che l’approccio migliore era quello di costruire un’azienda statunitense che potesse competere adeguatamente con TikTok.

 

“Qui non succederà”

 

James A. Lewis, vicepresidente senior e direttore dello Strategic Technologies Program presso il Center for Strategic and International Studies di Washington, ha raccomandato di utilizzare un’offerta pubblica iniziale statunitense, o IPO, per consentire agli attuali proprietari di TikTok, ByteDance, di incassare l’azienda e trarre profitto in tal modo.

 

“Una IPO a Wall Street fornirebbe un veicolo al Comitato per gli investimenti esteri (CFIUS) per intervenire e imporre condizioni all’IPO per mitigare il rischio”, ha scritto Lewis in un commento del 13 marzo sul sito web del Centro.

ENG_CHN_TikTokReax_03152024.4.JPG
Il deputato Maxwell Frost, gli altri membri della Camera e i creatori di TikTok esprimono la loro opposizione alla legislazione TikTok, a Capitol Hill a Washington, DC, il 12 marzo 2024. (Craig Hudson/Reuters)

Ma ha avvertito che esiste “un problema più ampio e complicato relativo all’uso del software cinese nelle app e nelle reti statunitensi”, invitando il Dipartimento del Commercio a indagare sulla portata di tale problema.

 

“Gli Stati Uniti dovrebbero gestire il rischio creato dalle profonde connessioni tecnologiche con una nazione ostile e inaffidabile che sta intraprendendo la più grande campagna di spionaggio della storia”, ha affermato Lewis.

 

Sebbene non tutta la tecnologia cinese crei rischi, i rischi reali possono essere mitigati, compresi quelli attribuiti a TikTok, ha affermato.

 

Xia Ming, professore di scienze politiche alla City University di New York, ha osservato che LinkedIn è stato costretto a chiudere in Cina l’anno scorso e che il disegno di legge TikTok potrebbe essere visto come una misura di ritorsione. 

 

“Se mi prendi a calci, devo respingerti”, ha detto Xia. Ma ha detto che è improbabile che la libertà di parola venga influenzata dalla mossa.

 

“La differenza fondamentale è che, se ascolti Voice of America o Radio Free Asia in Cina, la polizia di sicurezza dello Stato verrà a prenderti”, ha detto Xia. “Questo non accadrà negli Stati Uniti.”

Sorgente: Il disegno di legge statunitense contro TikTok suscita reazioni contrastanti in Cina – Radio Free Asia

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20