0 6 minuti 2 mesi

Dall’inizio dell’aggressione contro la Striscia di Gaza il 7 ottobre 2023 , le forze di occupazione israeliane hanno praticato ordini di sfollamento di massa forzato contro la popolazione civile, sia maschile che femminile, nella Striscia di Gaza, in un precedente che ha gravemente colpito le loro vite e le loro vite. sicurezza e li hanno posti in condizioni disumane senza precedenti. 

Questa sofferenza è stata esacerbata dai bombardamenti ripetuti da parte delle forze di occupazione israeliane sui luoghi di sfollamento di uomini e donne, che hanno colpito molti di questi luoghi, compresi quelli affiliati alle Nazioni Unite, il che equivale a violazioni gravi e sistematiche delle regole di diritto internazionale umanitario, in particolare la Quarta Convenzione di Ginevra per la protezione delle persone civili in tempo di guerra, del 12 agosto 1949, che prevede una protezione speciale per i civili e proibisce di mettere in pericolo la loro vita, intimidirli o allontanarli con la forza dalle loro case . Il numero dei martiri nei vari centri per sfollati è stimato a migliaia, e il numero dei feriti è nell’ordine delle decine di migliaia, il che rivela non solo un chiaro disprezzo israeliano per la vita dei civili, uomini e donne, ma anche l’intenzione di infliggere il danno più grave su di loro e rivela l’intenzione del genocidio.

Nonostante l’emissione di una decisione della Corte Internazionale di Giustizia il 26 gennaio 2024, che chiede allo stato occupante israeliano di fermare tutti gli atti che potrebbero costituire un genocidio, compresi gli atti criminali descritti negli articoli da II (a) a (d) della Convenzione per la Prevenzione e la Repressione del Genocidio. Tuttavia , il comportamento israeliano nei confronti dei civili e delle aree civili non è cambiato, e il tasso di martiri e feriti tra i civili, uomini e donne, nei vari luoghi di sfollamento rimane elevato, senza alcun meno di 150 martiri e centinaia di feriti ogni giorno. Forse il fatto di aver preso di mira, con bombardamenti e raid, tre ospedali nella città di Khan Yunis, tra cui migliaia di sfollati, è una prova convincente della chiara negazione israeliana della decisione della corte.

Le statistiche disponibili indicano che le autorità di occupazione hanno sfollato più dell’85% della popolazione della Striscia di Gaza, vale a dire più di 1,9 milioni di persone. Il Relatore speciale sugli sfollati interni ha espresso  il suo sgomento per gli ordini di evacuazione su larga scala ordinati dall’esercito occupante e ha espresso il suo timore per l’esistenza di un piano israeliano volto a espellere dalla Striscia la maggior parte dei residenti della Striscia di Gaza. Gli sfollati, uomini e donne, la maggior parte dei quali ha subito più di una volta lo sfollamento dalle aree in cui avevano cercato di rifugiarsi, vivono in condizioni disumane a causa dell’assenza di qualsiasi necessità per provvedere al minimo necessario di vita a causa del soffocante regime israeliano. assedio della Striscia di Gaza. A causa della minaccia israeliana e dei bombardamenti gravi e diffusi, uomini e donne sfollati si sono rifugiati in… Vari luoghi, tra cui scuole, ospedali, cliniche del centro sanitario dell’UNRWA, case di parenti, alcuni istituzioni internazionali, strade e centri di accoglienza su terreni e piazze pubbliche.

 Il numero di uomini e donne sfollati è aumentato drammaticamente a causa dell’incessante politica di sfollamento di massa perseguita dall’esercito di occupazione israeliano contro i residenti della Striscia di Gaza. Uno degli episodi più importanti nella serie di sfollamenti di massa è stato l’ordine israeliano di sfollare i residenti di Gaza City e del nord, il cui numero è stimato a circa 1,3 milioni di persone, la maggior parte delle quali sono state costrette a farlo sotto il peso di politiche indiscriminate. bombardamento, che costò la vita a migliaia di civili, uomini e donne. Circa due mesi dopo, e con la continuazione dell’aggressione, le forze di occupazione, allo stesso modo, hanno costretto i residenti del Governatorato Centrale Orientale e del Governatorato di Khan Yunis a evacuare le loro case e i centri di sfollamento, e hanno ordinato alla maggior parte di loro recarsi nella città di Rafah, che oggi accoglie più di un milione di sfollati. Questa politica, insieme al soffocante assedio della Striscia di Gaza e all’ostruzione dell’ingresso degli aiuti, ha creato una soffocante crisi umanitaria che sta devastando la vita degli sfollati ed esponendo la loro sicurezza e le loro vite a un pericolo reale. Il processo di sfollamento è ancora in corso, con un numero sempre maggiore di residenti e sfollati costretti a lasciare le proprie case o i luoghi in cui sono stati sfollati. Con l’intensificarsi delle minacce di un’imminente invasione del Governatorato di Rafah, che rappresenta l’ultimo rifugio per gli sfollati e l’ultima speranza di sfuggire a morte certa a causa dei bombardamenti indiscriminati nelle zone di invasione terrestre, o alla minaccia di carestia che imperversa Nel nord della Striscia di Gaza, le possibilità di sopravvivere al genocidio commesso dall’esercito di occupazione israeliano nella Striscia di Gaza sono diventate molto deboli.

Questo rapporto evidenzia l’attacco di Israele ai centri e luoghi per sfollati nella Striscia di Gaza, con la continuazione dell’aggressione sulla Striscia, che ha causato decine di migliaia di martiri e dispersi, con un numero stimato finora in più di 35mila persone, in Oltre a più di 

https://www.alhaq.org/ar/advocacy/22777.html?fbclid=IwAR2UTo1Py1-H2suorqpjVjBqLG1Tw3sLIAwnbfTStIVr9ANkwgeMt5eVzoU

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20